Internet Explorer non è più supportato

Per utilizzare al meglio il sito web ti preghiamo di usare un browser web attuale.

Trombosi: sintomi, cause e trattamento

Stare a lungo seduti aumenta il rischio di trombosi. La trombosi consiste nella formazione di un coagulo di sangue in una vena o in un'arteria. Può avere conseguenze letali. Sarebbe utile saper riconoscere i sintomi di una trombosi, per reagire tempestivamente in caso di sospetto.

Che cos'è una trombosi?

Ognuno di noi avrà sicuramente provato questa esperienza: quando ci si taglia un dito, di solito prima o poi il taglio smette di sanguinare. Questo è il risultato di un sistema ben congegnato: il nostro corpo produce sostanze coagulanti che arrestano il sanguinamento. Si forma una crosta e la ferita guarisce. Se in un caso ci aiuta, in un altro può tuttavia provocare grossi problemi. A volte il sangue si coagula quasi per sbaglio, formando un trombo (una sorta di «grumo») che blocca parzialmente o completamente la circolazione. È una condizione che i medici definiscono trombosi.

Dove può venire una trombosi?

La trombosi può verificarsi in qualsiasi vena o arteria del corpo. Poiché il sangue scorre più lentamente nelle vene che nelle arterie, le trombosi venose sono molto più comuni. Sono più frequenti nelle gambe.

Le trombosi nelle vene superficiali della gamba sono meno pericolose di quelle delle vene che scorrono sotto i muscoli del polpaccio. Si tratta della cosiddetta «trombosi venosa profonda».

Quali sono i sintomi della trombosi?

Un sintomo tipico della trombosi è il gonfiore del polpaccio dovuto al sangue che rimane bloccato dietro il coagulo. Il polpaccio risulta teso e più duro del solito, provocando dolore. Se la trombosi si manifesta in una vena del braccio, si verifica qualcosa di simile nel braccio. I sintomi possono essere anche solo lievi.

Quali sono le conseguenze della trombosi?

Nel caso di una ferita, è utile che si formi un coagulo di sangue. In questo modo si arresta l'emorragia. Tuttavia, se questo accade in una vena o in un'arteria, ciò può rapidamente diventare un pericolo potenzialmente mortale. Questo perché se una parte del coagulo si stacca all'interno della vena, questa viene poi trasportata dal flusso sanguigno e può finire, ad esempio, nei polmoni, dove può ostruire un vaso sanguigno. È ciò che accade quando si verifica un'embolia polmonare. Se si tratta di un'embolia polmonare grave, è possibile che si manifesti una dispnea acuta. Può causare il decesso in pochi minuti.

Se si verifica una trombosi in un'arteria, la parte del corpo di cui questa è responsabile non viene più irrorata di sangue. Se ciò avviene nel cervello, il risultato è un ictus; se avviene in un'arteria cardiaca, il risultato è un infarto. Nell'intestino, una trombosi può causare la necrosi di una parte dell'intestino.

La trombosi può ostacolare il flusso sanguigno. Nel caso delle vene, spesso si formano vene varicose o le vene varicose esistenti diventano ancora più grandi. Funzionano come una deviazione in un ingorgo stradale, guidando il sangue oltre la costrizione e verso il cuore. Tuttavia, lo fanno più male che bene. Anche la pigmentazione cutanea e i danni ai tessuti dovuti all'aumento della pressione sono conseguenze comuni.

Come viene diagnosticata la trombosi?

Se si sospetta una trombosi è necessario reagire rapidamente, in particolare quando si avverte affanno nella respirazione e/o dolore al petto. Le persone colpite dovrebbero immediatamente consultare un medico o recarsi all’ospedale per un accertamento. Una visita da parte di un medico e un esame del sangue possono rafforzare o dissipare il sospetto di trombosi. Per confermare la diagnosi è necessario un esame con ultrasuoni, una tomografia computerizzata specifica (la cosiddetta angio-TC) o una risonanza magnetica.

(Continuazione in basso...)

Contenuti collegati

Quali sono i fattori di rischio per la trombosi?

La trombosi venosa è favorita dal poco movimento, ad esempio quando si sta seduti per lunghi periodi di tempo (come nel caso di un volo di diverse ore), quando ci si accovaccia per lunghi periodi di tempo durante il giardinaggio, quando una gamba ferita è immobilizzata in un gesso o quando si è costretti a letto a causa di un'infezione.

Un secondo fattore favorevole è il danneggiamento della parete venosa, ad esempio a causa di una flebite, in seguito a una lesione o a un intervento chirurgico. Anche le vene varicose sono un fattore di rischio. In caso di trombosi nelle arterie, i danni alla parete del vaso sanguigno causati dal colesterolo alto spesso contribuiscono alla formazione del coagulo.

Il terzo fattore complice è un disturbo della coagulazione del sangue. Può essere ereditario, manifestarsi come effetto collaterale di una malattia (ad esempio in seguito a un'infezione come quella da COVID o in caso di tumore) o anche come effetto collaterale degli ormoni, per esempio durante la gravidanza o il puerperio, con la terapia ormonale sostitutiva o a causa della pillola anticoncezionale. Le persone con gruppo sanguigno zero manifestano più raramente trombosi rispetto a quelle con altri gruppi sanguigni perché per natura il loro sangue si coagula meno rapidamente.

Le cosiddette trombosi «non provocate» sembrano verificarsi all'improvviso, senza che venga individuato un fattore scatenante.

Come viene trattata la trombosi?

La trombosi viene trattata con anticoagulanti. In caso di emergenza, si può anche cercare di estrarre il coagulo mediante un catetere.

Alle persone che hanno già avuto una trombosi viene solitamente somministrato un medicamento anticoagulante per un periodo di tempo più o meno lungo. Le calze a compressione prevengono sia una (nuova) trombosi sia i possibili danni conseguenti, come gambe gonfie e vene varicose.

Come si possono prevenire le vene varicose?

Uno stile di vita e un peso corporeo salutari riducono la probabilità di trombosi. Le calze a compressione migliorano il flusso sanguigno nella gamba in caso di vene varicose.

Quando si sta seduti a lungo, è sempre opportuno alzarsi e fare qualche passo o, se non è possibile, almeno muovere, tendere e rilassare i muscoli delle gambe. Questo stimola il flusso sanguigno nei vasi.

Se si sta pianificando un viaggio prolungato e si presentano fattori di rischio per la trombosi, sarebbe necessario chiedere al proprio medico se, oltre alle calze a compressione, sia opportuno sottoporsi a una profilassi a breve termine con un anticoagulante.

di Dr. med. univ. (CZ) Milada Touzil,

pubblicato in data 13.06.2022


Potrebbe interessarti anche:

Quiz estivo Migros: gioca ora e vinci fantastici premi.

Vai al quiz estivo
iMpuls_Sticky_Teaser_Sommer_Quiz_Webseite