Internet Explorer non è più supportato

Per utilizzare al meglio il sito web ti preghiamo di usare un browser web attuale.

Chiudi

Vuoi vivere più sano?

Vuoi vivere più sano?

Sperimentare in prima persona il trattamento laser agli occhi: i miei nuovi occhi di falco

Il nostro autore ha portato occhiali e lenti a contatto per 12 anni, ma ora questo periodo è giunto al termine. Si è infatti sottoposto al trattamento laser degli occhi. Come sarà andata?

14 gennaio

Desidero sottopormi a un trattamento laser degli occhi a causa di un guacamole. Anche due avocado, sale, pepe, succo di lime e peperoncino hanno contribuito in tal senso. Dopo aver tagliato il peperoncino, bisognerebbe lavarsi accuratamente le mani. Mi sono reso conto di essermene dimenticato quando sono andato a mettermi le lenti a contatto dopo aver mangiato. Ho urlato, imprecato, mi sono precipitato sul lavandino: avevo la sensazione che il mio occhio sinistro stesse bruciando. Dopo tre minuti sono riuscito a riaprire l'occhio e mi sono trovato di fronte a un dilemma. O torturo l'occhio sinistro una seconda volta per rimuovere la lente a contatto o afferro con le dita di peperoncino anche quella destra per inserirla nel rispettivo occhio. Ho scelto la seconda opzione, mi sono strofinato le mani con il sapone per minuti, ho messo la lente a contatto destra, ho imprecato, ho urlato e mi sono precipitato sul lavandino. Ho giurato a me stesso: non voglio mai più vivere un'esperienza simile.

25 gennaio: i rischi

Ho accarezzato l'idea di sottopormi al laser agli occhi, e non solo dopo il fiasco del guacamole. Le lenti a contatto su di me si seccano rapidamente e mi danno prurito. Gli occhiali li perdo o mi ci siedo sopra accidentalmente. Ora la mia scorta di lenti a contatto sta per finire. Comincio a fare ricerche. Nel 1989, a Berlino, è avvenuto con successo il primo trattamento laser di un occhio umano. L'uomo non era più miope. In Svizzera, ci sono stati sei pazienti con gravi complicazioni dopo il trattamento laser dal 1999, con conseguente «perdita significativa o parziale della vista», secondo l'autorità di vigilanza Swissmedic. Il rischio di diventare ciechi quindi esiste, anche se questo può essere praticamente escluso grazie al progresso tecnico degli ultimi 20 anni.

1° febbraio: i costi

In Svizzera, sottoporsi al laser agli occhi costa tra i 3000 e i 5000 franchi. Ai costi non contribuiscono molte compagnie di assicurazioni. Swica, per esempio, paga 2000 franchi per l'operazione, Helsana 1500, se si è in possesso di una relativa assicurazione complementare. Tali trattamenti sono più economici all'estero, per esempio in Turchia. Ci sono fornitori che chiedono circa 2500 franchi per un volo di andata e ritorno per Istanbul, tre notti di alloggio e l'operazione agli occhi. Alla luce di tali offerte, negli ultimi anni i prezzi sono scesi anche in Svizzera. Ecco perché l'oftalmologo Theo Seiler ha addirittura fondato nel 2012 una nuova clinica oculistica nella Bahnhofstrasse di Zurigo. L'obiettivo: essere più economici grazie a interventi standardizzati. Qui prenoto una visita preliminare gratuita.

«Sai almeno come si svolge un'operazione del genere, come funziona?», mi chiedono i colleghi in redazione. Cerco le immagini su Google. Occhi spalancati, vene e pinzette: sono disgustato.

(Continuazione in basso...)

8 febbraio: la visita preliminare

Per effettuare la visita preliminare mi devo togliere le lenti a contatto. Una collaboratrice mi chiede di entrare in una stanza buia. Effettuo un esame della vista. Lo stesso risultato degli ultimi 12 anni: 1,5 diottrie, dopo 70 centimetri vedo sfocato. Poi guardo in una seconda macchina. Una luce blu, comandi, quando dovrei aprire gli occhi, la luce gira in tondo. Dopo due minuti apprendo che la mia cornea è larga 516 micrometri nel suo punto più sottile, il che è ideale. «Il minimo per poter effettuare il trattamento laser agli occhi presso di noi è costituito da 480 micrometri. Nel 15 per cento delle persone che effettuano la visita preliminare, rileviamo che la cornea è troppo sottile e dobbiamo indirizzarle alla nostra clinica madre. Trattiamo solo casi semplici», spiega la collaboratrice. Mi chiede se voglio prenotare il prossimo esame, più dettagliato e a pagamento. Ora non mi è permesso portare le lenti a contatto per due settimane perché mi lasciano dei segni sugli occhi.

24 febbraio: la seconda visita

Durante la seconda visita, i miei occhi vengono analizzati, fotografati e misurati. Mi vengono date delle gocce per dilatare le pupille. Con una pistola, dalla quale un piccolo braccio arrotondato spunta fuori e colpisce i miei occhi, si misura la loro pressione. Dopo 40 minuti, la collaboratrice è soddisfatta. Tutto sembra che stia andando bene. «Ora si può scegliere tra la varietà «comfort» e quella «strong», dice. La variante «comfort», conosciuta come Femto-LASIK, utilizza un laser per separare parzialmente e ripiegare un lembo di cornea dello spessore di 100 micrometri. La durata è di circa 30 secondi. Un secondo laser corregge il disturbo visivo sul letto corneale rimanente. «Ci vogliono circa 5 secondi per la tua diottria, e fino a 30 secondi per le correzioni più gravi», afferma la collaboratrice. Con la variante «strong», la cosiddetta transPRK, non si incide nulla, ma si esegue il trattamento laser direttamente sulla cornea. «La sensazione all'occhio è poi paragonabile a quella che si ha quando si tocca una teglia da forno senza guanti. Per recuperare, dopo avrai bisogno di una settimana di vacanza». Chi è disposto a sottoporsi volontariamente a tutto ciò? «Artisti marziali e persone con cornee sottili», spiega la collaboratrice. Dato che non viene tagliato nulla, nessun lembo corneale può staccarsi o spostarsi. Coloro che ricevono regolarmente colpi alla testa e agli occhi scelgono quindi la variante «strong». «E con l'opzione «comfort», una parte del mio occhio può cadere», chiedo. Se prendo una botta o mi strofino gli occhi subito dopo l'intervento, il dischetto può spostarsi. «Gli occhi guariscono in fretta, però. Per sicurezza raccomandiamo di non praticare sport che prevedono l'uso della palla o le arti marziali per quattro settimane dopo il trattamento», afferma la collaboratrice. Occhi bruciati o lobi degli occhi che possono spostarsi: il mio stomaco si stringe solamente all'idea. Io opto per l'opzione comfort. Non voglio soffrire. Ho il permesso di portare di nuovo le lenti a contatto fino all'appuntamento, per l'ultima volta. Mi danno delle gocce che mi fanno rimpicciolire di nuovo le pupille.

3 marzo: l'intervento

Chi può sottoporsi all'intervento laser agli occhi?

Con il laser si possono tranquillamente correggere fino a 7 diottrie. Oltre diventa più complicato perché la cornea può assottigliarsi troppo a seguito dell'intervento. Gli occhi di chi è alle soglie dei 20 anni non sono ancora completamente sviluppati, per questo si raccomanda di aspettare che il difetto visivo sia stabile per uno o due anni. L'età non ha altrimenti un ruolo particolarmente rilevante nel trattamento laser agli occhi. Oggi, tutti i disturbi visivi (astigmatismo, miopia e presbiopia) possono essere corretti. Le donne incinte non dovrebbero sottoporsi al trattamento laser agli occhi perché durante la gravidanza gli ormoni possono causare cambiamenti nei tessuti e il difetto visivo può subire variazioni.

All'intervento porto con me mia madre e gli occhiali da sole. Gli occhiali perché sarò sensibile alla luce, mia madre nel caso in cui diventassi troppo sensibile alla luce e non potessi più aprire gli occhi. Indosso indumenti chirurgici, mi sdraio su un tavolo e ricevo gocce di anestetico. Poi il dottore mi copre l'occhio sinistro e usa una specie di pinza per aprire l'altro, facendomi un po' male. Non posso più sbattere le palpebre. Sopra la mia testa ora si trova il dispositivo laser con un attacco tipo binocolo, che viene premuto sul mio occhio. «Per favore, guarda la luce verde», dice il medico. L'occhio viene risucchiato, l'apparecchio comincia a suonare, tutto diventa sfocato. Lo strato superiore della cornea è ora sollevato. Cerco di allontanare il pensiero. Poi il dispositivo simile al binocolo preme ancora più forte sul mio occhio. «Ora si potrebbe sentire l'odore di bruciato a causa del laser, ma si tratta di una cosa normale», dice il mio medico. Si sente odore di capelli bruciati. Successivamente il lembo corneale viene rimesso, levigato, mi viene inserita una lente a contatto con antibiotici e viene rimosso il dispositivo con cui mi avevano aperto l'occhio. Dopo un minuto, metà intervento è terminato. Ora mi attende lo stesso con l'occhio sinistro.

(Continuazione in basso...)

Contenuti collegati

Vai al Dossier

3 marzo: direttamente dopo l'intervento

La sala d'attesa sembra più luminosa di prima. La mia visione è un po' offuscata. Una collaboratrice mi spiega che non devo toccarmi gli occhi in nessun caso perché potrei causare un'infiammazione. «Nel giro di due ore l'anestetico svanisce. Poi l'occhio comincia a bruciare e a lacrimare, è normale». Tornando a casa vedo già meglio di prima dell'intervento. 

3 marzo: a casa

Nella stanza buia ascolto la musica e scrivo uno o due messaggi. Non posso guardare il display del cellulare per troppo tempo, la luce mi affatica. Per il resto, sento i miei occhi normali. Tre ore dopo l'intervento, i miei occhi cominciano a bruciare, prudere e lacrimare. Continuo a volermi strofinare gli occhi, ma non mi è permesso. Quando chiudo gli occhi, mi sembra che le palpebre si riempiano d'acqua come palloncini. Quando apro gli occhi, rivoli di lacrime scorrono sulle mie guance. Mi aggiro nell'appartamento come un vampiro, facendo attenzione ad evitare qualsiasi fonte di luce. Avrei dovuto lasciar perdere l'intervento? Il mio cellulare vibra. Mi ci vogliono quattro tentativi per rispondere. Nel frattempo fuori è buio, ma continuo a indossare i miei occhiali da sole. La mia ragazza sta cucinando, ma non riesco ad aiutarla perché devo strizzare gli occhi continuamente. Mangiamo a lume di candela e non smetto di piangere. Il più triste appuntamento di sempre.

4 marzo: la mattina seguente

La mattina seguente i miei occhi sono di nuovo a posto. Mi dirigo a fare il controllo, dove mi tolgono di nuovo le lenti a contatto antibiotiche. «Quando si tolgono le lenti, non viene via anche la parte di occhio incisa?», chiede mia madre lungo il tragitto. Fortunatamente no. Il medico usa un bastoncino d'ovatta che assomiglia a un raschietto di gomma per togliere delicatamente le lenti. Faccio poi un test della vista: anche con le lenti a contatto non ho mai visto così bene. La situazione dovrebbe rimanere inalterata fino all'insorgenza della presbiopia tra i 45 e i 50 anni, dice il medico. Soffrire per una sera ne è valsa la pena. 

di Dario Aeberli,

pubblicato in data 16.11.2022


Potrebbe interessarti anche:

Dal 16.4 al 22.4: carote, mele Golden o zucchine bio a solo 1 franco

Scopri di più
Vitaminfranken IT