Internet Explorer non è più supportato

Per utilizzare al meglio il sito web ti preghiamo di usare un browser web attuale.

Cisti ovariche: cosa fare?

Le cisti possono formarsi in molti organi. Nelle donne sono più frequenti a livello delle ovaie. L'età della donna gioca un ruolo importante su come procedere.

Che cos'è una cisti?

Una cisti è una cavità piena di liquido circondata da un sottile strato di tessuto. La si può immaginare come un palloncino riempito di liquido. Le cisti possono contenere liquido tissutale, sangue, pus, muco o sebo, peli e persino denti. Il termine «cisti» non dice nulla sul fatto che un cambiamento sia benigno o maligno.

Dove si formano le cisti

Le cisti possono formarsi in quasi tutti gli organi e in quasi tutti i punti del corpo o possono essere già presenti a livello congenito. Nelle donne in età fertile sono frequenti le cisti a livello delle ovaie (cisti ovariche). Tuttavia, esistono anche cisti che si formano nella tuba di Falloppio o nel peritoneo.

Come si riconoscono le cisti ovariche

Spesso le cisti non provocano alcun sintomo e vengono scoperte solo per caso con l'ecografia, ad esempio durante un controllo ginecologico preventivo. Le cisti ovariche possono provocare disturbi emorragici, ad esempio emorragie continue o emorragie dopo la menopausa.

A seconda delle dimensioni, possono anche causare dolore al basso ventre. Quando viene superata una certa dimensione, gli organi vicini possono essere spostati. La pressione sull'intestino può causare stitichezza, mentre quella sulla vescica può causare una minzione frequente. Se l'uretere è ristretto, si verifica una ristagno di urina nel rene. L'esplosione di una cisti ovarica può essere molto dolorosa.

Il tipo più comune di cisti alle ovaie

Si tratta delle cosiddette «cisti funzionali». Sono particolarmente frequenti nelle donne in età adolescenziale o giovani e poi ancora nelle donne in pre-menopausa, cioè all'inizio e alla fine della fase riproduttiva. Se l'ovulazione non avviene correttamente perché il ciclo ormonale è disturbato, può verificarsi la «persistenza del follicolo». Questo significa che il cosiddetto follicolo con un ovulo al suo interno non scoppia e non rilascia la cellula uovo verso la metà del ciclo, come avviene di solito, ma rimane al suo posto più a lungo. In genere, le cisti funzionali scompaiono dopo poche settimane.

Le cisti endometriosiche sono invece un caso particolare. Nelle donne che soffrono di endometriosi, il tessuto della mucosa dell'utero si deposita in altre parti dell'addome, in altri organi e talvolta anche nell'ovaio. Durante le mestruazioni, queste piccole isole di membrana uterina sanguinano. Poiché il sangue mestruale non può defluire nelle ovaie, si formano delle cisti. Le cisti endometriosiche contengono prodotti di degradazione del sangue di colore marrone scuro in forma densa, per cui sono chiamate anche «cisti di cioccolato».

(Continuazione in basso...)

Contenuti collegati

Vai al Dossier

Sindrome dell'ovaio policistico (PCOS)

Uno dei sintomi correlati alla sindrome dell'ovaio policistico (PCOS) è la presenza di tante piccole cisti. Si tratta di una disfunzione ormonale che impedisce la maturazione dei follicoli, i quali, invece di maturare, si trasformano in piccole cisti che si allineano come un filo di perle nell'area marginale delle ovaie provocandone l'aumento di volume.

La PCOS è il disturbo ormonale più comune nelle donne in età fertile (5-10%). La causa esatta è sconosciuta, ma è probabile che al suo sviluppo contribuiscano fattori ereditari.

I sintomi tipici della PCOS sono mestruazioni irregolari o assenti in combinazione con peluria di tipo maschile, acne o perdita di capelli e/o aumento degli ormoni sessuali maschili nel sangue.

Esiste una correlazione con la cosiddetta "sindrome metabolica", ovvero la combinazione di obesità, alti livelli di glucosio nel sangue e ipertensione.
​ Perdere peso e modificare la dieta sono quindi passi importanti nel trattamento della PCOS.

Quali cisti possono rappresentare un rischio

La maggior parte delle cisti è benigna e innocua. In rari casi le cisti sono borderline o maligne. Nelle cisti ovariche l'età della donna gioca un ruolo importante. Le pazienti giovani hanno molto spesso cisti funzionali, cioè del tutto innocue. In una donna anziana che è in menopausa da molto tempo, tuttavia, una nuova cisti all'ovaio è insolita e deve essere verificata.

Quando e come vengono trattate le cisti

Emergenza

Le cisti ovariche più grandi possono portare a una complicazione chiamata torsione ovarica. In tal caso, la cisti ruota attorno al proprio asse, come un palloncino, con il rischio di torcere anche l'intero ovaio. Questo fenomeno si verifica soprattutto dopo movimenti bruschi come durante un rapporto sessuale o durante lo sport (jogging, trampolino, ecc.). Una torsione ovarica di questo tipo provoca un forte dolore perché l'ovaio non riceve più sangue. Si tratta di una situazione di emergenza. Se l'intervento chirurgico non viene eseguito abbastanza rapidamente e l'ovaio non viene «liberato dalla torsione», può avvenire la necrosi dell'ovaio. Ciò può influire sulla fertilità della donna.

Le cisti funzionali di norma non richiedono alcuna terapia. Di solito rimangono piccole e regrediscono da sole nel corso di qualche settimana. In tal caso, il liquido che fuoriesce dalla cisti viene assorbito dal peritoneo. Per le cisti funzionali che non causano alcun fastidio e hanno un diametro inferiore a cinque centimetri, è sufficiente tenerle osservate. Di solito la ginecologa controlla con l'ecografia dopo la mestruazione successiva se la cisti si è ritirata. Un farmaco contenente l'ormone progestinico può favorire la regressione delle cisti funzionali.

Le cisti più grandi che richiedono un trattamento e causano dolore dovrebbero essere rimosse in laparoscopia e il tessuto dovrebbe essere esaminato. Lo stesso vale se una cisti non può essere inequivocabilmente classificata come benigna durante l'esame ecografico. Tali cisti devono essere chiarite mediante ulteriori esami come la tomografia computerizzata o la risonanza magnetica e, se necessario, l'intervento chirurgico.  Le cisti maligne (cancro) possono richiedere un intervento chirurgico importante.

di Dr. med. Nora Limani-Gadient,

pubblicato in data 11.08.2022


Potrebbe interessarti anche:

Abbonati alla newsletter iMpuls e vincere una carta regalo Migros

Iscriviti subito e vinci