Internet Explorer non è più supportato

Per utilizzare al meglio il sito web ti preghiamo di usare un browser web attuale.

Ciaspolare in totale sicurezza: cosa bisogna tenere presente

Le escursioni con le racchette da neve o ciaspole possono essere effettuate su sentieri segnalati, in tour guidati o su percorsi individuali. Desideriamo evidenziare in quali situazioni bisogna prestare attenzione.

Godersi paesaggi innevati lontano dalla frenesia dello sci e fare il pieno di sole d'alta quota è semplicemente meraviglioso. Ecco perché, negli ultimi anni, molti svizzeri hanno scoperto le racchette da neve. La maggior parte di loro rimane sui sentieri segnalati − a ragione: lo splendore bianco può essere affascinante ma può diventare subito pericoloso a causa delle valanghe.

Con una preparazione adeguata è possibile anche avventurarsi in tour non segnalati. Insieme all'accompagnatrice in montagna Alexandra Marty illustriamo come passare dal livello principiante a quello avanzato, tenendo sempre in debita considerazione i pericoli della montagna.

Come posso trovare percorsi adatti alle racchette da neve?

Per i principianti è meglio attenersi all'inizio ai percorsi segnalati. Su SvizzeraMobile, la rete ufficiale per il trasporto non motorizzato in Svizzera, sono registrati oltre 200 percorsi ufficiali per racchette da neve – con tutti i dettagli del caso come una descrizione dettagliata dei sentieri, informazioni pratiche aggiuntive e la mappa dettagliata di Swisstopo da stampare.

Gli escursionisti con le ciaspole possono sentirsi al sicuro su questi percorsi perché i sentieri segnalati sono progettati in modo tale da evitare il pericolo di valanghe. E in caso di reale pericolo di valanghe, il percorso viene chiuso dalle autorità locali.

Cosa si deve osservare sui sentieri segnalati per escursioni con le ciaspole?

Anche sui percorsi segnalati è necessario seguire alcune regole di base: prevedere un lasso di tempo sufficiente e non pretendere troppo da se stessi, bere e mangiare regolarmente nonché utilizzare un'attrezzatura adeguata.

Per le escursioni con le racchette da neve sono necessari due bastoncini da trekking o da sci con rondelle grandi, scarpe robuste e calde nonché indumenti caldi e resistenti alle intemperie, preferibilmente a più strati. Oltre all'occorrente per sfamarsi e idratarsi, lo zaino dovrebbe contenere una cassetta di pronto soccorso con una coperta di salvataggio e un telefono cellulare carico sul quale è installata l'app della Rega. Se la visibilità è compromessa dalla nebbia o da forti nevicate è meglio rimanere a casa in caso di dubbio. Perché in condizioni di scarsa visibilità può essere difficile individuare la segnaletica. In questo caso è indispensabile essere in grado di orientarsi con una mappa, una bussola o un GPS.

Le escursioni guidate con le racchette da neve sono sicure?

Data la popolarità dell'escursionismo sulla neve, molti sentieri segnalati vengono battuti in tempi relativamente brevi. Chi preferisce quindi la neve fresca, prima o poi deve organizzarsi da sé o partecipare a tour guidati.

Nelle escursioni guidate si è in sicurezza: chi offre escursioni a pagamento con racchette da neve a partire da WT 3 è soggetto alla Legge svizzera sulle attività a rischio e deve essere in possesso di un attestato professionale federale di accompagnatore/accompagnatrice in montagna o guida alpina. Il vantaggio di un tour guidato professionalmente risiede nel fatto che non è necessaria una pianificazione dispendiosa in termini di tempo.

(Continuazione in basso...)

Contenuti collegati

Vai al Dossier

Cosa bisogna osservare nei percorsi non segnalati per le racchette da neve?

Chi desidera abbandonare prima o poi i sentieri segnalati deve da subito imparare a usare le mappe. La cosa fondamentale sulla neve è saper riconoscere i punti pericolosi che si trovano solitamente su pendii ripidi dove un manto nevoso instabile può iniziare a scivolare. La ripidità di un pendio può essere visualizzata sulla mappa di SvizzeraMobile. A tal fine bisogna selezionare il livello «Classi di pendenza maggiori di 30°» sulla mappa invernale. A partire da 30°, il pendio si colora di giallo e rosso. Si consiglia di stampare questa mappa anche per le escursioni segnalate e di consultarla più volte durante il percorso. Ciò per fare pratica e allenare il senso di orientamento.

Come prepararsi a possibili valanghe?

Prima di pianificare la prima escursione lontano dai sentieri segnalati si consiglia di svolgere un corso di base sulle valanghe, dove si impara a valutare la situazione quando si pianifica a casa, sul campo e davanti al singolo pendio – e quindi a prendere la decisione giusta. I tre fattori correlazione, terreno e persona sono sempre presi in considerazione e collegati tra loro. I partecipanti imparano inoltre a usare l'apparecchio per la ricerca travolti in valanga (ARTVA), la pala e la sonda. A proposito, questi tre oggetti vanno messi nello zaino non appena si lasciano i sentieri segnalati.  Un aspetto importante di un corso sulle valanghe è anche la lettura del bollettino valanghe, aggiornato quotidianamente dall'Istituto per lo studio della neve e delle valanghe (SLF) e reso disponibile tramite l'app «White Risk». Oltre al bollettino attuale, l'app contiene anche molte informazioni sul pericolo di valanghe.

Posso iniziare il mio tour personale con le racchette da neve?

Va da sé che all'inizio bisogna pianificare le escursioni individuali solo su terreni relativamente pianeggianti e partire solo quando il pericolo di valanghe è minimo. Chi, dopo aver frequentato un corso sulle valanghe e aver maturato esperienza in tal senso, è in grado di valutare le diverse situazioni in termini di correlazione, terreno e persona potrà sentirsi sicuro anche nelle escursioni più impegnative. O come afferma l'accompagnatrice in montagna Alexandra Marty: «È un approccio lento e accorto che tiene sempre conto di alcune regole importanti.» Inoltre, la riflessione e la formazione continua sono importanti perché in relazione alla valutazione del rischio non si finisce mai di imparare.

Prodotti adatti

di Andrea Freiermuth,

pubblicato in data 07.02.2023


Potrebbe interessarti anche: