Internet Explorer non è più supportato

Per utilizzare al meglio il sito web ti preghiamo di usare un browser web attuale.

I giovani risentono particolarmente della crisi legata al coronavirus

La crisi da coronavirus sottopone i giovani a una forte pressione psicologica. Quali sono le cause e a chi possono rivolgersi genitori, bambini e ragazzi per chiedere aiuto.

Una persona su tre fra i 14 e i 24 anni presenta sintomi depressivi, secondo l'attuale studio sullo stress provocato dal coronavirus* dell'Università di Basilea. Ogni giorno sette giovani contattano il servizio di consulenza di Pro Juventute al numero 147 esprimendo pensieri suicidi. Le cliniche psichiatriche per bambini e ragazzi sono al limite con i casi di emergenza e devono indirizzare i giovani meno vulnerabili ad altri servizi di consulenza. I pareri di due esperti sulle ragioni e i motivi per cui è importante ampliare i servizi di consulenza.

Cosa dicono bambini e giovani

«Mi sento solo - Ho paura che la mia cerchia di amici si dissolva - Litighiamo spesso a casa - Probabilmente non mi diplomerò a scuola perché non studio bene a casa - Mi manca il club sportivo - Ho paura di contagiare i miei nonni - Non conosco nemmeno i miei compagni dopo un anno di apprendimento a distanza. Non posso permettermi un appartamento condiviso perché non ci sono quasi lavori part-time. Che bell'inizio di vita adulta.» Molti bambini, adolescenti e giovani adulti in cerca di consigli possono dare un nome concreto alle loro paure. Inoltre, c'è una sensazione generale di malessere nella vita quotidiana, un vuoto interiore, svogliatezza, insoddisfazione, paura del futuro e alcuni addirittura mettono in dubbio il senso della loro vita.

Molte più persone cercano aiuto rispetto a prima della pandemia

Il centro di consulenza 147.ch di Pro Juventute, la fondazione per bambini e giovani, ha registrato un aumento delle richieste di aiuto di un terzo nel primo anno di pandemia. Con l'inizio della seconda ondata della pandemia, queste richieste sono aumentate di nuovo bruscamente; le consulenze sul tema del suicidio sono addirittura aumentate del 40%. Secondo l'addetto stampa Lulzana Musliu, i consulenti professionali sono in contatto con circa 700-800 bambini e giovani ogni giorno per telefono, chat o messaggi. Li ascoltano, cercano soluzioni insieme a loro, provano a «riattivare la forza interiore di chi chiama» e, se necessario, danno loro indirizzi di contatto per ulteriori servizi di consulenza. Nel 2021, i consulenti hanno dovuto inviare un centinaio di volte la polizia o l'ambulanza a giovani che hanno espresso un'intenzione suicida concreta.

Come dimostrano vari studi e indagini recenti, i bambini, gli adolescenti e i giovani adulti di tutte le fasce d'età sono i più sottoposti a una pressione psicologica per via delle conseguenze della crisi da coronavirus.

Stress in famiglia

«I bambini più piccoli reagiscono fortemente alle insicurezze del loro ambiente più vicino», spiega Alain Di Gallo, direttore della clinica psichiatrica universitaria per bambini e adolescenti di Basilea e membro della task force Covid del governo federale. «I bambini reagiscono allo stress in famiglia, sia perché l'home office è una sfida in termini di organizzazione - e forse anche in termini di spazio - per mamma e papà, sia perché la formazione scolastica dei bambini in casa è difficile da organizzare quando i genitori svolgono lavori importanti per il sistema.» Lo stress può verificarsi anche quando i genitori sono preoccupati per i nonni. Spazio insufficiente in casa, preoccupazioni finanziarie e altri fattori possono anche portare a un'escalation in famiglia.

