Internet Explorer non è più supportato

Per utilizzare al meglio il sito web ti preghiamo di usare un browser web attuale.

Cosa c'è da sapere sulle compresse di iodio

Per timore di un'eventuale minaccia nucleare, molte persone stanno valutando se procurarsi le compresse di iodio. Qual è il loro effetto, quando vanno prese e altre informazioni utili.

Dall'Ucraina continuano ad arrivare notizie di combattimenti o esplosioni nelle vicinanze di centrali nucleari. Il vecchio impianto di Chernobyl, dove nel 1986 si verificò un grave incidente, è attualmente staccato dalla rete elettrica ed è alimentato da generatori diesel.

Per timore che si verifichi un incidente nucleare o si usino armi nucleari, nel corso dell'ultima settimana molte persone in Svizzera hanno cominciato a valutare se procurarsi compresse di iodio.

Che effetti hanno le compresse di iodio

Le compresse di iodio sono concepite solo per le emergenze. Questo perché hanno effetti normalmente indesiderabili: lo iodio ad alte dosi rallenta l'assunzione di iodio per circa sette o 14 giorni e quindi la produzione di ormoni tiroidei vitali. Pertanto, vanno assunte solo su sollecitazione della Centrale nazionale d'allarme. I cantoni sono responsabili della relativa distribuzione.

«Il fabbisogno giornaliero di iodio della tiroide è nell'ordine dei microgrammi. Le compresse di iodio che la popolazione dovrebbe prendere in caso di emergenza nucleare contengono 50 milligrammi di iodio per pezzo, cioè oltre mille volte in più di quello che serve alla tiroide», dice Beat Müller, il capo della clinica medica universitaria dell'ospedale cantonale di Aarau.  

In caso di incidente nucleare, questo iodio ad alta dose mira a «saturare» la tiroide di iodio in modo tale che assorba il meno possibile lo iodio radioattivo (iodio 131). Quest'ultimo viene rilasciato durante gli incidenti nucleari e può anche raggiungere regioni lontane attraverso l'aria se il vento soffia in direzione sfavorevole. 

Cosa dovrebbe prevenire il «blocco dello iodio»

Ormoni tiroidei e iodio

La tiroide pesa un grammo alla nascita, negli adulti sani pesa da dieci a venti grammi. Per quanto piccola, è importante per lo sviluppo del bambino e per la sua vita futura. 

Gli ormoni tiroidei, chiamati T3 (forma attiva) e T4 (forma di stoccaggio), hanno effetti positivi sia sulla crescita sia sullo sviluppo mentale, e sono anche fondamentali in quasi tutti i processi vitali: sono essenziali per un gran numero di processi nel corpo, dal battito cardiaco alla capacità riproduttiva. Gli ormoni tiroidei sono vitali, a qualsiasi età. 

Per poterli produrre la tiroide ha bisogno dell'oligoelemento iodio. Normalmente, lo iodio proviene dal cibo. Il pesce, le alghe, il sale iodato e il latte ne contengono relativamente tanto. La tiroide «succhia» lo iodio dal sangue come una spugna asciutta risucchia l'acqua, soprattutto nelle persone che vivono in zone carenti di iodio e soffrono di carenza cronica di iodio. Tuttavia, grazie all'aggiunta di iodio al sale da cucina, si verifica raramente in Svizzera. Ecco perché anche il numero di persone con gozzo è diminuito.

Come hanno dimostrato i precedenti incidenti nucleari, lo iodio radioattivo provoca la comparsa di cancro alla tiroide, soprattutto nei giovani, nel giro di venti anni al massimo. In Bielorussia, per esempio, dopo l'incidente di Chernobyl è stato notato per la prima volta un aumento insolito di casi di cancro alla tiroide nei bambini. Negli adulti, il numero dei casi è aumentato di circa cinque volte. Beat Müller sottolinea che l'aver ricercato in modo più mirato questa malattia in quei luoghi può aver anche contribuito all'aumento di questi casi.

«Il rischio è rappresentato in percentuale. Assumendo le compresse di iodio probabilmente può essere inferiore all'un per cento», dice Beat Müller. 

Più giovane è una persona al momento del contatto con lo iodio radioattivo, maggiore è il rischio che sviluppi successivamente questa malattia. Tuttavia, non è possibile determinarlo con esattezza perché a giocare un ruolo fondamentale sono la dose di radiazioni, l'età (giovane), il sesso e altri fattori.

