Internet Explorer non è più supportato

Per utilizzare al meglio il sito web ti preghiamo di usare un browser web attuale.

Gli effetti del telelavoro a domicilio sul nostro rendimento lavorativo

Lavorare comodamente da casa, niente stress da pendolare: dall'avvento della pandemia, molte aziende permettono ai loro dipendenti di adottare modelli di lavoro più flessibili. Ciò offre vantaggi a entrambe le parti, afferma un'esperta.

La scorsa primavera, il desiderio a lungo atteso da numerosi dipendenti è stato esaudito praticamente da un giorno all'altro: anche i Superiori che prima erano scettici nei confronti del telelavoro a domicilio hanno mandato a casa i loro dipendenti durante il lockdown. In tutta fretta, la cooperazione è stata riorganizzata tramite videoconferenze. Fino al 2018, la percentuale delle persone che lavoravano da casa almeno mezza giornata alla settimana era salita a solo il 24%. Nel 2020, la pandemia ha aumentato il lavoro a domicilio: quasi tutti coloro il cui lavoro lo permetteva hanno lavorato nel proprio salotto o nella propria camera da letto per almeno sei settimane.

Successivamente, diverse aziende hanno chiesto ai propri dipendenti di tornare in ufficio. Ma un numero sempre maggiore di Superiori riconosce anche i vantaggi dei modelli di lavoro più flessibili e permettono il lavoro da casa, almeno in parte. Spesso si desidera che nei giorni con riunioni importanti tutti siano sul posto, mentre il resto della settimana non vige l'obbligo di essere presenti.

Maggiore creatività e meno stress grazie al telelavoro a domicilio

La soddisfazione è stata grande quando la forma di lavoro è stata attuata in maniera abbastanza inattesa per la maggior parte di loro e in una situazione complessivamente sconcertante. I problemi maggiori li hanno avuti i genitori dei bambini in età scolare quando anche le scuole sono state chiuse. L'azienda Deloitte era pertanto curiosa di conoscere l'andamento dello stato d'animo dei dipendenti.

(Continuazione in basso...)

Lavorare in modo efficiente grazie a meno distrazioni

 

All'inizio del 2021, durante il secondo lockdown, la società di consulenza ha condotto un ulteriore sondaggio che ha dimostrato che molti vorrebbero proseguire a lungo con questo modello lavorativo. Quasi due terzi dei 2'000 partecipanti hanno risposto che, in futuro, vorrebbero lavorare da casa per almeno metà del tempo o addirittura tutto il tempo. Solo il 12% desidera trascorrere tutto il tempo in ufficio.

Il telelavoro a domicilio è apprezzato per svariati motivi: l'eliminazione del tragitto per recarsi al lavoro, un'organizzazione più flessibile delle giornate lavorative o la sensazione di benessere tra le proprie quattro mura. Quasi la metà degli intervistati si sente inoltre più produttivo lavorando da casa. Come aspetti problematici sono stati indicati la mancanza di locali e infrastrutture e, soprattutto, la mancanza di interazione personale. Un interessante evincimento di questo secondo sondaggio è che non tutti gli impiegati lavorano a casa propria. Quasi la metà degli intervistati adotta occasionalmente il telelavoro per lavorare a casa di amici, in un appartamento di vacanze o in uno spazio di co-working.

Il controllo in ufficio non ha senso

Il capo divisione di Deloitte, Veronica Melian, consiglia alle aziende di continuare a permettere ai loro dipendenti di lavorare da casa in misura ragionevole. «Un rifiuto totale non sarebbe sostenibile.» I Superiori non dovrebbero supervisionare i propri dipendenti con un rigido controllo delle presenze e delle ore di lavoro ma attraverso una mission comune. Tuttavia, se alcuni o molti lavorano all'esterno è anche importante favorire un valido scambio e una buona coesione tra loro.

Una combinazione di entrambi i modelli, una cosiddetta forma ibrida di lavoro, faciliterebbe ai genitori di occuparsi dei propri figli – e le condizioni per le persone con lunghi tragitti di lavoro o mobilità limitata verrebbero migliorate, evidenzia Veronica Melian. La flessibilizzazione incrementerebbe la diversità nelle aziende e contrastare la carenza di lavoratori qualificati. «Ne trarrebbero beneficio sia i dipendenti sia le aziende.»

Tutto ciò che c'è da sapere sul lavoro e sulla salute

Vai al dossier

di Andrea Söldi,

pubblicato in data 09.12.2021


Potrebbe interessarti anche:

Quiz estivo Migros. Gioca ora e vinci fantastici premi.

Vai al quiz estivo
iMpuls_Sticky_Teaser_Sommer_Quiz_Webseite