Paura di perdere le fasi più importanti della vita

La principale preoccupazione dei giovani è la paura della solitudine.  «Pochi hanno già imparato a gestire le crisi, le loro amicizie non sono ancora stabili», spiega Di Gallo. Temono di perdere esperienze importanti nell'adolescenza, quella difficile transizione dall'infanzia all'età adulta. Durante questo periodo, i giovani sono alla ricerca della loro identità: chi sono, cosa mi rende diverso, cosa mi distingue dagli altri. In termini di psicologia dello sviluppo, la pubertà è una fase particolarmente sensibile e formativa della vita. Tanto più quando le misure pandemiche come la chiusura delle scuole, il mantenere le distanze e l'indossare la mascherina rendono più difficili questi importanti obiettivi di sviluppo. Fare nuovi amici, iniziare timidamente una relazione amorosa o staccarsi dai genitori sono di enorme importanza. «Nella fase della pubertà, i giovani si ispirano ai loro coetanei, ma la pandemia li riporta nel nucleo familiare da cui vogliono effettivamente staccarsi», aggiunge Musliu.

(Continuazione in basso...)

Contenuti collegati

vai al Dossier

Preoccupazione per il futuro professionale

I giovani adulti sono anche preoccupati per le loro opportunità di istruzione e di carriera. Anche in quel caso, hanno paura di perdere o di aver già perso alcune occasioni. L'apprendimento a distanza non è per tutti. Nelle sessioni di consulenza di 147.ch, le domande riguardano spesso il sovraccarico e lo stress a scuola o durante la lezione. «Abbiamo una società fortemente competitiva che si manifesta già nelle giovani generazioni. Se non si raggiungono risultati, ci si trova rapidamente ad affrontare un senso di fallimento», dice Musliu. Durante le chiusure delle scuole, il divario tra gli alunni forti e quelli deboli si è allargato ancora di più, soprattutto tra quelli che potevano contare sul sostegno della famiglia e quelli in spazi stretti e in condizioni socialmente svantaggiate.

Due anni sembrano mezza vita

La pandemia dura ormai da quasi due anni. «Per i bambini e i giovani, sembra mezza vita», sottolinea Di Gallo. «Quello che si sono persi a 15 anni, non lo possono recuperare a 17. A quel punto sono già in una fase molto diversa della vita.» La lunga durata della pandemia, senza una fine tangibile nel prossimo futuro, è poi anche il problema: «Le paure sul futuro e la tristezza di essersi persi qualcosa continuano. I dubbi su se stessi aumentano. Questo può portare a problemi comportamentali nei bambini e nei giovani che non sono così resilienti e può farli precipitare in crisi mentali.»

Conseguenze per la salute

I bambini più piccoli sviluppano spesso comportamenti inusuali durante le crisi mentali: diventano aggressivi, irrequieti o bagnano di nuovo il letto. I bambini più grandi e gli adolescenti di solito soffrono di disturbi psicosomatici come mal di stomaco e mal di testa ricorrenti; possono essere presenti stanchezza costante, ansia o disturbi alimentari, autolesionismo o senso di impotenza. «Al momento, la nostra preoccupazione principale riguarda la depressione nei giovani», dice Di Gallo. Nella sua sede di lavoro nella clinica psichiatrica per bambini e ragazzi di Basilea, il rapido aumento dei giovani clienti nell'autunno 2020 ha portato a una lista d'attesa che è passata da sei settimane a cinque mesi in poco tempo. «Riusciamo sempre ad accogliere i casi di emergenza. Ma per i casi meno urgenti, dobbiamo valutare attentamente la situazione in collaborazione con i genitori ed eventualmente indirizzarli ad altri enti che lavorano in questo campo», si rammarica Di Gallo.

Assistenza individuale tempestiva

«Aspettare troppo a lungo per iniziare il trattamento può avere conseguenze negative a lungo termine per la salute mentale dei bambini e dei giovani colpiti.» Quelli che non riescono più a cogliere lo scopo della loro vita, che non vanno più a scuola o a lezione, diventano emarginati, sottolinea Di Gallo. Quelli che si rifugiano nel mondo virtuale sul computer di casa evitano il problema. Una volta che sei finalmente l'eroe in un gioco per computer, il mondo analogico perde il suo fascino. «Se non si trattano in tempo i problemi di salute mentale o i comportamenti compulsivi, si manifesteranno in età adulta», avverte Musliu di Pro Juventute. La persona interessata potrebbe diventare incapace di lavorare e tutt'al più non essere in grado di condurre una vita indipendente. Paragona il trattamento tempestivo della salute mentale al trattamento delle malattie fisiche: «Se una gamba rotta non viene curata in gioventù, la persona zoppica per tutta la vita.»

