Internet Explorer non è più supportato

Per utilizzare al meglio il sito web ti preghiamo di usare un browser web attuale.

Chiudi

Vuoi vivere più sano?

Vuoi vivere più sano?

Boom delle sigarette elettroniche: quanto è dannoso il vaping?

Il vaping è meno dannoso per la salute rispetto alle sigarette. Ma gli esperti sono preoccupati perché i giovani vengono sedotti da stick colorati e profumati.

Un numero sempre maggiore di giovani utilizza le sigarette elettroniche, che si rivolgono proprio a loro. Le sigarette elettroniche producono meno sostanze nocive del tabacco bruciato. Questo le rende probabilmente meno dannose per la salute. Tuttavia, non esistono ancora studi a lungo termine che lo dimostrino.

Come funzionano le sigarette elettroniche?

Le sigarette elettroniche sono dispositivi alimentati a batteria che riscaldano un liquido contenente vari ingredienti, tra cui solitamente anche nicotina. In questo modo si producono vapori che vengono inalati. Esistono inoltre sistemi che riscaldano gli stick di tabacco invece di bruciarli.

Cosa sono le Puff Bar o le vape monouso?

Dal 2020 le cosiddette Puff Bar e altri prodotti simili che le imitano stanno conquistando il mercato. Questi piccoli gadget colorati assomigliano a bastoncini luminosi e si fanno notare poco. Molti sono arricchiti da sapori dolci e fruttati. "In questo modo risultano più interessanti per i giovani", afferma Markus Meury della Fondazione svizzera per le dipendenze.  La maggior parte dei dispositivi di questo tipo contiene sali di nicotina. "In questa forma la sostanza crea una dipendenza particolarmente rapida". Ciò li rende simili ai dispositivi dell'azienda Juul, che due anni fa si è ritirata dal mercato svizzero e ha pagato quasi 440 milioni di dollari di multa negli Stati Uniti a causa delle sue pratiche di marketing. Le Puff Bar sono prodotti usa e getta, il che è negativo per l'ambiente. Questo perché sono costituite da diverse materie prime preziose come l'alluminio, i metalli pesanti e le batterie agli ioni di litio. Solo poche di esse vengono smaltite correttamente.

Il vaping è una buona alternativa al fumo?

Le sigarette elettroniche producono fino al 95% di sostanze nocive in meno rispetto al tabacco bruciato. Quindi è praticamente garantito che siano meno dannose per la salute. Tuttavia, poiché sono emersi solo circa 15 anni fa, non ci sono ancora studi a lungo termine che lo dimostrino. Per la salute è sicuramente meglio stare lontani dal tabacco e dai dispositivi di vaporizzazione. Per chi già fu, invece, il passaggio alle sigarette elettroniche ha molto probabilmente senso. Tuttavia, molti hanno sostituito solo parzialmente il consumo di sigarette tradizionali con quelle elettroniche, per esempio quando vogliono fumare al chiuso. Dal punto di vista della salute, ciò non aiuta molto. Perché con una sola sigaretta al giorno, il rischio per la salute è già la metà circa di quello che si corre fumando dieci sigarette al giorno.

(Continuazione in basso...)

Contenuti collegati

Vai al Dossier

Cosa dicono le organizzazioni di prevenzione della salute riguardo al vaping?

"Attraverso la vaporizzazione si ingeriscono anche numerose sostanze, alcune delle quali sono ancora poco studiate", spiega Markus Meury. Il consumo di sigarette elettroniche può favorire lo sviluppo dell'infiammazione delle vie respiratorie e aumentare eventuali sintomi dell'astma. La maggior parte dei prodotti contiene anche nicotina, talvolta in dosi superiori a quelle consentite. Lanicotina stimola il rilascio di ormoni e neurotrasmettitori nel cervello, aumentando la sensibilità e la concentrazione e inibendo l'appetito. Essa crea però anche dipendenza come l'eroina. Alcune sigarette elettroniche contengono additivi che addirittura ne accelerano l'assorbimento. Oltretutto c'è il rischio che si inizi a fumare per davvero. La Lega polmonare sconsiglia in particolare i sistemi a base di tabacco riscaldato. Questo perché gli studi finora condotti sono stati in grado di rilevare che il riscaldamento a temperature elevate fino a 350 gradi Celsius crea anch'esso una piccola quantità di particelle di fumo.  Meno pericolosi per la salute sono probabilmente i prodotti per il riscaldamento che funzionano con temperature basse di circa 30 gradi.

Quanto sono popolari le sigarette elettroniche tra i giovani?

Come dimostrano recenti studi, il consumo è in aumento. Secondo un sondaggio condotto nella Svizzera francese, circa il 30% dei giovani tra i 14 e i 17 anni utilizza occasionalmente le Puff Bar e il 10% regolarmente. Nelle scuole professionali e cantonali dell'Argovia, il 7% dei ragazzi tra i 15 e i 17 anni ha dichiarato di svapare almeno una volta alla settimana. È noto che se si è svapato da giovani si hanno maggiori possibilità di diventare fumatori da adulti. Tuttavia, non è chiaro in che misura le sigarette elettroniche siano responsabili di questa evoluzione. Probabilmente alcuni giovani sono generalmente più aperti di altri all'assunzione di sostanze che creano dipendenza.

Come si proteggono i giovani dalle sigarette elettroniche?

Come i genitori parlano ai loro figli

Spesso i genitori non si accorgono che i loro figli utilizzano le Puff Bar o altre sigarette elettroniche. Alcuni di questi dispositivi sono chiamati anche Happy Puff o Geek Bar. Parlane con tua figlia o con tuo figlio in modo attivo e comprensivo quando diventa adolescente, chiedendo se conosce questi i dispositivi o se li ha già provati. Informare i giovani sui rischi per la salute. Alcuni giovani sono anche molto disponibili ad affrontare il tema dell'"impatto sull'ambiente".

Sul sito di Dipendenze Svizzera i genitori possono trovare una scheda informativa sul tema delle Puff Bar e una guida per parlare ai giovani del fumo in generale.

In circa due terzi dei cantoni, i sistemi di vaporizzazione sono attualmente disponibili per l'acquisto anche da parte dei minori. La nuova legge sui prodotti del tabacco, che dovrebbe entrare in vigore nel 2024, fisserà il limite di età a 18 anni e regolerà meglio la pubblicità. Sapendo che la maggior parte dei fumatori inizia prima dei 18 anni, la lobby del tabacco rivolge le sue campagne pubblicitarie in particolare ai giovani. Poiché la pubblicità delle sigarette è sempre più criticata e, a causa delle maggiori tasse, il tabacco è dientato meno redditizio, l'industria si sta concentrando sempre più sul vaping e lo mette in scena come uno stile di vita alla moda.

di Andrea Söldi,

pubblicato in data 10.02.2023


Potrebbe interessarti anche:

Concorso: vincete subito i buoni SAC.

Partecipa ora
Paar wandert zu SAC Hütte