Internet Explorer non è più supportato

Per utilizzare al meglio il sito web ti preghiamo di usare un browser web attuale.

Che fare se si ha il Long Covid?

Molte persone continuano ad avere i sintomi del covid anche molto tempo dopo essersi ammalate. Ecco quali sono i rimedi per chi è affetto da Long Covid e cosa bisogna evitare.

Quanto è comune il Long Covid e quali sono i sintomi?

Circa dieci persone su 100 accusano ancora i sintomi dopo più di quattro settimane dall'infezione da coronavirus. Il numero esatto di persone che soffrono di «Long Covid» o «Post Covid» non è ancora chiaro agli scienziati: le stime variano da due a 53 adulti su 100, compresi i casi lievi e gravi.

I sintomi più comuni sono affaticamento e scarsa resistenza durante lo sforzo fisico o mentale, alterazione del pensiero e difficoltà di concentrazione, respiro corto durante lo sforzo e alterazioni dell'olfatto e del gusto. Le persone colpite hanno descritto finora più di 50 sintomi, tra cui perdita di capelli, mal di testa, dolori muscolari, dolori agli arti e diarrea. Il quadro clinico non è uniforme, probabilmente esistono diverse forme di Long Covid.

Esistono fattori di rischio? Come si può prevenire il Long Covid?

Long Covid e bambini

Per quanto riguarda i bambini, i dati sono ancora più incerti che per gli adulti. Esistono solo pochi e brevi studi. Alcuni esperti dubitano che i bambini possano essere affetti da Long Covid. Si sospetta che molti dei disturbi dei bambini siano riconducibili molto probabilmente ai lockdown e alle circostanze della pandemia. Altri esperti stimano che l'incidenza del Long Covid nei bambini non ospedalizzati sia compresa tra il 2 e il 2,9%.

La probabilità di contrarre il Long Covid è più alta nelle donne che negli uomini, il rapporto è di quasi 2:1. Il gruppo di età con una maggiore incidenza è quello dei 20-29 anni. Le persone che sono state spesso colpite da Long Covid sono quelle con condizioni preesistenti, quelle in sovrappeso, quelle che si sono ammalate di covid in forma grave e hanno avuto bisogno di cure in terapia intensiva e quelle con un elevato stress di vita.

Finora è stato individuato un solo fattore in grado di prevenire il Long Covid: essere fisicamente attivi.

(Continuazione in basso...)

Temi affini

Qual è il decorso del Long Covid?

Spesso i sintomi sono oscillanti e in alcune persone aumentano dopo piccoli sforzi. Gli esperti parlano poi di «malessere post-sforzo», nelle persone colpite da «crollo». Successivamente, i sintomi peggiorano notevolmente per un periodo di tempo più o meno lungo.

La comparsa del covid lungo è stata segnalata anche da persone che non hanno avuto sintomi o ne hanno avuti di lievi durante l'infezione da coronavirus. Il numero di persone colpite diminuisce con l'aumentare della distanza dall'infezione: su 100 persone affette da Long Covid meno di sette presentano ancora sintomi dopo un anno.

«Fortunatamente, la stragrande maggioranza dei sintomi, anche se persistono per qualche settimana, migliora da sola ed è sufficiente rimanere sotto l'attenta osservazione del proprio medico di famiglia», si legge nelle «Linee guida ‹Long-/Post-COVID-Syndrom› per le persone colpite, i parenti, i familiari stretti e i caregiver», redatta da 17 associazioni mediche con la partecipazione delle persone colpite e dei gruppi di supporto.

La sensazione di stanchezza, ad esempio, spesso migliora entro tre mesi oppure scompare completamente durante questo periodo. In nove persone su dieci i disturbi olfattivi e gustativi sono in gran parte scomparsi dopo uno o due mesi.

Quali sono le possibili cause del Long Covid?

Finora non è certo che l'infezione da Sars-CoV-2 sia la causa di tutti i sintomi. Esistono diverse ipotesi sulle cause del Long Covid:

  • Aggravamento di condizioni preesistenti
  • Mancanza di esercizio fisico dovuta a riposo prolungato a letto o inattività
  • Infezione prolungata con il virus Sars-CoV-2 o infiammazione persistente degli organi
  • Difese immunitarie deboli o eccessive.
  • Conseguenze del trattamento da Covid o eventuali complicazioni dell'infezione.
  • Conseguenze di esperienze legate all'infezione o alla pandemia

Come viene diagnosticato il Long Covid?

A oggi, non esiste un test di laboratorio per diagnosticare il Long Covid. Anche se alcuni anticorpi (autoanticorpi antifosfolipidi) sono presenti nel sangue di alcune persone affette, ciò non prova la presenza del Long Covid. Al contrario, valori normali del sangue non sono la prova che una persona non abbia il Long Covid.

(Continuazione in basso...)

Cosa si può fare in caso di Long Covid?

