Internet Explorer non è più supportato

Per utilizzare al meglio il sito web ti preghiamo di usare un browser web attuale.

Malnutrizione - carenza malgrado l'abbondanza

La tua batteria a volte si sente vuota? Soffri di inappetenza e stanchezza permanente e ti chiedi quale potrebbe essere la ragione? La malnutrizione potrebbe essere la causa.

La malnutrizione è più comune in Svizzera di quanto si possa pensare. Al 20-25% di tutti i pazienti ospedalieri del nostro Paese continua tuttora a essere diagnosticato uno stato di carenza. Il numero di casi non segnalati, specialmente tra gli anziani assistiti a casa, è probabilmente molto più alto. Ma anche le persone più giovani possono essere colpite.

Malnutrizione o sottopeso? Quali sono le differenze?

Nella malnutrizione, il nostro corpo riceve troppo poca energia alimentare, troppo poche proteine, vitamine o altri nutrienti vitali con il cibo che mangiamo. La malnutrizione può anche significare che c'è uno squilibrio di nutrienti.

In termini medici, gli esperti distinguono tra malnutrizione quantitativa e qualitativa. Nella malnutrizione quantitativa, il corpo assume meno energia di quella di cui ha effettivamente bisogno - spesso inconsapevolmente - per un lungo periodo di tempo. Si tratta di una condizione di carenza generale. Perdita di peso, debolezza complessiva e suscettibilità alle infezioni sono spesso sintomi contestuali.

Nella malnutrizione qualitativa, sono soprattutto i nutrienti vitali come le proteine, le vitamine e i minerali che possono mancare. Di conseguenza, importanti funzioni corporee, come il nostro sistema immunitario, possono funzionare meno bene. Entrambe le forme di carenza possono anche presentarsi in modo combinato.

Anche persone in sovrappeso possono essere malnutrite

Malnutrizione e sottopeso vengono spesso citati nello stesso contesto, ma non sono la stessa cosa. Le persone malnutrite possono essere o meno sottopeso. Anche le persone normali, o addirittura in sovrappeso possono soffrire di malnutrizione. Ad esempio, se assumono un quantitativo adeguato di calorie, ma troppo poche vitamine e minerali.

Al contrario, una persona sottopeso non risulta automaticamente malnutrita. Qui, la situazione metabolica individuale può tradursi in un peso insufficiente, malgrado la persona assuma adeguati nutrienti attraverso l'alimentazione.

Le cause: come può verificarsi la malnutrizione?

Qui in Svizzera disponiamo di una ricca offerta di cibo con cui possiamo, in linea di principio, nutrire e rifornire bene il nostro corpo. Tuttavia, ci sono anche molte persone malnutrite.

Le possibili cause della malnutrizione sono molteplici. Ad esempio, le malattie croniche, l'uso regolare di farmaci, l'assenza di compagnia quando si mangia o una generale mancanza di appetito possono favorire la malnutrizione. Ma anche una selezione unilaterale e sbilanciata di cibi e pietanze contribuisce a un'assunzione inadeguata di nutrienti vitali attraverso l'alimentazione.

Una caratteristica della malnutrizione consiste nel fatto di non essere una malattia acuta, ma, solitamente, un processo graduale che spesso passa inosservato. Di frequente, la causa della malnutrizione è da imputarsi a combinazioni di diversi fattori.

(Continuazione in basso...)

Contenuti collegati

Malnutrizione: chi è più colpito?

La malnutrizione può verificarsi a qualsiasi età, ma le persone anziane sono particolarmente colpite. Anche qui ci sono differenze: mentre gli anziani più giovani (fino a circa 70-75 anni) tendono ad essere in sovrappeso, la malnutrizione quantitativa è più comune tra i molto anziani (75 anni e oltre).

Soprattutto nelle persone anziane, i cambiamenti nella sensazione di fame, sete e gusto e la conseguente perdita di appetito sono considerati le cause più frequenti. Un esempio: le persone anziane possono percepire particolarmente bene il gusto del «dolce» e spesso preferiscono cibi dolci come torte, budini di riso, pudding, frittelle o prodotti caseari altamente zuccherati. La frutta e la verdura, d'altra parte, sono percepite come «aspre» o «amare» e vengono pertanto perlopiù scartate dal menù abituale. La mobilità ridotta può anche essere la causa della malnutrizione, perché fare la spesa o preparare i pasti quotidiani diventa sempre più difficile. Un'igiene orale e dentale inadeguata costante, dentiere e protesi mal adattate, difficoltà di masticazione e deglutizione o dolore in bocca possono anche limitare il desiderio di masticare e mangiare regolarmente.

