Internet Explorer non è più supportato

Per utilizzare al meglio il sito web ti preghiamo di usare un browser web attuale.

Carenza di medici: chi prenderà il posto del dottor Meyer?

In realtà molti medici hanno già raggiunto l'età della pensione. Tuttavia, non possono e non vogliono ancora andare in pensione, perché i loro pazienti si troverebbero improvvisamente senza medico di base. Come possiamo affrontare la carenza di medici di base?

Il giovedì pomeriggio, il dottor Jean Luc Meyer apre la porta del suo studio in jeans e camicia a quadri. Questo pomeriggio non ha nessun consulto, perché di solito visita i pazienti a casa o nelle case di riposo. È medico di base a Wattwil (SG) da 35 anni e si prende cura di molti pazienti. «Nel mio lavoro ci metto anima e corpo», dice. Il Dottor Meyer sarebbe in pensione da tre anni. Teoricamente. Sebbene il 68enne stia pensando da tempo di ritirarsi, non è ancora riuscito a trovare un successore. «E non riesco proprio a immaginare di abbandonare i miei pazienti».

jean-luc-meyer-theke

Non vuole abbandonare i suoi pazienti: Dr. Jean Luc Meyer

E il Dottor Meyer non è l'unico ad aver questo problema. Le ultime statistiche della Federazione dei Medici Svizzeri (FMH) mostrano che un totale di 4900 medici lavora ancora, anche se ha già raggiunto l'età della pensione. Questi medici sono importanti nel sistema sanitario; si raccomanda infatti un medico di base ogni 1000 abitanti. Oggi, tuttavia, il numero è di soli 0,8 medici di base ogni 1000 abitanti. Il problema è destinato a peggiorare, visto che un medico su quattro ha già 60 anni o più.

Più posti di studio per combattere la carenza di medici

Questo sviluppo non è una sorpresa per il Dottor Meyer. «Sono anni che noi medici e le associazioni di categoria lanciamo l'allarme in merito alla carenza generale di medici». Ai suoi tempi, ogni anno si laureavano in medicina 1200-1300 persone. Dall'introduzione del numero chiuso, la restrizione di ammissione agli studi di medicina, nel 1998, i posti disponibili sono solo 800-900. Questa limitazione è stata introdotta perché il programma di formazione medica di sei anni è molto costoso e i politici volevano risparmiare.

Nel 2016, il Parlamento si è reso conto che questa limitazione avrebbe portato a una carenza di medici e ha investito 100 milioni di franchi svizzeri con l'obiettivo di diplomare 1300 studenti all'anno alla facoltà di medicina entro il 2025. Oggi la cifra è di poco superiore a 1000. «Ma purtroppo non è sufficiente a compensare la carenza», afferma Monika Reber, membro del consiglio direttivo dell'Associazione dei medici e pediatri di medicina generale. Per questo motivo chiede ulteriori investimenti con l'obiettivo di offrire altri 500 posti di studio all'anno entro il 2025. Con circa 1800 laureati, saremo in grado di garantire l'assistenza medica di base in futuro e di ridurre la nostra dipendenza dall'estero.

È solo grazie agli specialisti stranieri che oggi ci sono abbastanza medici. In Svizzera lavorano più medici con una qualifica straniera che in qualsiasi altra parte d'Europa. Nel 2022 questa cifra rappresentava quasi il 40% di tutti i medici praticanti, la maggior parte dei quali proveniva dalla Germania. «Non è tuttavia una soluzione a lungo termine e non è etico sottrarre medici ad altri Paesi», afferma Meyer. Anche i Paesi limitrofi si stanno gradualmente rendendo conto che, offrendo condizioni di lavoro migliori, possono mantenere nel Paese i loro specialisti. «L'alto livello di dipendenza dai medici stranieri è quindi rischioso per noi», afferma Reber dell'associazione. Tuttavia la maggior parte dei medici stranieri lavora negli ospedali e solo pochi di loro lavorano come medici di base. Ciò significa che ancora oggi non possiamo compensare completamente la carenza di medici di base con medici provenienti dall'estero.

Studio medico di base disponibile gratuitamente

Anche il dottor Markus Bieri di Langnau im Emmental (BE) è alla ricerca di qualcuno che rilevi il suo studio medico. Questo perché l'anno prossimo compirà 65 anni e vuole andare in pensione. Oggi vive nella casa sopra il suo studio e da 26 anni cura pazienti provenienti da tutta la valle. «Quando ho iniziato a studiare medicina, molte persone mi hanno messo in guardia da questa scelta. C'erano già troppi medici», ricorda. Tuttavia, quando ha preso in mano il suo studio, è stato sommerso dai pazienti. «Dopo soli sei anni, non ero più in grado di accogliere nuovi pazienti e da allora lavoro ogni giorno dalle 7 del mattino fino a dopo le 21 per soddisfare tutti».

Anche prima del 1990 era difficile trovare uno studio. All'epoca, i giovani medici dovevano pagare ben 100'000 franchi svizzeri per rilevare uno studio e i suoi pazienti. Oggi è quasi impossibile da immaginare. Il Dottor Bieri cederebbe gratuitamente le attrezzature del suo studio, tutti i dispositivi medici e i suoi pazienti a un successore adeguato, se solo si riuscisse a trovarne uno. Finora si sono fatte avanti solo agenzie anonime dall'estero o alcuni medici non idonei. «Io non voglio cedere il mio studio a chiunque. Piuttosto preferisco chiudere», dice Bieri.