Dopo l'incidente di Chernobyl è stata l'associazione «Medici per la responsabilità sociale e la prevenzione di una guerra nucleare» (PSR/IPPNW) a dimostrare che il «blocco dello iodio» riduce il rischio di cancro alla tiroide.

A più di 500 chilometri di distanza il numero di casi di cancro alla tiroide era ancora notevolmente elevato. La causa era presumibilmente lo iodio 131 radioattivo, rilasciato all'epoca. Ha un'emivita di circa otto giorni, il che significa che dopo questo tempo la metà di questo oligoelemento radioattivo si è disintegrata. Dopo circa 80 giorni quasi tutto lo iodio radioattivo è scomparso.

Il problema principale è l'assorbimento di iodio radioattivo attraverso il cibo, specialmente il latte e i latticini di animali da pascolo che hanno mangiato erba contaminata. Il consiglio è quello di evitarne il consumo per tre mesi.

(Continuazione in basso...)

Contenuti collegati

Chi necessita in particolare delle compresse di iodio in caso di emergenza

Poiché i bambini e gli adolescenti consumano molto latte e la loro tiroide reagisce più sensibilmente allo iodio radioattivo man mano che crescono, hanno bisogno di una particolare protezione in caso di incidente nucleare. Pertanto, è consigliabile che anche le donne incinte e che allattano assumano le compresse di iodio in caso di emergenza, ma solo quando sono le autorità a raccomandarlo e seguendo precisamente le modalità di assunzione consigliate.

Quando e come prendere le compresse di iodio

Anche le pectine, il latte a lunga conservazione e il latte in polvere possono essere utili

Secondo alcuni studi, alcune delle sostanze radioattive possono essere eliminate dal corpo tramite l'urina con l'aiuto della pectina di mele o di alghe. Le pectine sono fibre alimentari solubili che si usano, ad esempio, quando si fa bollire la marmellata. In Bielorussia, dopo l'incidente di Chernobyl decine di migliaia di bambini hanno preso cinque grammi di una miscela di pectina di mele insieme ad acqua due volte al giorno per tre o quattro settimane. Questa «cura» veniva ripetuta ogni tre o quattro mesi, e ai bambini veniva anche dato del cibo non contaminato dalla radioattività.

Questo ha migliorato, per esempio, le attività elettriche disturbate del cuore nei bambini che avevano assorbito livelli particolarmente alti di cesio radioattivo.

Se è possibile, si dovrebbe cercare di esporsi il meno possibile a radiazioni radioattive dopo un incidente nucleare. Questo riguarda anche il consumo di cibo non contaminato da radioattività, per quanto possibile. Il latte a lunga conservazione o il latte in polvere al posto del latte fresco di produzione regionale può essere un'opzione temporanea di ripiego finché l'esposizione allo iodio radioattivo è alta.

Gli esperti consigliano unanimemente di non assumerle per precauzione. Secondo l'OMS, il «periodo ottimale di assunzione» è meno di 24 ore prima del contatto previsto con lo iodio radioattivo fino a due (a otto) ore dopo. «Se si dovesse verificare veramente un incidente nucleare in Ucraina, noi in Svizzera avremmo ancora abbastanza tempo per prendere le pastiglie», dice il primario dell'ospedale cantonale di Aarau, Beat Müller. La popolazione verrebbe poi avvertita via radio e cellulare, per esempio tramite l'app «Alertswiss».

Se si assumono le compresse di iodio più tardi di 24 ore dopo la fuga radioattiva, il danno potrebbe essere maggiore del beneficio, perché lo iodio radioattivo già assorbito potrebbe rimanere nella ghiandola tiroidea per un tempo estremamente lungo.

Le compresse di iodio, da assumere in caso di emergenza, contengono 50 milligrammi di iodio per pezzo. L'OMS e l'Ufficio federale della protezione della popolazione raccomandano il seguente dosaggio: 

  • per i bambini sotto un mese un quarto di compressa solo una volta
  • per i bambini da un mese a tre anni: mezza compressa al giorno
  • per i bambini da tre a 12 anni: una compressa intera al giorno
  • per i bambini a partire da 12 anni e per gli adulti: due compresse alla stessa ora al giorno
  • per le donne incinte e che allattano: due compresse alla stessa ora per un massimo di due giorni
  • alle persone con più di 60 anni l'OMS sconsiglia di prendere le compresse di iodio ripetutamente, a causa del rischio di effetti collaterali indesiderati.

