Internet Explorer non è più supportato

Per utilizzare al meglio il sito web ti preghiamo di usare un browser web attuale.

Chiudi

Vuoi vivere più sano?

Vuoi vivere più sano?

«Sono stata molto aperta sul tumore al seno fin dall'inizio»

Un anno fa, a Bea Kutter è stato diagnosticato un tumore al seno. Nonostante i timori e le impegnative terapie, la collaboratrice di Do-it + Garden ha vissuto anche molte esperienze positive in questo periodo.

La notizia preoccupante

«È stato un giorno carico di emozioni: ho fatto la mia ultima immunoterapia alla fine di luglio 2023, dopo più di un anno di trattamenti medici continui. Alla fine di aprile del 2022 ho ricevuto la diagnosi: tumore al seno. La mia ginecologa aveva trovato un nodulo nel seno destro durante un controllo di routine. Io stessa controllandomi sentivo a volte una specie di palla, che poi spariva di nuovo. Per questo, a quanto pare, non l'avevo presa abbastanza sul serio.

Il primo fine settimana dopo aver ricevuto i risultati del laboratorio è stato pessimo. In realtà, avevo detto alla dottoressa che non volevo essere informata fino a lunedì, per poter discutere dei risultati direttamente con lei. Tuttavia, il venerdì la sua assistente mi ha lasciato un messaggio in segreteria comunicandomi di avere brutte notizie. Non ha detto altro, ma ovviamente sapevo cosa significava. Ero invitata a una festa di compleanno, ma ho tenuto per me la preoccupante notizia. Cosa succederà a me e alla mia famiglia? Sarei sopravvissuta? Queste domande mi frullavano in testa senza sosta. Non volevo parlarne con nessuno, nemmeno con mio marito e le mie due figlie adulte, fino a quando non avrei avuto maggiori dettagli dalla dottoressa il lunedì seguente. Perché, oltre alla paura per me stessa, c'era la preoccupazione di come l'avrebbero presa i miei parenti più stretti.

La diagnosi è stata seguita da numerosi esami presso l'Ospedale Cantonale di Lucerna, durati per diverse settimane. Trovavo stressante attendere i risultati. Alla fine si è scoperto che c'erano quattro tumori: uno di due centimetri e tre più piccoli. Anche i linfonodi erano già colpiti.

La promettente chemioterapia

Poco dopo è iniziata la chemioterapia. Sapevo che i miei capelli sarebbero presto caduti, per cui sono andata da un parrucchiere specializzato per scegliere una parrucca e mi sono anche fatta rasare i capelli. È stato difficile sentire il rasoio in testa e vedere i miei lunghi capelli cadere a terra. Sono stata felice che tutta la mia famiglia mi abbia accompagnato. Inoltre anche ai sei appuntamenti di chemioterapia c'era sempre qualcuno con me che mi stava accanto durante l'infusione.

Prima del primo trattamento, avevo gli incubi. Ma mi sentivo molto a mio agio lì. L'oncologo ha spiegato tutto a me e a mio marito con molta pazienza ed empatia, ma restando obiettivo in merito alla situazione. Sebbene la sala d'attesa del reparto di oncologia fosse sempre piena, non ho mai percepito che il team fosse stressato. Il personale si è sempre preso il tempo per parlare e prendersi cura di me e della persona che mi accompagnava portandoci bevande, cioccolato e coperte calde qualora avessimo freddo. L'atmosfera era fantastica: si scherzava e ci si divertiva davvero. Mi sono sentita molto a mio agio. Dopo le chemio mi sentivo sempre molto bene. Mi concedevo sempre un aperitivo o un pasto fuori con gli amici. Gli effetti collaterali si manifestavano solo il quarto giorno e da lì in poi stavo male da morire per tre giorni. Avevo vomito, diarrea e stavo per lo più a letto.

Ma a parte questo, non mi sono mai sentita davvero ammalata per tutto l'anno. Ho potuto lavorare quasi sempre riducendo leggermente le mie ore di lavoro. Di questo sono grata, perché so che la maggior parte dei malati di cancro deve prendersi una pausa durante il trattamento. Mi piace lavorare e mi faceva bene distrarmi. Il team è stato molto comprensivo. Ho potuto lavorare da casa relativamente spesso.

(Continuazione in basso...)

Contenuti collegati

Vai al Dossier

Reazioni dalla cerchia degli amici

Ho sentito tanto affetto anche dai miei amici. Ricevevo spesso fiori, regali, chiamate, messaggi e offerte di aiuto da tantissime persone, anche da chi non conoscevo bene. È stato davvero bello. Sono stata molto aperta sulla mia malattia fin dall'inizio. Credo che questo abbia reso più facile per gli altri parlarne con me.

Mio marito, invece, è rimasto più solo in questa situazione. I suoi amici hanno preso un po' le distanze. Molti probabilmente avevano paura di dire qualcosa di sbagliato. Eppure gli avrebbe fatto bene che qualcuno gli chiedesse di tanto in tanto come stava.

L'intervento riuscito e la vita dopo

In ottobre sono stata operata al seno destro e sono stata fortunata: ho potuto conservare il mio seno. In seguito, mi sono sottoposta alle radiazioni ogni giorno per un mese. Ogni volta durava solo cinque minuti, ma dopo mi sentivo spesso stanca. Per evitare che il tumore si ripresentasse, ho dovuto affrontare anche l'immunoterapia per sei mesi. Ogni tre settimane ricevevo una flebo per sostenere il sistema immunitario.

Nel frattempo, mi sento di nuovo molto bene e mi sono anche ricresciuti i capelli. Oltre al lavoro, trascorro molto tempo con la famiglia e gli amici e nel mio giardino, dove mi occupo principalmente di erbe e fiori. Non è stato un anno facile, ma nemmeno un'esperienza del tutto negativa: la malattia mi ha mostrato quanto siano importanti le amicizie. E credo di aver imparato ad apprezzare ancora di più la vita con tutte le sue sfaccettature».

di Andrea Söldi,

pubblicato in data 02.10.2023


Potrebbe interessarti anche:

Cerchi un coaching individuale per la salute

Leggi tutto
mann-beim-trailrunning