  • Mantenere una buona igiene del sonno. Qui altri suggerimenti in merito. Se si soffre di disturbi del sonno, tenere un diario del sonno per quindici giorni.
  • Assicurare un ritmo circadiano regolare.
  • È importante utilizzare la propria energia in modo misurato. Un diario dell'attività fisica (disponibile anche come app, ad esempio su «Altea Long Covid Network») e un braccialetto fitness (misurazione del battito cardiaco) possono aiutare a conoscere meglio i limiti della propria resistenza e a evitare un «crollo».
  • Per quanto possibile, fare attività fisica regolarmente senza sforzarsi troppo. Iniziare con una camminata, aumentando poco a poco la durata e la velocità. Astenersi dall'esercizio fisico in caso di febbre, mal di gola, tosse e durante il periodo di isolamento. Se i sintomi peggiorano, prolungare i periodi di riposo ed eventualmente consultare un medico.
  • Meglio fare attività brevi ma più frequenti, alternate a esercizi di rilassamento, invece di un lungo allenamento di resistenza.
  • Svolgere le attività quotidiane ogni volta che è possibile. Iniziare con attività leggere per poi aumentarle lentamente.
  • Rientrare al lavoro gradualmente.
  • Imparare a rispettare il proprio limite di stress. Stabilire obiettivi realistici, non farsi carico di troppe cose. Le informazioni sul limite di stress per il Long Covid sono disponibili qui.
  • In presenza di disturbi olfattivi mangiare cibi a temperatura ambiente o freddi. Se il disturbo olfattivo dura più di tre mesi, è necessario consultare un otorinolaringoiatra. Può essere utile un training olfattivo con eucalipto, caffè, chiodi di garofano e rosa. Annusare ogni fragranza per 30 secondi al mattino e 30 secondi alla sera.
  • Eseguire regolarmente esercizi di rilassamento. Esempi e istruzioni sono disponibili qui.
  • Fare esercizi di respirazione: inspirare dal naso ed espirare dalla bocca lentamente per cinque-dieci minuti. Nel farlo, prestare attenzione a «respirare di pancia» (inspirando la pancia deve gonfiarsi). Rilassare spalle e torace.
  • Non scervellarsi sempre a «far quadrare il cerchio»
  • Bere una quantità sufficiente di liquidi, ma con parsimonia alcolici e bevande a base di caffeina.
  • Se si sente il bisogno costante di schiarirsi la gola, può essere utile masticare una gomma o un tè a base di foglie di malva o di muschio islandese.
  • In caso di tosse frequente, soffiare l'aria espirata attraverso le labbra leggermente chiuse («freno labiale») o in un pugno leggermente chiuso tenuto davanti alla bocca. Anche i farmaci possono essere utili in caso di tosse prolungata.
  • Smettere di fumare perché il fumo riduce la funzionalità polmonare.
  • Stare sempre all'aperto.
  • Unirsi a un gruppo di supporto, come ad esempio il «Long Covid Schweiz».
  • Il primo punto di riferimento è il medico di famiglia. Se necessario, può prescrivere una ricetta per rivolgersi a un centro di Long Covid o a specialisti. Finché non ci sono segnali di allarme e i sintomi non peggiorano, è opportuno rimanere in cura dal medico di famiglia e aspettare.
  • Per gli atleti di livello agonistico, i medici possono trovare maggiori informazioni sul sito web della SEMS (Sport & Exercise Medicine Switzerland).
  • A seconda dei sintomi, possono essere di supporto diverse terapie: terapia respiratoria, fisioterapia, ergoterapia, neuropsicologia, allenamento del cervello, psicoterapia, logopedia.
  • Sarebbe opportuno tutelarsi dal ricorrere a metodi poco seri. Qui è possibile consultare quali sono gli otto criteri per riconoscere un terapeuta affidabile.
  • Se viene diagnosticata una malattia autoimmune, i farmaci o qualche tipo di depurazione del sangue possono essere utili.
  • Se le misure ambulatoriali non sono sufficienti, può essere utile un ricovero in una clinica di riabilitazione.

Long Covid: quando rivolgersi al medico?

  • In caso di dubbi sul proprio stato di salute, indipendentemente se si è già risultati positivi al coronavirus o no.
  • Immediatamente in caso di respiro affannoso o dolore al petto.
  • In caso di condizioni generali precarie, confusione o rischio di caduta.
  • Se si presentano sintomi insoliti.
  • Se lo sforzo fisico peggiora i sintomi.
  • In caso di disturbi persistenti, ad esempio i disturbi del sonno.
  • In caso di aumento o perdita di peso significativi.
  • Se i sintomi aumentano.

di Dott. med. Martina Frei,

pubblicato in data 13.06.2022


Potrebbe interessarti anche:

Abbonati alla newsletter iMpuls e vincere una carta regalo Migros

Iscriviti subito e vinci
geschenk-icon0