Le compresse possono essere schiacciate e sciolte in succo, latte o acqua prima dell'assunzione. Le compresse continuano a essere efficaci oltre la data di scadenza, né il potassio né lo iodio presenti si decompongono, dice Beat Müller.

Un'analisi di diversi campioni di un produttore austriaco ha dimostrato che lo ioduro di potassio contenuto aveva una durata di conservazione fino a dieci anni se conservato correttamente (protetto dalla luce, in luogo asciutto e al di sotto dei 25 gradi Celsius). Non esistono studi su un periodo più lungo.

(Continuazione in basso...)

Effetti avversi delle compresse di iodio

Tra gli effetti avversi delle compresse di iodio vi sono quelli legati alle allergie allo iodio. Le persone con alcune malattie tiroidee pregresse potrebbero presentare sintomi temporanei di ipotiroidismo o ipertiroidismo. Molto raramente si verifica un'infiammazione delle ghiandole salivari. In tutti quei pazienti che stanno seguendo trattamenti a base di ormoni e farmaci della tiroide le compresse di iodio non causerebbero alcun problema, dice Beat Müller. «È meglio rivolgersi al proprio medico per sapere con esattezza di quale malattia della tiroide si soffre. E nel dubbio, è meglio prendere le compresse di iodio che aspettare». Le persone che sanno di essere allergiche allo iodio dovrebbero prendere le compresse solo in condizioni controllate e dopo aver consultato un medico.

Altri effetti delle sostanze radioattive

Tuttavia, è illusorio credere che basta assumere le compresse di iodio affinché le persone in regioni più remote siano in qualche modo protette dalle conseguenze di un incidente nucleare. Dopo il disastro di Chernobyl, per esempio, al massimo quattro dei circa 1.000 casi di cancro riconducibili alle radiazioni radioattive riguardavano la tiroide.

Il cancro alla vescica, al colon, ai polmoni e ai reni si sono verificati con una frequenza maggiore. Questo perché gli oligoelementi radioattivi aumentano il numero globale di casi di cancro, e aumentano anche la percentuale di malattie cardiovascolari: pressione alta, attacchi cardiaci, ictus, aritmie cardiache e morti improvvise si verificano con maggiore frequenza dopo un incidente nucleare.  

«Leucemie, malformazioni, malattie metaboliche, problemi riproduttivi e altre malattie sono sempre più frequenti nelle persone che sono state esposte a radiazioni radioattive», dice Claudio Knüsli, medico di Basilea e membro del consiglio dei «Medici svizzeri per la responsabilità sociale e la prevenzione di una guerra nucleare».

In Svizzera, come altrove, dopo il 1986 è stato osservato un improvviso aumento della mortalità infantile. «Inoltre, il rapporto tra nascite di bambini e bambine è cambiato: dal 1986, nel nostro paese sono nate circa 3.200 bambine in meno rispetto a quanto ci si sarebbe aspettato sulla base delle nascite precedenti", dice Knüsli.

Oltre allo iodio 131, un disastro nucleare rilascia anche cesio radioattivo, che ad esempio comporta danni al cuore, diffondendosi in tutto il corpo e accumulandosi nel pancreas e in vari altri organi per decenni. Lo stronzio radioattivo si incorpora nelle ossa e nei denti in crescita, e vi rimane. Solo undici anni dopo, la metà si è disintegrata e non è più radioattiva. Inoltre, sono presenti altre sostanze radioattive come il plutonio e l'americio. 

Tutte queste sostanze radioattive non colpiscono solo l'uomo, ma anche gli animali e le piante. L'esposizione può avere un effetto su più generazioni, anche se non sarà mai possibile dimostrare il nesso causale nei singoli casi.

«Negli esseri umani, un'unica dose per tutta la vita di 100 millisievert o più è considerata una dose elevata. Qualsiasi valore inferiore è considerato una dose bassa. Ma questo confine è fluido», sottolinea Claudio Knüsli. «Stiamo anche constatando nella cosiddetta 'gamma a bassa dose' una comparsa maggiore di casi di cancro, attacchi di cuore e anche un diverso rapporto maschi/femmine alla nascita». Le compresse di iodio impedirebbero al massimo il cancro alla tiroide dopo un incidente nucleare, ma non tutte le altre conseguenze.

di Dott. med. Martina Frei,

pubblicato in data 16.03.2022


Potrebbe interessarti anche:

È tempo d'autunno: ricette, consigli e idee

Scopri adesso
herbst-sticky