Internet Explorer non è più supportato

Per utilizzare al meglio il sito web ti preghiamo di usare un browser web attuale.

La meteoropatia esiste?

Qual è la verità dietro dolore reumatico in caso di pioggia? O del mal di testa se tira vento? Ecco la posizione della scienza sulla meteoropatia.

La natura contempla molti stati d'animo. Soprattutto in primavera e in autunno, il tempo può essere instabile: dalla tempesta al sole, dalla neve alla pioggia in poche ore. Inoltre, le temperature sono sulle montagne russe. I cambiamenti del tempo hanno un impatto sulla nostra salute? Se si chiede al pubblico in generale, molte persone affermano di sì. Per esempio, in due studi in Canada e in Germania, oltre il 50% degli intervistati - con una prevalenza femminile - ha detto di credere che certe condizioni meteorologiche influenzassero in qualche modo la loro salute. Se s'interpellano gli esperti di medicina e di ricerca, questi ultimi rimangono cauti a causa della scarsità di dati disponibili. Johannes Gutwald, medico preventivo e dermatologo/venereologo in attività presso uno studio nell'Arzthaus Zürich-City conferma: «Se e come le condizioni meteorologiche influenzino la salute non trova attualmente una risposta secondo un metodo medico e scientifico. Finora, ciò non è stato ancora provato, né escluso.»

Cos'è la meteoropatia?

Con il termine meteoropatia s'intende che certe condizioni meteorologiche portano intuitivamente a disturbi di salute. «I sintomi più comuni riferiti sono mal di testa o emicranie, letargia, disturbi del sonno, affaticamento e disturbi articolari», dice Gutwald. Soprattutto in caso di tempo burrascoso, freddo, umidità e pioggia, i pazienti si lamentano del disagio. «Ma non è noto se certe situazioni e fattori meteorologici provochino disturbi specifici.» Non è nemmeno chiaro se alcune condizioni meteorologiche aggravino quelli già esistenti. Alcuni ricercatori distinguono tra meteoropatia in persone fondamentalmente sane e meteoropatia in presenza di malati cronici condizioni pregresse che risultano più sensibili al maltempo.

(Continuazione in basso...)

Contenuti collegati

La colpa sta nell'escursione di pressione atmosferica?

Quando si passa alta pressione a bassa pressione e viceversa, si verifica uno scarto di pressione. Il solo termine «pressione» potrebbe facilmente indurre a ricercare in esso le cause dei disturbi. Hans Richner, fisico atmosferico e professore emerito all'ETH di Zurigo, ha passato molti anni a studiare il tema della meteoropatia e delle fluttuazioni della pressione atmosferica. Egli sottolinea che la pressione dell'aria non è un carico meccanico e che le persone non riescono a percepire nemmeno le piccole differenze di pressione. Così, la differenza di pressione tra una zona di alta e una di bassa pressione corrisponderebbe approssimativamente a quella tra il piano terra e il 10° piano di un grattacielo.

È tutta una fantasia?

Il sentimento soggettivo è effettivamente dimostrato. Ma misurare oggettivamente una correlazione è difficile e non è stato finora ancora dimostrato, nonostante vari studi in materia. Alcuni esperti suggeriscono un possibile effetto psicologico: coloro che studiano le previsioni bio-meteorologiche, per esempio, o sono generalmente convinti che una situazione meteorologica scatenerà o intensificherà i disturbi, potrebbero effettivamente avvertire il disagio previsto.

O potrebbe essere che, in alcune persone, l'attività del sistema nervoso autonomo cambia durante i cambiamenti violenti e bruschi del tempo? Perlomeno, questa è un'altra ipotesi. Ciò potrebbe influenzare la percezione del dolore e i processi infiammatori. La forma quotidiana dell'individuo - troppo stress, troppo poco sonno - può a sua volta avere un peso.  

Ma anche su questo fronte mancano le prove scientifiche. Di conseguenza, non sussistono misure preventive raccomandate da un punto di vista medico, come spiega Johannes Gutwald. Ma uno stile di vita sano può certamente essere una buona base di partenza: «Fondamentalmente, presumo che le persone con una dieta sana, molto esercizio fisico e sonno sufficiente siano decisamente ben attrezzate contro la meteoropatia».

E certamente non c'è nulla di male nell'uscire all'aria aperta regolarmente e con qualsiasi tempo, esponendo il corpo ai capricci della natura e rafforzando il sistema nervoso autonomo.

di Petra Koci,

pubblicato in data 10.05.2022


Potrebbe interessarti anche:

È tempo d'autunno: ricette, consigli e idee

Scopri adesso
herbst-sticky