Internet Explorer non è più supportato

Per utilizzare al meglio il sito web ti preghiamo di usare un browser web attuale.

Chiudi

Vuoi vivere più sano?

Vuoi vivere più sano?

Le risposte più importanti sul gruppo sanguigno

Il gruppo sanguigno più comune in Svizzera è A+, quello più raro B-. Le persone con gruppo sanguigno 0- sono conosciute come "donatori universali".

Cosa sono i gruppi sanguigni?

Le persone si differenziano non solo per l'aspetto o l'impronta digitale, ma anche per le caratteristiche della superficie delle loro cellule. I globuli rossi, ad esempio, trasportano alcuni zuccheri e proteine sulla loro superficie. A seconda di quali di questi elementi una persona possiede, si ottengono diverse combinazioni e quindi diversi gruppi sanguigni.

Quali sono i gruppi sanguigni?

Le caratteristiche dei globuli rossi sono suddivise in diversi gruppi. Nell'uomo esistono circa 30 sistemi di gruppi sanguigni. In generale, tuttavia, solo otto di essi sono importanti dal punto di vista medico. Gli otto gruppi sanguigni sono 0+, A+, B+, AB+, 0–, A–, B– e AB–. Le abbreviazioni indicano alcune caratteristiche della superficie dei globuli rossi. Il gruppo sanguigno di appartenenza è determinato geneticamente e dipende dal gruppo sanguigno dei genitori.

In Svizzera, quasi il 40% della popolazione ha il gruppo sanguigno A+, mentre circa il 35% ha il gruppo 0+. I gruppi sanguigni più rari sono B- (circa l'1% della popolazione) e AB- (circa il 2%).

I segni più e meno indicano il cosiddetto "fattore Rhesus". Se è presente il cosiddetto fattore D Rhesus, riconoscibile dal segno più, il gruppo sanguigno in questione è "Rh positivo". Se non è presente, quindi riconoscibile dal segno meno, il gruppo sanguigno è considerato "Rh negativo".

A chi è utile il mio gruppo sanguigno?

In una trasfusione di sangue, sia le caratteristiche dei globuli rossi che gli anticorpi contro le caratteristiche dei gruppi sanguigni estranei presenti nel sangue giocano un ruolo importante. Questi anticorpi si attaccano a globuli rossi estranei e inadatti, una reazione immunitaria potenzialmente letale.

Per evitare tali reazioni, le donazioni di sangue devono sempre essere compatibili con il gruppo sanguigno del ricevente. Prima di ogni donazione di sangue, si controlla più volte se questo è il caso.

Le persone con gruppo sanguigno A, per esempio, hanno nel sangue anticorpi contro il gruppo sanguigno B. Se ricevessero per errore una donazione di sangue del gruppo B, si verificherebbe una reazione immunitaria. Se invece ricevono sangue del gruppo A, non succede nulla.

Le persone con gruppo sanguigno B, invece, hanno anticorpi contro il gruppo sanguigno A. E le persone con gruppo sanguigno 0 hanno anticorpi contro il gruppo sanguigno A e contro il gruppo sanguigno B: possono quindi ricevere solo donazioni di sangue del gruppo 0.

La trasfusione di sangue è più facile per le persone con gruppo sanguigno AB. Non hanno anticorpi contro A o B e quindi tollerano donazioni di sangue dei gruppi 0, A, B o AB.

Le persone con il raro gruppo sanguigno 0- (circa il sei per cento della popolazione) sono i cosiddetti "donatori universali": poiché i loro globuli rossi non portano in superficie né le caratteristiche ABO né il fattore Rhesus D, questi globuli sono "compatibili" con tutti gli altri gruppi sanguigni. Una donazione di sangue da parte di persone con gruppo sanguigno 0- può quindi essere somministrata a chiunque in caso di emergenza. Non è vero il contrario: chi ha il gruppo sanguigno 0- ha assolutamente bisogno del gruppo sanguigno 0- per una trasfusione di sangue, altrimenti si incorre in una reazione immunitaria.

(Continuazione in basso...)

Che cos'è il fattore Rhesus?

Il fattore Rhesus è stato originariamente studiato sulle scimmie Rhesus, da cui prende il nome. Anche nel caso di questo fattore si tratta di oltre 45 caratteristiche sulla superficie dei globuli rossi che sono presenti o assenti. La caratteristica più importante è l'Rh D. Circa il 15% della popolazione è "Rh D negativo", abbreviato "Rh-", mentre il restante 85% è "Rh+".

Quando le persone "Rhesus D negative" entrano in contatto con sangue "Rhesus D positivo", il loro sistema immunitario inizia a produrre anticorpi contro il fattore Rhesus. Ciò accade, ad esempio, quando una donna incinta è "Rh negativa" ma il bambino nel suo grembo è "Rh positivo". Se la donna rimane nuovamente incinta e il bambino successivo è anch'esso "Rh+", gli anticorpi presenti nel sangue della madre possono distruggere i globuli rossi del bambino. Per evitare che ciò accada, le madri con gruppo sanguigno "Rh-" ricevono un'iniezione di profilassi.

Che cos'è il gruppo sanguigno di Bombay?

Questo gruppo sanguigno è stato scoperto per la prima volta a Bombay (Mumbai), in India, ed è uno dei gruppi sanguigni più rari. A causa di una mutazione genetica, le persone in questione formano anticorpi contro tutti i gruppi sanguigni comuni, cioè contro A, B, AB e 0. Di conseguenza, possono ricevere solo trasfusioni di sangue proprio o di un donatore con gruppo sanguigno di Bombay. Tuttavia, si tratta di casi estremamente rari: in Europa si stima che una persona su un milione abbia il gruppo sanguigno di Bombay, mentre nel mondo si contano circa 20'000 persone, la maggior parte delle quali vive in India. Le donazioni di sangue del gruppo sanguigno di Bombay vengono trattate in modo speciale e crioconservate a meno 196 gradi Celsius in modo da rimanere utilizzabili per dieci anni.

Perché le donazioni di sangue sono importanti?

Gli adulti sani, a seconda del sesso, dell'età e dell'altezza, hanno circa dai cinque agli otto litri di sangue. Dopo un grave incidente, durante un'operazione importante, a causa di un cancro o di un'altra malattia, le persone colpite possono aver bisogno di una donazione di sangue per sopravvivere. Ogni giorno in Svizzera sono necessarie circa 700 donazioni di sangue. Durante il processo, vengono prelevati 450 millilitri di sangue dal donatore. Il corpo è in grado di rigenerare la quantità di sangue "persa" per via della donazione. Le donazioni di sangue hanno una durata limitata: i concentrati con globuli rossi, ad esempio, durano di solito solo 35 giorni. Per questo motivo le donazioni di sangue sono benvenute tutto l'anno. Chiunque non sia sicuro di essere un donatore di sangue idoneo può fare un controllo qui.

Contenuti collegati

di Dott. med. Martina Frei,

pubblicato in data 30.05.2023


Potrebbe interessarti anche:

Outdoor Fitness: una sferzata di freschezza per la salute

Prova adesso
2160x2160_Programm_Bilder_Kochen