Internet Explorer non è più supportato

Per utilizzare al meglio il sito web ti preghiamo di usare un browser web attuale.

Cosa non ci dice l'indice di massa corporea e perché rimane comunque importante

Un'importante associazione di medici americani sta mettendo in discussione l'uso dell'IMC come valore di riferimento. Pur non essendo una panacea, l'indice è giustificato, spiega Michael Schwarz di Medbase.

Perché si utilizza l'IMC?

Inventato nel XIX secolo dal matematico belga Adolphe Quetelet e generalizzato a partire dagli anni '80, l'indice di massa corporea (IMC) determina la corpulenza di una persona.  Si calcola dividendo il peso in chili per l'altezza in metri al quadrato. L'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) l'ha definita nel 1997 come standard per valutare il rischio di sovrappeso. Il peso è considerato adeguato se l'IMC è compreso tra 18,5 e 25. Il sovrappeso è definito come peso compreso tra 25 e 30 e l'obesità, o adiposità, come peso superiore a 30. Questa scala si applica agli adulti a partire dai 19 anni. Per i bambini sono stati calcolati altri valori. L'OMS specifica che l'IMC "fornisce un'indicazione approssimativa perché non corrisponde necessariamente allo stesso grado di adiposità da un individuo all'altro". Negli Stati Uniti, l'indice viene utilizzato dagli assicuratori per determinare i premi - un fatto che è stato criticato per diversi anni.

Perché l'utilità dell'IMC viene messa in discussione?

L'IMC è contestato perché non tiene conto di tutte le realtà. Così una persona molto alta o molto muscolosa potrebbe avere un indice che indica il sovrappeso, mentre una persona che fuma molto potrebbe avere un indice "normale"... A metà giugno, l'Associazione Medica Americana (AMA) ha riconosciuto che l'IMC ha causato un "danno storico": "è un modo imperfetto di misurare il grasso corporeo, perché non tiene conto delle differenze tra etnie, sessi, generi ed età".

Le informazioni utilizzate per calcolare i valori di riferimento possono essere problematiche. Quando lavoro con i dati statistici, guardo sempre alla loro provenienza e al contesto in cui sono stati raccolti", spiega Michael Schwarz, direttore del Medbase Check-up Center di Zurigo, "Per esempio, se utilizzo i valori di riferimento del 1960 per confrontare il peso della popolazione nel 1960 e nel 2023, un numero maggiore di persone che vivono oggi sarà classificato come sovrappeso.

Quali sono i vantaggi dell'IMC?

«Il numero di studi che stabiliscono un legame tra l'IMC e altre caratteristiche, come ad esempio il diabete, è estremamente elevato», spiega Michael Schwarz. In questo modo, possiamo ottenere risultati rilevanti sull'aumento dell'indice e sulla frequenza del diabete. Ciò non significa che l'IMC si applichi a tutti, ovunque, ma a una grande maggioranza.

Un altro vantaggio è che le persone possono calcolarlo da sole, posizionandosi così su una scala di confronto riconosciuta in tutto il mondo. La cosa migliore è utilizzare un calcolatore presente nei siti web che fornisca le informazioni e le avvertenze necessarie per comprendere il risultato, come ad esempio il calcolatore Impuls di Migros. «Se il risultato ti preoccupa o ti lascia perplesso, prendi un appuntamento per discuterne con un medico», consiglia Michael Schwarz. E se, al di fuori del consulto, il risultato porta una persona a perdere qualche chilo, «non è un problema», aggiunge. In linea di principio, perdere peso non fa mai male e fa bene alla salute, a patto che non si soffra di disturbi alimentari».

Quanto è significativo l'IMC in Svizzera?

Secondo Michael Schwarz, è molto probabile che la messa in questione americana si diffonda anche in Europa, nel medio termine. Ma nessuno si spinge a dire che l'indice dovrebbe essere abbandonato. Pubblicato nel 2022, uno studio di Promozione Salute Svizzera conclude che "l'IMC non è una regola d'oro se usato su base individuale". La Fondazione consiglia di utilizzarlo "se possibile insieme ad altre misurazioni, in particolare la circonferenza vita". 

Molti professionisti stanno già facendo proprio questo: "Non conosco specialisti della prevenzione o della nutrizione che basino la loro diagnosi solo sull'IMC", conferma Michael Schwarz. Al Checkup Center misuriamo anche il rapporto vita-fianchi (RVF) e la distribuzione del grasso, in particolare quello viscerale. Inoltre, per poter giudicare lo stato di salute di una persona, è necessario prendere in considerazione altri fattori, come la presenza o meno di attività fisica, il fumo o l'ipertensione".

Perché il sovrappeso rappresenta un problema?

"A livello mondiale, il numero di casi di obesità è quasi triplicato dal 1975", scrive l'OMS. Secondo gli ultimi dati dell'UFSP, nel 2017 la percentuale di persone in sovrappeso o obese in Svizzera era del 42%. L'aumento del peso corporeo si accompagna a un maggior rischio di sviluppare malattie non trasmissibili (MNT), tra cui l'ipertensione e le forme di diabete. L'aspettativa di vita ne risente. In Svizzera, si stima che le MNT, esclusi i tumori, siano responsabili di circa l'80% dei costi sanitari. "Sia a livello individuale che collettivo, la lotta contro l'eccesso di peso interessa tutti noi", conclude Michael Schwarz.

Contenuti collegati

Tool

Calcolo IMC

Qual è la tua altezza?

cm

di Ariane Gigon,

pubblicato in data 09.08.2023


Potrebbe interessarti anche:

Personal Health Coaching: Ti aiutiamo ad acquisire forza mentale

Vai!
mann-beim-trailrunning