Internet Explorer non è più supportato

Per utilizzare al meglio il sito web ti preghiamo di usare un browser web attuale.

«La pandemia ci sta mostrando che non c'è nulla di sicuro»

Due anni di coronavirus e non se ne vede la fine. La maggior parte della gente ha affrontato abbastanza bene la situazione. Ma alcuni gruppi di persone reagiscono sempre più spesso con problemi psicologici, spiega uno psicoterapeuta.

Indossare la mascherina in treno ed esibire il certificato al ristorante: per la maggior parte delle persone, la pandemia non comporta grosse restrizioni. Allora perché tutti si lamentano?

Jutta Stahl*: Dopo due anni si nota in generale molta stanchezza. Nessuno si aspettava che ci sarebbe voluto così tanto tempo. La pandemia ci ha mostrato che non c'è nulla di sicuro, che anche nel nostro paese politicamente stabile e nonostante la tecnologia moderna, non abbiamo tutto sotto controllo.

Questa incertezza causa sempre più spesso problemi psicologici?

La maggior parte della gente sta affrontando relativamente bene la situazione e mostra una grande solidarietà. Alcuni si sentono un po' stressati, ansiosi o oppressi, ma queste sono reazioni normali. Vi sono però alcuni gruppi di persone che soffrono sempre di più di problemi psicologici.

A chi sta pensando?

In primo luogo ovviamente a chi ha contratto il coronavirus in forma grave e ai loro parenti. Poi ci sono i giovani, gli anziani e le persone a rischio che oggi soffrono di più la solitudine. Anche le persone con problemi psichici pregressi sono in difficoltà. Particolarmente colpiti sono gli operatori sanitari. Come terapeuta ho spesso a che fare con questi ultimi due gruppi.

Cosa viene a sapere della loro situazione nel ruolo di consulente del personale ospedaliero?

Le conversazioni con le persone che sono coinvolte direttamente mi toccano molto. Recentemente ho seguito un'infermiera molto impegnata che lavora in un'unità di terapia intensiva. Mi ha raccontato come i pazienti ricoverati per il coronavirus stiano morendo davanti ai suoi occhi e quanto questo la colpisca. Allo stesso tempo, le pesa il fatto che diversi suoi conoscenti siano radicalmente contrari alla vaccinazione. Alla luce di quello che vive ogni giorno in ospedale, trova molto difficile continuare a mantenere con loro un rapporto di amicizia.

(Continuazione in basso...)

Contenuti collegati

Vai al Dossier

Ci sono molte altre persone che si sentono così.

Sì, soprattutto chi fa parte di un gruppo a rischio si sente in difficoltà: teme di contagiarsi se i conoscenti e familiari non si vaccinano o non indossano la mascherina. Se prende le distanze, viene subito considerato iperprotettivo e antisociale.

E come influisce la pandemia sulle persone che erano già affette da un disturbo psichico?

La situazione è difficile per chi soffre di depressione e disturbi d'ansia, ad esempio. Durante il lockdown e il periodo di home office, in un primo momento alcuni si sono sentiti sollevati, perché avevano una buona ragione per non uscire tra la gente e per cedere al loro bisogno di ritirarsi dovuto alla malattia. Ma alla lunga la limitazione dei contatti sociali ha avuto un effetto devastante su queste persone, già instabili di per sé. Ha esacerbato sintomi come la bassa autostima, la mancanza di motivazione e la paura del mondo esterno. Fanno eccezione le persone che soffrono di disturbi dello spettro autistico, che trovano un vantaggio nella possibilità di lavorare o studiare online. Alcuni se la cavano anche con meno farmaci ansiolitici.