(Continuazione in basso...)

Contenuti collegati

Vai al DOSSIER

Troppe responsabilità come medico di base?

Ma in Svizzera nessuno vuole più diventare medico di base? Nina Mäder (30 anni) ha iniziato gli studi di medicina a Berna con l'idea di aprire un proprio studio. Ora è al terzo dei cinque anni di tirocinio e si è allontanata un po' dai suoi piani. «Attualmente lavoro nel reparto di emergenza di un ospedale e mi piace molto il lavoro di squadra. Non riesco a immaginare di gestire uno studio da sola subito dopo aver completato la mia formazione specialistica», dice. Inoltre, le aspettative dei pazienti nei confronti dei medici sono in continua crescita e chiunque può trovare informazioni su Google. «Finché non avrò maturato qualche altro anno di esperienza lavorativa, semplicemente non ho la fiducia necessaria per assumere il ruolo di medico di base».

Il medico di base Bieri della Valle dell'Emme comprende bene questo punto. «Quando un paziente arriva nel mio studio con la tosse, non posso ordinare tutti gli esami necessari per escludere il cancro, ad esempio. Devo affidarmi alla mia esperienza e calcolare le probabilità». È quindi capitato anche che abbia riconosciuto una malattia grave in ritardo o addirittura troppo tardi. «Non è facile e bisogna essere in grado di sopportarlo», dice. I giovani non sono abbastanza sicuri di sé per questa professione? «Come medico di base, tutti devono superare gli scogli iniziali e crescere nel proprio ruolo», dice Bieri. Tuttavia non si è mai completamente soli in uno studio. Se non si sa cosa fare o si ritiene che il paziente non sia soddisfatto, c'è sempre la possibilità di rivolgersi a uno specialista o di consultare un collega.  

Un poliambulatorio come alternativa

Per il giovane medico Nina Mäder c'è un'altra soluzione: l'impiego in un centro medico. «È possibile scambiare idee con i colleghi e dividere le responsabilità e gli orari di lavoro», afferma la dottoressa. I lunghi orari di lavoro sono un altro problema. Molti giovani medici non vogliono più lavorare al 100%. Anche perché sempre più donne svolgono questa professione e hanno anche una famiglia di cui occuparsi. Secondo le statistiche dell'Associazione Medica Svizzera (FMH) del 2022, i medici lavoravano ancora in media 47,7 ore a settimana. Tuttavia, un carico di lavoro del 100% come medico corrisponderebbe a 55 ore settimanali. «Non va bene. Non basta un solo successore per sostituire un medico di base che va in pensione», afferma Jean Luc Meyer di Wattwil.

Advanced Practice Nurse (APN): la soluzione di Medbase

In attesa che vengano formati altri medici, il fornitore di servizi sanitari Medbase sta lavorando a un'altra soluzione: gli infermieri di pratica avanzata, i cosiddetti Advanced Practice Nurses (APN), impiegati a integrazione del personale presso la sede pilota del Centro medico di Winterthur Neuwiesen.

Si tratta di esperti d'infermieristica con un master. Da un lato, possono occuparsi di attività infermieristiche estese e, dall'altro, anche dei compiti che i medici delegano loro. Questo include, ad esempio, il trattamento di semplici infezioni del tratto urinario, tosse, raffreddore e il cambio delle medicazioni delle ferite. O la cura dei malati cronici.

La responsabile del progetto Isabelle Mathier lavora come capo APN presso il sito pilota di Winterthur. «Lavoriamo a stretto contatto con i medici e possiamo quindi fornire loro un supporto mirato», afferma Matheir. Secondo l'Associazione dei pediatri e dei medici di medicina generale, attualmente ci sono circa 30 APN in vari ambulatori in tutta la Svizzera. Monika Reber dell'Associazione dei pediatri e dei medici di medicina generale concorda con questa soluzione. «Purtroppo c'è una mancanza di personale specializzato in tutti i settori dell'assistenza sanitaria. A lungo termine, non possiamo contare solo su un numero sufficiente di infermieri o assistenti di studio medico o coordinatori di studio medico ben preparati senza formare un numero maggiore di medici».

Il piano del dottor Jean Luc Meyer per il futuro

Il dottor Jean Luc Meyer di Wattwil ha ora un nuovo piano per organizzare la sua successione. Nell'estate del 2024, aprirà un centro medico nell'ex ospedale di Wattwil con la rete di medici Xundart. «Con una clinica ortopedica, un reparto di emergenza aperto 24 ore su 24 e altri medici specialisti nella stessa proprietà, si sta creando un ambiente attraente per i giovani medici di base», afferma Meyer. Sarà coinvolto all'inizio e spera che altri medici si uniscano al team il prima possibile per sostituirlo.

di Rahel Schmucki,

pubblicato in data 30.11.2023, modificato in data 04.12.2023


Potrebbe interessarti anche:

Vinci una partecipazione gratuita alla corsa popolare

Partecipa adesso
Volksläufe Gratisstart