Internet Explorer non è più supportato

Per utilizzare al meglio il sito web ti preghiamo di usare un browser web attuale.

Coronavirus: i medici raccomandano di fare i gargarismi

Gli esperti hanno selezionato le migliori raccomandazioni al riguardo. A seconda del rischio di infezione, si ricorre a diversi rimedi.

In passato i gargarismi venivano consigliati per prevenire e trattare le infezioni respiratorie, ma poi in Svizzera sono passati di moda. Non è così, per esempio, in Giappone, dove dall'inizio della pandemia da COVID-19 il Ministero della Salute ha raccomandato alla popolazione di fare quotidianamente gargarismi, come riportato dalla DGKH (Società tedesca per l'igiene ospedaliera) sulla rivista specializzata tedesca «Igiene & Medicina».

Nell'articolo, gli esperti in materia di igiene presentano una panoramica delle conoscenze attuali sugli effetti dei gargarismi e degli spray nasali contro il Sars-CoV-2. Il vantaggio di questa che viene definita una "misura preventiva trascurata" è che è efficace non soltanto contro tutte le varianti di Sars-CoV-2, ma anche, per esempio, contro i virus influenzali.

A seconda della situazione, la DGKH raccomanda le misure indicate qui di seguito. 

Basso rischio di infezione

Ricette: soluzioni da utilizzare per i gargarismi

Ogni gargarismo dovrebbe durare circa tre minuti, con una pausa prima di inspirare. Le soluzioni con cui effettuare i gargarismi e il lavaggi nasali devono essere sempre preparate sul momento.  

Gargarismi con soluzione salina: sciogliere un cucchiaino raso di sale da cucina in 100 millilitri di acqua potabile tiepida e usarne circa un bicchierino per i gargarismi.

Gargarismi con infuso di salvia: lasciare in infusione per più o meno dieci minuti circa tre grammi di foglie di salvia in 150 millilitri di acqua bollente, quindi filtrare e fare gargarismi con l'infuso caldo. 

Soluzione di iodopovidone allo 0,23%: mescolare un cucchiaino di Betadine® concentrato per gargarismi disinfettanti con 100 millilitri di acqua potabile tiepida.

Soluzione di iodopovidone all'1,25%: mescolare tre cucchiaini di Betadine® concentrato per gargarismi disinfettanti con 100 millilitri di acqua potabile tiepida.

Spray nasale con iodopovidone: mescolare un cucchiaino di Betadine® concentrato per gargarismi disinfettanti con 5 cucchiaini di acqua potabile. 

  • È consigliabile fare i gargarismi tre volte al giorno. Utilizzare una soluzione salina, tè verde, infuso di salvia o un collutorio con oli essenziali.
  • Se possibile, utilizzare uno spray nasale tre volte al giorno. Gli spray nasali adatti sono quelli contenenti carragelosio (per esempio spray per raffreddore Algovir®), soluzione salina (senza conservanti e senza decongestionanti) o uno spray fatto in casa con iodopovidone (vedere sotto per la ricetta).
  • Inoltre, fare i gargarismi e usare lo spray nasale dopo aver avuto contatti con altre persone e dopo incontri di gruppo (per esempio in chiesa, a scuola ecc.).  

Situazione epidemiologica

  • Fare i gargarismi al mattino e alla sera con un collutorio contenente oli essenziali.  In Giappone si raccomanda per i gargarismi una soluzione di iodio allo 0,23% .
  • Inoltre, al mattino e alla sera utilizzare uno spray nasale con carragelosio (ad esempio spray per raffreddore Algovir®). A quanto pare, uno spray nasale con soluzione di iodopovidone allo 0,23% è ancora più efficace.
  • Di solito, i bambini imparano a fare i gargarismi in età scolare. Per loro sono più adatti tè verde o succo di aronia. 

Dopo il contatto con una persona infetta

  • Effettuare per due settimane gargarismi con collutori contenenti oli essenziali e uno spray nasale con una soluzione di iodopovidone all'1,25%. Se non si tollera lo iodio, si può utilizzare uno spray nasale contenente ipoclorito.

Contenuti collegati

Vai al Dossier

di Dott. med. Martina Frei,

pubblicato in data 02.11.2022


Potrebbe interessarti anche:

Abbonati alla newsletter iMpuls e vincere una carta regalo Migros

Iscriviti subito e vinci