Internet Explorer non è più supportato

Per utilizzare al meglio il sito web ti preghiamo di usare un browser web attuale.

Orzaiolo: il piccolo nodulo sul bordo della palpebra

Le infiammazioni sulla palpebra sono comuni. Perlopiù, si tratta di un calazio o di un orzaiolo.

Calazio e orzaiolo: che cos'è e come si sviluppa?

Gli esseri umani presentano ghiandole sebacee anche sulle palpebre. Proprio come le ghiandole sebacee della pelle, anche queste possono ostruirsi. Il sebo non è più in grado di defluire e si accumula nell'arco di alcune settimane. Il risultato è un nodulo sulla palpebra superiore o inferiore, il cosiddetto orzaiolo o calazio. Il nodulo risulta solido e leggermente mobile. 

Qual è la differenza tra calazio e orzaiolo?

Nel caso del calazio, le ghiandole sebacee sul bordo della palpebra si infiammano gradualmente e in modo cronico. Il calazio si sviluppa lentamente nell'arco di giorni o settimane, di rado è doloroso e solo leggermente arrossato.

Nel caso dell'orzaiolo entrano in gioco anche i batteri. Si depositano nelle ghiandole sebacee e sudoripare della palpebra e alimentano ulteriormente l'infiammazione. Questo è il motivo per cui l'orzaiolo si sviluppa rapidamente. Si tratta di un nodulo doloroso, rosso e pieno di pus che spesso provoca una sensazione di tensione ed è sensibile alla pressione. Solitamente sono responsabili dell'infiammazione I batteri dello stafilococco. Tuttavia, complicazioni come congiuntivite, ascesso palpebrale o infiammazione orbitale sono fortunatamente rare.

Durata e posso schiacciare un orzaiolo?

Sia i calazi che gli orzaioli di solito scompaiono spontaneamente. L'esperienza dimostra che sono necessarie da due a otto settimane per il calazio e da una a due settimane per l'orzaiolo.

Durante questo periodo, l'orzaiolo di solito si apre da solo, il pus si svuota e guarisce. Non si deve in nessun caso premere o massaggiare.

Come vengono trattati l'orzaiolo e il calazio?

Il processo può essere accelerato con impacchi caldi e umidi, ad esempio con tè nero, da applicare sulle palpebre chiuse due o tre volte al giorno per 5-10 minuti ogni volta. In alternativa, si può prendere in considerazione la terapia del calore con luce rossa (tre volte al giorno per minuti a seduta con gli occhi chiusi).

Nella fase infiammatoria, agenti antisettici come l'unguento oftalmico Bibrocathol, nonché colliri e pomate antinfiammatorie e antibiotiche aiutano a curare l'orzaiolo, agendo contro i batteri e impedendo che l'infiammazione si diffonda ulteriormente. Se il dolore è forte, l'oculista può praticare una piccola incisione per drenare il pus.

(Continuazione in basso...)

Contenuti collegati

Vai al Dossier

Dall'oculista per un calazio?

I calazi che premono in modo fastidioso o che compromettono la capacità visiva vengono rimossi chirurgicamente con un piccolo intervento. In alcune persone, il calazio provoca una curvatura della cornea a causa della pressione che esercita sull'occhio, con conseguente deterioramento della vista. Se il calazio oscura l'asse visivo nei bambini per un lungo periodo di tempo, occorre intervenire chirurgicamente in modo che lo sviluppo visivo proceda nella norma.

Se un calazio è molto persistente e non scompare da solo, l'oculista preleverà un campione di tessuto con un mini-intervento per escludere un tumore palpebrale maligno.

Orzaiolo: quali sono le cause e i fattori di rischio?

Come prevenire gli orzaioli?
  • Rimuovere il kajal e il mascara la sera.
  • Non cercare di schiacchiare l'orzaiolo. in tal caso, i batteri si diffondono maggiormente nel tessuto infiammato e possono essere trasmessi anche all'altro occhio o ad altre persone con le dita.
  • Un sistema immunitario forte, con una dieta sana e ricca di vitamine e molto esercizio fisico, rafforza il sistema immunitario e rende più difficile la moltiplicazione degli agenti patogeni dell'orzaiolo.

Tutto ciò che ostacola il flusso di sebo favorisce l'insorgenza di calazi e orzaioli. Tra i fattori esterni rientrano un kajal steso in uno strato troppo spesso o una quantità eccessiva di mascara. Il trucco può irritare la pelle del bordo della palpebra e / o ostruire i dotti escretori delle ghiandole sebacee se non viene rimosso la sera prima di coricarsi.

Un aumento del livello dell'ormone sessuale maschile androgeno influenza la produzione di sebo e la sua consistenza. Nei primi due decenni di vita, quando i livelli di androgeni sono più elevati, i calazi e gli orzaioli sono quindi più comuni. Tuttavia, possono manifestarsi a qualsiasi età e in tutti i sessi.

Spesso gli orzaioli sono un effetto collaterale del diabete mellito. Allo stesso modo, anche un sistema immunitario indebolito porta a infiammazioni ricorrenti delle ghiandole sebacee.

Alcune malattie della pelle del viso sono più spesso associate all'infiammazione dei bordi delle palpebere. Tra queste, rientrano la rosacea e la dermatite seborroica. Esse favoriscono inoltre l'accumulo di sebo.

di Dr. med. Karmen Stanic Jurasin,

pubblicato in data 29.11.2022


Potrebbe interessarti anche:

Vincere una delle 15 carte regalo Migros del valore di fr. 150!

Vai all'iscrizione