Internet Explorer non è più supportato

Per utilizzare al meglio il sito web ti preghiamo di usare un browser web attuale.

Bypass cardiaco: quali sono i rischi?

Cos'è un bypass cardiaco, quando si usa e cosa si fa esattamente durante un intervento di bypass? Ecco le risposte a queste e altre domande sull'argomento.

Cos'è un bypass cardiaco?

«Bypass» significa proprio «aggirare», ed è esattamente quello che fa un bypass: bypassa uno o più restringimenti nelle arterie coronarie. All'interno di queste arterie il sangue scorre verso il muscolo cardiaco, in modo da rifornirlo di ossigeno e di tutte le sostanze nutritive.

Durante un intervento di bypass, che dura diverse ore, un'arteria o una vena viene trapiantata dalla gamba, dal braccio o dalla parete interna del torace al cuore, prendendo poi il compito dell'arteria coronaria ostruita. Il bypass è una sorta di circuito per aggirare un ostacolo.

Perché alcune persone hanno bisogno di un bypass?

Nelle persone che soffrono di «aterosclerosi», una malattia vascolare, si può assistere alla formazione di depositi nelle arterie di tutto il corpo, comprese le tre arterie coronarie. Come risultato, queste arterie si restringono in alcuni punti. Queste occlusioni ostruiscono il flusso di sangue al cuore.

Se le vasocostrizioni sono molto estese nelle arterie coronarie, il cuore non riceve più a sufficienza ciò di cui ha bisogno. Inoltre, soprattutto durante uno sforzo fisico, possono verificarsi i cosiddetti attacchi di «Angina pectoris» («fitta al petto»). Si tratta di un dolore al petto che scompare nel giro di minuti se si fa una pausa. Anche il rischio di un infarto cardiaco aumenta.

Un intervento di bypass può aiutare nel caso in cui si presentino queste condizioni. Subito dopo, la maggior parte dei pazienti ritorna a non avere più sintomi.

Tuttavia, ricorrendo a questa operazione non si elimina la causa reale della malattia, l'aterosclerosi. Pertanto, dopo la procedura è importante per il cuore condurre uno stile di vita sano per garantire che il bypass funzioni il più a lungo possibile.

Come funzione un intervento di bypass?

Il restringimento delle arterie coronarie viene colmato con l'ausilio di arterie o vene, sia dalla parete del torace sia dal braccio o dalle gambe. L'opzione migliore dipende dalle dimensioni e dalle condizioni di queste arterie. Vengono prese solo le arterie o le vene di cui si può fare a meno nella loro posizione originale. Quindi, anche senza questo vaso sanguigno l'apporto di sangue lì è assicurato.

In primo luogo, il cardiochirurgo o la cardiochirurga rimuove il vaso che fungerà da bypass. Non si rimuove completamente l'arteria mammaria, ma si taglia solo a un'estremità.

Nella seconda fase, questo vaso viene collegato all'arteria coronaria colpita in modo da rifornire di sangue il muscolo cardiaco.

L'intera procedura dura dalle due alle quattro ore, e il paziente o la paziente è sotto anestesia generale. L'intervento di bypass viene solitamente eseguito a cuore aperto. Questo significa che si esegue un'incisione sullo sterno e si ferma il cuore solitamente per un breve periodo. Durante questo periodo, ad assumere temporaneamente la funzione di pompaggio è presente la macchina cuore-polmone.

È anche possibile operare sul cuore pulsante, ma in questo caso si immobilizza il cuore solo nei punti in cui si deve eseguire una sutura in modo da renderla possibile. Oggi sono possibili anche operazioni minimamente invasive che ricorrono alla cosiddetta chirurgia del buco della serratura attraverso le costole. Lo sterno rimane intatto.

(Continuazione in basso...)

Contenuti collegati

vai al Dossier

Quanto è grande il rischio durante l'operazione?

Se non si tratta di un'emergenza, il rischio è più o meno lo stesso di altre operazioni importanti. Su circa uno o tre pazienti su 100 si possono verificare complicazioni rilevanti. Grazie all'«Euroscore», il cardiochirurgo o la cardiochirurga sono in grado di determinare il rischio individuale.

Cosa succede dopo l'operazione?

Il paziente o la paziente rimane poi nel reparto di terapia intensiva da uno a tre giorni per il monitoraggio. Ogni giorno può fare piccoli progressi. All'inizio, ci può essere un po' di dolore quando si tossisce, a cui si può ovviare con antidolorifici ed esercizi di fisioterapia. In genere, i pazienti sono di nuovo in forma dopo pochi giorni. Tuttavia, ci vogliono circa quattro o sei settimane prima che la ferita dello sterno si richiuda e si stabilizzi.

È importante e si raccomanda di fare riabilitazione. Si può fare in modalità ambulatoriale nella propria abitazione (fino a dodici settimane) o ricoverati (da tre a quattro settimane). L'obiettivo è quello di riacquistare fiducia nel proprio corpo e tornare a essere fisicamente in forma. La riabilitazione include un programma di esercizi, consulenze, supporto psicologico e consigli per la gestione dello stress. Affinché l'intervento di bypass abbia successo, è importante smettere di fumare, preferibilmente nelle settimane precedenti l'operazione, poiché il fumo peggiora il processo di guarigione della ferita.

Quanto tempo dura il bypass?

Dipende dal tipo di bypass. Quando si usa l'arteria mammaria, più di nove bypass su dieci si aprono dopo dieci anni. Quando si usano le vene sono circa sette su dieci. Se un bypass si chiude, possono verificarsi di nuovo sintomi simili a quelli precedenti l'operazione.

Tuttavia, la malattia vascolare può progredire indipendentemente dai bypass. Questo perché la causa reale della malattia, l'aterosclerosi, non si elimina con l'intervento di bypass. Anche se i danni esistenti non si possono più riparare, si può fare molto per rallentarne l'avanzamento.

La misura più importante è vivere in modo salutare, perché uno stile di vita poco sano è spesso la causa dei danni vascolari. Molto esercizio fisico, mantenere un peso corporeo normale, una dieta mediterranea con molte verdure e un buon equilibrio tra lavoro e vita privata sono essenziali. Smettere di fumare è una delle migliori misure di prevenzione!

Anche i farmaci preventivi sono molto importanti. Livelli troppo elevati di zucchero nel sangue se si soffre di diabete e una pressione sanguigna troppo alta non solo danneggiano il bypass, ma anche tutte le altre arterie del corpo. Pertanto, è ideale trattare entrambe le condizioni con i farmaci. I farmaci che abbassano il colesterolo riducono le infiammazioni sulle pareti interne delle arterie e diminuiscono il rischio di depositi vascolari. Gli anticoagulanti prevengono i coaguli di sangue.

di Dr. med. Alexander Walker,

pubblicato in data 10.03.2022


Potrebbe interessarti anche:

Abbonati alla newsletter iMpuls e vincere una carta regalo Migros

Iscriviti subito e vinci