Come salvaguardare la psiche

Molti di noi avevano appena ripreso gradualmente ad andare in ufficio, e ora l'home office è di nuovo all'ordine del giorno e gli eventi vengono cancellati uno dopo l'altro. Questa pandemia ci richiede molta pazienza. Ecco le strategie che ti aiuteranno a superare un altro round:

  • Vedi il bicchiere mezzo pieno invece che mezzo vuoto. Goditi tutte le attività che sono possibili nonostante la pandemia o per le quali ora hai persino più tempo di prima.
  • Coltiva le relazioni: invece di ritrovarti in compagnie numerose, incontra gli amici individualmente o in piccoli gruppi, se necessario con la mascherina o per fare una passeggiata. Ora più di sempre, la qualità ha la precedenza sulla quantità. Se sei in isolamento o in quarantena, fai una telefonata o una videochiamata.
  • Parla di come ti senti. Condividere sentimenti, paure o gioie con gli altri fa bene.
  • Mantieni una buona forma fisica: molte persone hanno messo su qualche chilo durante la pandemia. Rispettando le norme igieniche prescritte, è però comunque possibile fare attività sportiva, favorendo anche il benessere mentale. Se non è possibile fare movimento al chiuso, puoi scegliere tra lo jogging, il ciclismo, l'escursionismo o lo sci. Cucinati qualcosa di sano.
  • Se sei in home office: struttura bene la giornata di lavoro. Lavora a orari fissi, fai pause regolari ed esci per almeno mezz'ora al giorno. Chiama i colleghi di lavoro per discutere di qualcosa invece di chiacchierare e basta. A volte può nascere una conversazione personale o una chiacchierata, proprio come quando prima ci si incontrava spontaneamente alla macchina del caffè.
  • Qui trovi suggerimenti su salute psichica e coronavirus: https://dureschnufe.ch/
  • Se noti che non riesci ad affrontare la situazione e non ti senti bene psicologicamente per molto tempo, ricorri all'aiuto di un professionista. Cerca uno psicologo o fatti consigliare dal tuo medico di famiglia.

Noi siamo sempre stati disponibili a mantenere i contatti. Anche nelle fasi peggiori della pandemia era possibile fare una passeggiata insieme all'aperto.

Questo può essere vero per le persone psichicamente sane che hanno un ambiente relazionale stabile. Molti di noi hanno sviluppato strategie incredibilmente buone per trarre il meglio dalla situazione. Eliminare il pendolarismo grazie all'home office e godersi l'intimità della propria casa hanno avuto persino un effetto positivo su molte persone, che si sono sentite meno stressate e avevano più tempo per la famiglia.

Naturalmente la situazione è più difficile per chi vive da solo...

che si sente ancora più isolato di prima. Per alcune persone le riunioni di lavoro sono l'unico momento di contatto sociale. Quando sono venute meno e sono state sospese anche le attività organizzate del tempo libero, è mancata loro una struttura giornaliera e settimanale regolare. Questo ritmo dà un certo orientamento e un senso di sicurezza, che è particolarmente importante per chi è psichicamente instabile. Alcuni hanno trovato sostegno anche tra chi si sta opponendo alle misure anticovid.

Come se lo spiega?

Le restrizioni sono usate come pretesto per esprimere un'insoddisfazione di fondo, dietro alla quale si nasconde spesso la sensazione di non essere preso sul serio o notato a sufficienza. Ora c'è finalmente una buona ragione per essere arrabbiato e incolpare gli altri della propria frustrazione. Alcuni diventano persino più vitali: trovano persone che la pensano come loro e si sentono moralmente superiori.

Come si fa ad affrontare questi atteggiamenti?

Purtroppo alcuni di questi pazienti li ho persi. Ma naturalmente anche nella vita pubblica incontro persone che sono in parte contrarie alle misure di protezione dal coronavirus. Nonostante non mi riesca sempre facile cerco di vedere le paure che ci sono dietro e di essere comprensivo. Rifiutare queste persone esaspera ulteriormente le fratture tra i diversi schieramenti. La crescente divisione nella società mi preoccupa molto, perché un irrigidimento dei fronti non fa che peggiorare le cose. In un momento come questo c'è bisogno di solidarietà, non di un'ostile guerra di trincea.

di Andrea Söldi,

pubblicato in data 12.01.2022


Potrebbe interessarti anche:

È tempo d'autunno: ricette, consigli e idee

Scopri adesso
herbst-sticky