Internet Explorer non è più supportato

Per utilizzare al meglio il sito web ti preghiamo di usare un browser web attuale.

Borreliosi: quali sono i sintomi?

Ogni anno in Svizzera viene diagnosticata la borreliosi a circa 6000-12 000 persone. Di solito viene individuata al primo stadio e può essere trattata in maniera efficace. Gli effetti tardivi sono molto rari.

In Svizzera, da circa 5 a 50 zecche su 100 sono portatrici degli agenti patogeni che causano la borreliosi. Questi sono chiamati «Borrellia burdorferi» e prendono il nome dal batteriologo basilese Wilhelm Burgdorfer, che è stato il primo a descrivere gli agenti patogeni nel 1981.

I tre stadi dei sintomi della borreliosi

In media, solo da 10 a 50 punture di zecca su 1000 causano un'infezione da Borrelia. Il decorso della malattia è solitamente caratterizzato da alcuni stadi, anche se non sempre tutti si susseguono in stretto ordine cronologico.

Stadio 1: «Erythema chronicum migrans» (eritema cronico migrante)

Die schmerzlose, nicht juckende Rötung breitet sich allmählich mehr oder weniger ringförmig aus, ihr Durchmesser beträgt mindestens fünf Zentimeter.

Lo stadio di eritema cronico migrante può manifestarsi da alcuni giorni a settimane dopo la puntura di zecca.  Circa 14 persone su 1000 che vengono punte contraggono la malattia. In questi casi, la pelle intorno al sito della puntura si arrossa. Il rossore, indolore e non pruriginoso, si diffonde gradualmente in modo più o meno circolare, con un diametro di almeno cinque centimetri. Raramente, si manifestano anche sintomi simil-influenzali. Il 90 percento dei casi di borreliosi in Svizzera è allo stadio 1.

La diagnosi viene effettuata sulla base dell'aspetto tipico; esami del sangue o altri test di solito non sono di norma né necessari né utili a questo scopo.

Nella maggior parte dei casi, l'eritema cronico migrante si manifesta nel punto in cui si è verificata la puntura di zecca. Tuttavia, ciò passa spesso inosservato. Fino al 50 percento delle persone interessate non ricorda la puntura di zecca. L'eritema cronico migrante scompare da solo dopo alcuni giorni o settimane. Ci si dovrebbe tuttavia sottoporre a un trattamento antibiotico. Per alcune delle persone colpite, il sistema immunitario non riesce infatti a eliminare da solo tutti i batteri e questo consente alla malattia di progredire.

Stadio 2: sintomi a livello degli organi

Ogni anno, da 60 a 300 persone in Svizzera contraggono la borreliosi allo stadio 2. In questi casi, i batteri colpiscono le articolazioni, i nervi, la pelle o persino il muscolo cardiaco settimane o mesi dopo la puntura di zecca. La più comune è l'infiammazione dell'articolazione del ginocchio. In genere, solo un ginocchio si gonfia ma il dolore è totalmente o quasi totalmente assente. La paralisi dei nervi, ad esempio del viso, lo scolorimento della pelle o l'infiammazione del muscolo cardiaco sono altre possibili conseguenze della borreliosi. Anche in questo stadio può essere trattata con antibiotici, ma il trattamento è ora più lungo e complesso rispetto allo stadio 1. Il trattamento è importante per prevenire la progressione della malattia.

Stadio 3: Neuroborreliosi

Senza trattamento, circa 3 persone su 1000 interessate da puntura di zecca possono sviluppare danni alle articolazioni (artrosi), alterazioni cutanee permanenti (pelle pergamenata di colore bluastro), cambiamenti psicologici o addirittura deficit mentali. Nonostante il trattamento, i danni in questo stadio possono permanere.

(Continuazione in basso...)

Contenuti collegati

Vai al Dossier

Ecco come viene trattata la borreliosi

I batteri della Borrelia possono essere efficacemente eliminati per mezzo degli antibiotici. Finora non sono stati riscontrati Borrelia resistenti agli antibiotici. Nella maggior parte dei casi è sufficiente l'assunzione di compresse; solo in caso di malattia avanzata può essere necessario somministrare l'antibiotico in infusione. A seconda dello stadio, il trattamento antibiotico dura da dieci a 60 giorni.

Come prevenire la borreliosi

Cosa fare dopo una puntura di zecca?
  • Rimuovere le zecche il prima possibile, quindi disinfettare il sito della puntura, delinearlo con una penna, fotografare il sito e annotare la data. In questo modo è facile controllare ogni giorno l'eventuale presenza di un eritema. L'app gratuita «Zecke» serve come promemoria e fornisce informazioni sugli elementi più importanti.
  • Se l'arrossamento cutaneo ha un diametro inferiore a cinque centimetri, probabilmente non si tratta della borreliosi, ma di una lieve reazione alla puntura.
  • Non inviare le zecche a un laboratorio per l'analisi dei batteri della Borrelia o di altri agenti patogeni. Questo esame è costoso e la validità è molto ridotta.
  • A differenza di altre malattie infettive, gli esami del sangue di solito non sono di alcun aiuto nel caso della borreliosi, perché gli anticorpi presenti nel sangue non ci dicono se c'è una malattia che deve essere trattata. Anche le persone senza sintomi possono avere anticorpi contro la Borrelia nel sangue; questi significano solo che il contatto con la Borrelia è avvenuto in un determinato momento. Tuttavia, non forniscono informazioni sul momento in cui ciò è avvenuto e sull'eventuale presenza di un'infezione da trattare.

Proteggendosi dalle punture di zecca, si previene anche la borreliosi. Prima si rimuove una zecca, meglio è. Questo perché la probabilità che una zecca infetta trasmetta i batteri della Borrelia aumenta quanto più a lungo rimane attaccata al corpo. Se non vengono individuate, le zecche rimangono sul corpo fino a undici giorni. Altri consigli:

  • È meglio non far dormire gli animali domestici nel letto perché possono essere portatori di zecche.
  • I proprietari di cani vengono punti dalle zecche più spesso delle persone che non hanno animali domestici. Si consiglia pertanto di dotare il cane di un collare antizecche.
  • La «vaccinazione contro le zecche» protegge dalla malattia virale TBE (meningoencefalite da zecche). Tuttavia, non protegge dai batteri della Borrelia.

di Dott. med. Stefan Maydl,

pubblicato in data 19.07.2022


Potrebbe interessarti anche:

Abbonati alla newsletter iMpuls e vincere una carta regalo Migros

Iscriviti subito e vinci