Internet Explorer non è più supportato

Per utilizzare al meglio il sito web ti preghiamo di usare un browser web attuale.

Chiudi

Vuoi vivere più sano?

Vuoi vivere più sano?

Vaccinazione antinfluenzale: perché è importante e quali sono i possibili effetti collaterali

In Svizzera l'ondata di influenza inizia in genere tra dicembre e marzo. Ecco cosa bisogna sapere sul vaccino.

La vaccinazione antinfluenzale è il metodo più efficace per prevenire l'influenza. Riduce il rischio di contagio e minimizza il rischio di complicazioni in persone particolarmente vulnerabili.

Chi è particolarmente a rischio se prende l'influenza?

I gruppi a rischio comprendono gli anziani a partire dai 65 anni di età, le donne in gravidanza, le persone affette da malattie come asma, BPCO, malattie cardiovascolari o cancro, i neonati e i bambini prematuri fino all'età di due anni.

Non sai se farti vaccinare o meno? L'Ufficio federale della sanità pubblica offre un "check vaccinale" per l'influenza.

Quando va fatto il vaccino antinfluenzale?

L'influenza si manifesta durante la stagione fredda. La vaccinazione dovrebbe quindi essere effettuata nei mesi autunnali (ottobre/novembre). L'ondata di influenza in Svizzera di solito non inizia prima della fine di dicembre, ma in gennaio. Ciò significa che c'è ancora abbastanza tempo per permettere al sistema immunitario dell'organismo di sviluppare una protezione contro l'influenza grazie alla vaccinazione.

La vaccinazione antinfluenzale deve essere rinnovata ogni anno, perché i virus influenzali stagionali mutano leggermente di anno in anno. Per tale ragione, anche il vaccino viene adeguato ogni anno.

È possibile vaccinarsi presso gli studi medici e le farmacie, ad esempio anche le farmacie Medbase.

(Continuazione in basso...)

Perché non bisogna sottovalutare un'influenza?

Perché travolge letteralmente il paziente: la giornata inizia ancora bene, ma ben presto si avverte una forte sudorazione e una sensazione di febbre. La sera il termometro indica 38, 39 o addirittura 40 gradi. Si avvertono dolori articolari e ci si sente semplicemente a pezzi. I sintomi sono molto più gravi rispetto a quelli di un raffreddore. Chi ne è colpito deve fare i conti con una o due settimane di riposo.

Che cos'è una coinfezione?

Soprattutto in inverno circolano contemporaneamente i coronavirus e i virus influenzali. Questo può portare a una coinfezione, cioè a una doppia infezione con entrambi i virus. Nelle persone con un rischio maggiore di complicazioni influenzali o di un decorso grave di Covid-19, la coinfezione da influenza e coronavirus comporta rischi aggiuntivi.

(Continuazione in basso...)

Il vaccino antinfluenzale può avere effetti collaterali?

Si possono manifestare dolori e gonfiore nel punto dell'iniezione. È possibile che ci si senta spossati e malaticci. Inoltre possono manifestarsi reazioni allergiche. Chi soffre di allergie e patologie pregresse dovrebbe chiedere consiglio al proprio medico di famiglia prima di sottoporsi alla vaccinazione.

Gli atleti devono interrompere l'allenamento per tre giorni dopo la vaccinazione. Questo vale soprattutto per gli atleti di sport estremi e a livello agonistico. Il notevole sforzo fisico potrebbe infatti comportare una reazione alla vaccinazione, ad esempio una leggera febbre, senso di svogliatezza, mal di testa e dolori agli arti.

Esistono alternative al vaccino?

Il sistema immunitario può essere rafforzato con un'alimentazione equilibrata e ricca di vitamine. Anche praticando sport all'aperto si sostengono le difese immunitarie. Tuttavia, la vaccinazione è vivamente raccomandata ai familiari di persone a rischio. Lo stesso vale per chi svolge una professione a contatto diretto con molte persone, ad esempio il personale medico e infermieristico o i dipendenti delle case di riposo e di cura.

Come si rallenta la diffusione dell'influenza?

Indossare la mascherina, lavarsi bene e regolarmente le mani nonché disinfettarle e rispettare il distanziamento sociale aiutano a frenare la diffusione dell'influenza. Se si avvertono sintomi influenzali come brividi, febbre, malessere, mal di gola, tosse o dolori muscolari e articolari, è bene rimanere a casa.

Temi affini

Vai al dossier

di Michael West e Carmen Schmidli,

pubblicato in data 28.11.2023


Potrebbe interessarti anche:

Cerchi un coaching individuale per la salute

Leggi tutto
mann-beim-trailrunning