Internet Explorer non è più supportato

Per utilizzare al meglio il sito web ti preghiamo di usare un browser web attuale.

Come pulire il naso correttamente

Cosa fare in caso di naso chiuso? Relative istruzioni.

Le tre cause più comuni di un naso chiuso sono il raffreddore, l'infiammazione dei seni paranasali (sinusite) e il raffreddore da fieno. In tutti e tre i casi, la mucosa nasale si gonfia e produce più muco. Il gonfiore e la produzione di muco fanno chiudere il naso, per cui si fa ricorso al fazzoletto.

Rimuovere il muco

Il muco va rimosso dal naso per evitare la proliferazione di agenti infettivi e per non ostacolare la funzione dei peli nasali (cilia). Inoltre sussiste il rischio che il muco finisca in gola causando una tosse cronica. La pulizia del naso è pertanto consigliata.

 (Continua a leggere qui di seguito …)

Sei raffreddato o hai l'influenza?

vai al dossier

Tuttavia non bisogna soffiarlo con troppa forza

Bisogna fare attenzione a non soffiare il naso con troppa forza, preferibilmente una narice alla volta. Questo perché soffiare energicamente crea molta più pressione nel naso rispetto a quando si starnutisce o si tossisce. Ciò può peggiorare l'infiammazione nei seni paranasali.

Usare uno spray nasale o lavare il naso con acqua salata

Per evitare che si formi troppo muco si può usare uno spray nasale decongestionante. In caso di raffreddore da fieno sono utili gli antistaminici. Un rimedio comprovato sono i lavaggi nasali con acqua salata.

Usare un fazzoletto di carta una volta sola

Per non diffondere gli agenti patogeni, dopo l'uso i fazzoletti vanno gettati in una pattumiera chiusa e bisogna lavarsi le mani.

Prodotti adatti

di Julia Reinert,

pubblicato in data 27.01.2017, modificato in data 22.02.2022


Potrebbe interessarti anche:

Quiz estivo: Testa il tuo sapere estivo e vinci

Gioca ora
iMpuls_Sticky_Teaser_Sommer_Quiz_Webseite