Internet Explorer non è più supportato

Per utilizzare al meglio il sito web ti preghiamo di usare un browser web attuale.

Rotavirus: l'infezione, i sintomi e la vaccinazione

La maggior parte dei bambini fa una spiacevole conoscenza con i rotavirus nei primi tre anni di vita. Anche in seguito, infezioni e diarrea possono ripetersi. Tuttavia, la prima infezione da rotavirus è di solito la più acuta.

I rotavirus sono altamente contagiosi. Sono la causa più comune di diarrea grave con vomito nei bambini, e quasi tutti ne sono colpiti nei primi cinque anni di vita. Prima dell'introduzione della vaccinazione contro il rotavirus, diverse centinaia di migliaia di bambini morivano ogni anno per infezioni da rotavirus nei Paesi poveri. In Svizzera, ogni anno circa 500-1000 bambini vengono ricoverati per questo motivo.

La prima infezione da rotavirus è di solito la più acuta. Nella maggior parte dei casi, nell'arco della vita non si verifica solo un'infezione da rotavirus, perché la protezione immunitaria che si acquisisce dopo aver contratto l'infezione non è permanente. Tuttavia, se l'infezione si ripresenta, non comporta necessariamente segni di malattia; l'infezione può essere lieve o addirittura asintomatica.

Quali sono i sintomi dell'infezione da rotavirus?

Per i bambini più grandi e gli adulti, l'infezione da rotavirus è molto fastidiosa: diarrea acquosa (anche con muco), dolori addominali e vomito sono i sintomi principali, talvolta accompagnati da una leggera febbre, tosse e raffreddore per tre-sei giorni. Secondo l'Ufficio federale della sanità pubblica, in Svizzera non si osservano complicazioni a lungo termine o decessi.

Quanto sono pericolosi i rotavirus per i bambini piccoli e gli anziani e quanto dura un'infezione?

Quando è necessario rivolgersi al medico?

Labbra screpolate, bocca secca, occhi infossati, fontanella infossata (nei neonati), urine scure, forti dolori addominali o cattive condizioni generali sono segnali di allarme. Consultare in tal caso immediatamente un medico. Questo vale anche se un neonato non scarica acqua per quattro o sei ore o se i bambini liberano molta acqua alla volta. Se la diarrea dura più di sei ore in un bambino piccolo o più di due giorni nel caso di un bambino più grande, è necessario consultare un medico.

I neonati fino all'età di tre mesi contraggono molto raramente il rotavirus. Normalmente, sono ancora protetti dagli anticorpi materni. I neonati e gli anziani, invece, spesso si ammalano in maniera acuta. La forte perdita di liquidi causata dalla diarrea durante un'infezione da rotavirus può mettere a rischio la loro vita. Pertanto, in questi casi è necessario il ricovero in ospedale per somministrare alla persona colpita liquidi per via endovenosa e, se necessario, minerali di importanza vitale (i cosiddetti elettroliti).

Le infezioni da rotavirus non possono essere distinte da altre malattie diarroiche sulla base dei sintomi. Un test rapido delle feci o altri test possono confermare la diagnosi. Tuttavia, la grande maggioranza dei bambini e degli adulti torna in forma dopo circa una settimana, con o senza il test.

Come viene trattata un'infezione da rotavirus?

Non esiste un trattamento causale contro i rotavirus. La regola di base per le malattie diarroiche è: bere molti liquidi, preferibilmente in piccole porzioni. Anche le soluzioni elettrolitiche sostitutive in farmacia sono utili in caso di grave perdita di liquidi. È indicato anche ingerire cibi facilmente digeribili. I farmaci che bloccano la diarrea dovrebbero essere evitati il più possibile, perché possono prolungare il decorso della malattia.

(Continuazione in basso...)

Contenuti collegati

vai al Dossier

Come si trasmettono i rotavirus?

Come alimentarsi dopo un'infezione?
  • L'infezione da rotavirus provoca una temporanea carenza di lattasi. Questo enzima prodotto dalle cellule intestinali è necessario per digerire lo zucchero del latte (lattosio). In caso di carenza di lattasi, il latte è meno tollerabile. In alcuni bambini, l'intolleranza al lattosio si protrae per alcune settimane dopo aver superato l'infezione da rotavirus. Le madri che allattano al seno il proprio bambino dovrebbero comunque continuare a farlo e chiedere consiglio al pediatra se il bambino presenta problemi digestivi.
  • Dopo aver superato la diarrea, mangiare prima cibi leggeri. Se questi vengono ben tollerati, tornare gradualmente alla dieta normale.

I rotavirus sono solitamente trasmessi tramite infezione per contatto. L'igiene delle mani è dunque molto importante come misura preventiva. Le persone malate espellono innumerevoli agenti patogeni con le feci. Tracce sulle mani, sulle maniglie delle porte, sui giocattoli o su altri oggetti sono sufficienti perché i virus infettino la persona successiva. Di norma, gli agenti patogeni passano dalla mano alla bocca.

Il periodo di incubazione - cioè il tempo che intercorre tra l'infezione e l'insorgenza della malattia - è di solito da uno a tre giorni per i rotavirus.

Raramente, è possibile contrarre l'infezione da rotavirus anche attraverso l'acqua o il cibo contaminati. I rotavirus sono in grado di sopravvivere nelle feci secche per diversi giorni e persino per diverse settimane nell'acqua. I focolai si verificano ripetutamente in case di cura, ospedali, tra i viaggiatori o in istituti comuni. La stagione tipica per l'infezione da rotavirus va da febbraio ad aprile, ma ai tropici è presente tutto l'anno.

Esiste una vaccinazione contro i rotavirus?

La migliore prevenzione possibile contro questo virus intestinale è quindi l'igiene nella manipolazione degli alimenti, il lavaggio accurato delle mani e il non dimenticare di pulire ad esempio le maniglie delle porte. Una vaccinazione per via orale nella prima infanzia può proteggere dalla malattia per circa due o tre anni. È raccomandata in diversi Paesi. In Svizzera, la Commissione federale per le vaccinazioni l'ha finora raccomandata come vaccinazione cosiddetta «supplementare». Si tratta di vaccinazioni meno significative per la salute pubblica, ma che possono essere utili per la salute individuale. Finora questa vaccinazione non è coperta dall'assicurazione di base.

Per quanto tempo sarò ancora contagioso?

Chi è guarito deve fare attenzione: i rotavirus possono essere escreti ancora per alcuni giorni. Nei neonati prematuri o nelle persone con un sistema immunitario indebolito, i tempi possono essere molto più lunghi. Coloro che sono guariti dovrebbero quindi continuare a lavarsi bene le mani e recarsi di nuovo a scuola, negli asili o in altri istituti comini solo dopo quando sono liberi da sintomi da almeno due giorni.

di Dott. med. Martina Frei,

pubblicato in data 30.10.2022


Potrebbe interessarti anche:

Vitamin Bag: Acquista verdura da magaz-zino a un prezzo forfettario

Scopri adesso