Internet Explorer non è più supportato

Per utilizzare al meglio il sito web ti preghiamo di usare un browser web attuale.

Planetary Health Diet: il piano alimentare per il futuro

La Planetary Health Diet, ovvero dieta della salute planetaria, è un modello nutrizionale che protegge sia la salute delle persone che l'ambiente. Ecco come possiamo implementarla nella vita quotidiana.

Come possiamo nutrire in modo sano una popolazione crescente senza distruggere la nostra terra nel contempo? La risposta a questo è la "Planetary Health Diet". Gli scienziati hanno sviluppato questo modello per un'alimentazione che potrebbe nutrire circa 10 miliardi di persone in modo equilibrato e sostenibile entro il 2050. Una cosa è certa: se vogliamo salvare il mondo, abbiamo bisogno di una svolta nutrizionale. 

Il doppio dei vegetali, la metà dello zucchero e della carne rossa

EAT-Lancet Commission

La Commissione EAT-Lancet riunisce 37 scienziati provenienti da 16 Paesi nei settori della salute, della nutrizione, della sostenibilità ambientale, dei sistemi alimentari, dell'economia e della governance politica. Lo Stockholm Resilience Center è stato il coordinatore scientifico del rapporto.

La base scientifica di questa svolta è stata creata da 37 scienziati della Commissione EAT-Lancet (vedi box). Nel loro rapporto, mostrano come la nutrizione deve essere orientata al futuro attraverso un sistema di alimentare sostenibile. La formula breve è: raddoppiare il consumo di frutta, verdura e legumi - dimezzare il consumo di carne e zucchero. Parallelamente, dobbiamo migliorare la produzione alimentare e ridurre lo spreco alimentare.

Cosa mettere nel piatto secondo il piano alimentare della salute planetaria: una grande porzione di prodotti integrali ogni giorno, così come frutta e verdura. Sono previste anche quantità moderate di pesce e pollo e una porzione molto piccola di carne rossa. Le verdure amidacee come le patate o la manioca, i latticini, lo zucchero e i grassi saturi dovrebbero svolgere solo un ruolo minore.

Planetary Health Diet: indicazione concreta delle quantità

Ed ecco come appaiono le quantità in termini concreti per un apporto calorico giornaliero di 2500 kcal:

Piatto grammi/giorno (quantità flessibile)

kcal/giorno

Prodotti integrali

(riso, cereali, mais, ecc.) 

232  811

Tuberi/Verdure amidacee

(patate, Cassava)

50 (0–100)  39
Verdure 300 (200–600) 78
Frutta 200 (100–300)

126

Prodotti lattiero-caseari   250 (0–500) 153
     

Fonti di proteine:

   
Manzo, agnello o maiale 14 (0–28) 30
Pollo/Pollame 29 (0–50) 62
Uova 13 (0–25) 19
Pesce 28 (0–100) 40
Legumi 75 (0–100) 284
Noci 50 (0–75) 291
     
Grassi, aggiunti:    
insaturi  40 (20–80)      354
saturi 11.8 (0–11.8) 96
     
Zucchero, aggiunto: 31 (0–31) 120

 

Oltre ai benefici ambientali, la Planetary Health Diet eviterebbe anche circa 11 milioni di morti premature per malattie legate alla dieta, secondo le stime dei ricercatori.

(Continuazione in basso...)

Questa dieta avveniristica è attuabile?

Un vantaggio è il seguente: le quantità dei singoli gruppi di alimenti rappresentano una guida e possono variare. "Queste variazioni permettono una flessibilità per diversi tipi di pietanze, sistemi agricoli, tradizioni culturali e preferenze alimentari individuali - comprese numerose diete onnivore, vegetariane e vegane", dice il co-presidente della commissione, il noto nutrizionista Prof. Dr. Walter Willet della Harvard University.  

Anche il fabbisogno calorico giornaliero va adattato individualmente. Il valore di 2500 kcal/al giorno indicato dagli scienziati è infatti troppo elevato per le persone che svolgono attività prevalentemente sedentarie. D'altra parte, questa quantità di energia è insufficiente per le persone che svolgono un lavoro fisico pesante.

La Planetary Health Diet è flexitariana

La dieta della salute planetaria è una dieta flexitariana. Sono chiaramente i flexitariani ad essere contenti del piano alimentare: si nutrono prevalentemente senza carne. Quindi se c'è una bistecca in tavola solo ogni due settimane, o un filetto di pesce una volta alla settimana, per loro è perfetto.

Tuttavia, ci sono due punti decisivi che richiedono un ripensamento e un cambiamento radicale: la carne rossa e i cibi amidacei. A livello globale, dobbiamo ridurre il consumo di questi due gruppi di alimenti di due terzi ciascuno. Se si osserva più da vicino il consumo odierno dal punto di vista geografico, da un lato sarebbe fortemente colpito il Nord America, il cui consumo di carne rossa supera di sette volte la linea guida. E dall'altra parte, l'Africa, dove le persone consumano circa sette volte più verdure amidacee, come la manioca, di quanto raccomandato.

La Planetary Health Diet è adatta all'uso quotidiano?

Più vegetale, meno animale - qui nei paesi industrializzati, molte persone hanno una consapevolezza elevata per una dieta sana e sostenibile. Lo dimostra ad esempio anche la crescente offerta di alternative vegetali alla carne. Una svolta nutrizionale necessita certamente della ferma volontà della politica e dell'economia, oltre che di ognuno di noi. Rispettare le quantità prescritte può richiedere uno sforzo a breve termine ed è necessario abituarvisi.

Per noi, la Planetary Health Diet con i suoi piatti prevalentemente vegani e vegetariani è senz'altro attuabile nella vita di tutti i giorni. Cosa potrebbe prevedere il menu settimanale secondo il piano alimentare planetario-salutare? Lo dimostra, per esempio, la chef norvegese Lise Finckenhagen con il suo "Weekly Planetary Health Menu". Le idee vanno dal falafel wrap con hummus alla pizza di verdure, dal merluzzo al forno fino alla zuppa di ramen noodle con pollo.

Salute del pianeta

La strategia della svolta alimentare non comprende soltanto alimentarsi in modo diverso, ma anche produrre gli alimenti in modo diverso. In questo modo, le quantità necessarie saranno prodotte entro i limiti di carico ecologico della terra. Secondo gli scienziati, questo include non usare ulteriori superfici, preservare la biodiversità, ridurre il consumo idrico e usare l'acqua in modo responsabile, ridurre significativamente l'inquinamento da azoto e fosforo e non aumentare ulteriormente le emissioni di CO2, metano e protossido di azoto. E dimezzare i rifiuti alimentari.

Contenuti collegati

vai al Dossier

di Petra Koci,

pubblicato in data 05.02.2022


Potrebbe interessarti anche:

Abbonati alla newsletter iMpuls e vincere una carta regalo Migros

Iscriviti subito e vinci
geschenk-icon0