La crisi non pesa su tutti allo stesso modo

Tuttavia, Di Gallo e Musliu chiariscono anche che la maggior parte dei bambini e dei giovani che erano psicologicamente stabili prima della pandemia riesce ad affrontare la situazione di stress. All'inizio, alcuni hanno anche apprezzato una pausa dalla scuola. Tuttavia, coloro che già avevano problemi a trovare la loro strada in classe, in un'associazione o un gruppo di amici sono stati esposti a un carico psicologico enorme in seguito alla chiusura della scuola, ai divieti di eventi e alle limitazioni dei contatti sociali. Il ritorno alla vita quotidiana è stato ancora più difficile per questo gruppo.

Solidarietà con la giovane generazione

Leggi qui

Come possono i genitori aiutare i loro figli?

Trasmettere fiducia: il modo in cui i genitori affrontano la crisi ha un grande impatto sui loro figli.

Essere attenti: se vostro figlio o vostra figlia manifestano forme di impedimento nella loro vita quotidiana e si tirano indietro, non vogliono più andare a scuola, si lamentano di mal di testa o mal di stomaco ricorrenti, non vogliono più giocare, non si incontrano più con gli amici, non vogliono più frequentare l'associazione, non rispettano più l'organizzazione della giornata trasformando la notte in giorno, affrontate questo problema.

Parlare in prima persona: vedo che non stai bene, che sei cambiato. Sono preoccupato.

Raccomandare il servizio di consulenza 147.ch.

Cercare un aiuto professionale: attraverso il pediatra, l'assistente sociale della scuola, uno psicologo o un centro di consulenza. Ma non contro la volontà dei bambini, a meno che non ci sia un pericolo concreto. 

Per i bambini e i ragazzi

Telefono 147, www.147.ch: servizio di consulenza anonimo, gratuito, 24 ore su 24, offerto da Pro Juventute (per bambini e ragazzi)

www.dureschnufe.ch:  piattaforma per la salute mentale sul tema studi relativi al coronavirus,

Come si possono aiutare i giovani? «Tenere le scuole aperte, mantenere una vita sociale normale e ridurre i fattori di stress», dichiara Di Gallo. Nel caso di questi ultimi, la politica aveva già reagito correttamente concedendo risarcimenti per la cassa integrazione e prestiti di sostegno. «Un ambiente familiare rilassato è particolarmente importante per i bambini più piccoli.» Ma sono necessarie anche misure contro la pandemia adatte ai bambini e ai giovani. Per un sano sviluppo dei bambini e degli adolescenti, è essenziale che si permetta loro di mantenere i contatti con i loro coetanei e che possano approfittare di attività ricreative, sportive e culturali.

«E bisogna finalmente elogiare pubblicamente e debitamente la giovane generazione», sottolinea Di Gallo. Hanno dato un enorme contributo e mostrato solidarietà con i gruppi a rischio. «Con pochissime eccezioni, stanno rispettando tutte le misure contro il coronavirus da quasi due anni. Lo si dà per scontato, ma è importante riconoscerlo!»

Espandere i servizi di consulenza

A livello nazionale, Pro Juventute, insieme ai responsabili delle politiche per l'infanzia e la gioventù, chiede un rapido rafforzamento dei centri di prima consulenza a bassa soglia, più risorse per i programmi e i servizi secondari, come il servizio medico scolastico, l'assistenza sociale scolastica e la psichiatria infantile e giovanile, nonché più risorse per la prevenzione nel campo della salute mentale.

di Regina Speiser,

pubblicato in data 25.01.2022


Potrebbe interessarti anche:

Abbonati alla newsletter iMpuls e vincere una carta regalo Migros

Iscriviti subito e vinci