Internet Explorer non è più supportato

Per utilizzare al meglio il sito web ti preghiamo di usare un browser web attuale.

Diagnosi di celiachia: cosa fare in 7 passi

Per i celiaci mangiare diventa più complicato. Ma chi si attiene a un'alimentazione priva di glutine può aspettarsi una remissione dei sintomi in breve tempo.

1. Rilassati

Una diagnosi di celiachia ti complicherà la vita, ma non è una catastrofe. Con un cambiamento nella dieta, è possibile convivere bene con la malattia. Non appena il fastidioso disagio scompare, di solito tornano anche l'energia e la voglia di vivere.

2. Informati

Il sito web del Gruppo Celiachia della Svizzera Italiana, ad esempio, è utile. Oltre a elenchi di alimenti senza glutine e ristoranti per celiaci, l'organizzazione offre anche corsi di cucina, campi per bambini, conferenze e contatti con altre persone interessate. Esistono anche diversi libri di cucina ideati appositamente per le persone colpite e i loro familiari.

3. Fatti consigliare

Se ti viene diagnosticata la celiachia, la tua assicurazione sanitaria pagherà una consulenza nutrizionale. Dei professionisti specializzati si trovano anche sul sito web del Gruppo Celiachia della Svizzera Italiana.

4. Riordina la cucina

Prenditi qualche ora per controllare tutte le provviste. Leggi le scritte in piccolo, anche per le spezie e le bevande. Se vivi da solo o da sola: dai via tutto ciò che contiene glutine. Pulisci il tostapane, la piastra per il pane e gli altri utensili da cucina. Tuttavia, non è necessario smaltire l'intera attrezzatura da cucina.

5. Fai la spesa

Cerca il simbolo del «senza glutine» con la spiga barrata o leggi le scritte in piccolo. Non ti sarà più possibile mangiare molti cibi familiari. Però potrai magari scoprirne di nuovi, altrettanto gustosi. I negozi offrono sempre più prodotti alternativi come pasta, pane e farina senza glutine. Con le verdure e i legumi vai comunque sul sicuro.

(Continuazione in basso...)

6. Informa chi ti circonda

In una famiglia con più persone, in futuro dovrai cucinare separatamente, a meno che gli altri non si adattino in qualche modo. Spesso, alla famiglia non dispiace mangiare spaghetti senza glutine invece di quelli di grano.

7. Non scoraggiarti

All'inizio il cambiamento di dieta può sembrare scomodo. Ma ti abituerai. Cerca di guardare il lato positivo: molti malati riferiscono di mangiare in modo più sano dopo la diagnosi e che la loro salute è migliorata.

Contenuti collegati

Vai al Dossier

di Andrea Söldi,

pubblicato in data 21.08.2023, modificato in data 21.08.2023


Potrebbe interessarti anche:

Personal Health Coaching: Ti aiutiamo ad acquisire forza mentale

Vai!
mann-beim-trailrunning