Le persone più giovani hanno molte meno probabilità di soffrire di malnutrizione. In questa fascia d'età, le malattie metaboliche come il diabete, le malattie dell'apparato digerente (ad esempio, infiammazione delle mucose) o le diete unilaterali (ad esempio, il veganismo) sono tra le cause della malnutrizione.

Come posso riconoscere la malnutrizione in me stesso o in altre persone?

Il problema: la malnutrizione spesso non viene riconosciuta o considerata come tale.

I sintomi non specifici come l'affaticamento, la svogliatezza, la pelle pallida, lo scarso appetito, lo scarso sonno e la perdita di peso possono avere cause disparate. Se pensi che tu o qualcuno nella tua cerchia di amici o familiari soffra di malnutrizione, le seguenti domande e le risposte ad esse potranno aiutarti a individuarne i segnali e a consultare in seguito il tuo medico di famiglia.

Osservi le seguenti situazioni in te stesso o in un'altra persona?

  • I pasti/le porzioni sembrano improvvisamente troppo grandi e non si riesce a finirli.
  • Non hai appetito o voglia di mangiare.
  • Non senti la sete. La pelle e le mucose sono secche e screpolate.
  • I vestiti, i gioielli o la dentiera si allentano sempre di più e non si adattano più.
  • Hai fastidio o dolore quando mangi e bevi.
  • Hai constatato una perdita di peso di più di un decimo del tuo peso corporeo totale negli ultimi 6 mesi.

Se la risposta a una o più di queste domande è «sì», dovresti consultare il tuo medico. Quest'ultimo indagherà sulle tue abitudini alimentari, i farmaci e le malattie sottostanti e formulerà una diagnosi corretta. Può sussistere anche una carenza specifica di uno o più nutrienti. Se la malnutrizione è dovuta a malattie gravi, queste devono essere trattate in via prioritaria.

Come si può prevenire una carenza alimentare?

Mangiare e bere troppo poco o in modo troppo sbilanciato per un periodo di qualche settimana può compromettere gravemente importanti funzioni corporee e ridurre la qualità di vita. È quindi meglio che la malnutrizione non si verifichi del tutto e che i primi sintomi vengano riconosciuti precocemente. Per prevenire una carenza di tempo, i seguenti consigli per la manipolazione del cibo possono risultare utili:

  • Assicurarsi di seguire una dieta equilibrata e pasti regolari: combinando latticini, verdure, frutta, cereali integrali e pesce o carne.
  • Fare uso di erbe e spezie saporite e fragranti per stimolare l'appetito.
  • Frutta e verdura forniscono molti nutrienti preziosi, ma allo stesso tempo sono povere di calorie. Pertanto è bene arricchirle con una porzione extra di burro, panna, crème fraîche o un olio vegetale di alta qualità.
  • Assicurarsi di avere una fonte di proteine ad ogni pasto, ad esempio formaggio fresco o ricotta a colazione, dolce di cagliata a pranzo, formaggio la sera.
  • Oltre al latte e ai latticini, i legumi in particolare forniscono proteine preziose, che spesso mancano alle persone anziane.
  • Se si osserva una persistente perdita di appetito: scegliere piatti e cibi che sono sempre stati graditi.
  • Un tempo di consumo adeguato e un'atmosfera piacevole stimolano l'appetito e rendono i pasti divertenti. Meglio quindi sedersi a tavola in buona compagnia. 
  • Per i disturbi della masticazione e della deglutizione, gli alimenti morbidi e a cottura dolce facilitano la masticazione e la deglutizione (per esempio, una zuppa ricca ogni giorno).
  • Assicurarsi di avere una bassa percentuale di cibi pronti nella propria dieta. Questi ultimi, infatti, spesso contengono poche vitamine e nutrienti.

Anche ci si sente stanchi e svogliati, è importante cercare di fare esercizio ogni giorno il più possibile. Anche una breve passeggiata all'aria aperta può stimolare l'appetito.

di Dott. Ric. Melanie Loessner,

pubblicato in data 15.02.2022


Potrebbe interessarti anche:

È tempo d'autunno: ricette, consigli e idee

Scopri adesso
herbst-sticky