Internet Explorer non è più supportato

Per utilizzare al meglio il sito web ti preghiamo di usare un browser web attuale.

Norovirus: come si trasmette e quali sono i sintomi

Una mini-dose di 10-100 norovirus può essere sufficiente per contrarre questo agente patogeno diarroico. Dopo uno o due giorni, lo spavento, di solito, è già passato.

Campi di vacanza, rifugi, case di riposo, caserme, scuole, asili o ospedali: i norovirus circolano con particolare frequenza in questi luoghi. Sebbene questi agenti patogeni siano «di stagione» tutto l'anno, le infezioni da norovirus sono più frequenti nei mesi invernali. Si stima che ogni anno in Svizzera circa 400’000 persone si ammalino di «vomito invernale», come veniva chiamata questa malattia.

Quali sono i sintomi del norovirus?

Già sei ore (e fino a due giorni) dopo l'infezione, la persona infetta può iniziare a manifestare i sintomi: vomito esplosivo a raffica e/o diarrea improvvisa e grave, dolori addominali, dolori muscolari, mal di testa e affaticamento. La temperatura corporea può essere leggermente elevata, ma di solito non supera i 38 gradi. Se siete fortunati, ve la caverete con un'infezione lieve o non noterete quasi nulla dell'infezione.

Gli adulti vengono spesso infettati dai norovirus?

I neonati e i bambini piccoli, così come gli anziani sopra i 70 anni, sono i più frequentemente colpiti dai norovirus. I norovirus sono responsabili di circa un terzo dei casi di gastroenterite nei bambini. Negli adulti, ben la metà dei casi è dovuta a questi virus. Ci si può infettare con i norovirus più volte nella vita, perché un'infezione da norovirus superata non lascia un'immunità duratura.

Quanto dura l'infezione da norovirus?

Le persone infette sono altamente contagiose finché presentano ancora i sintomi. Esse espellono i norovirus con le feci e il vomito, e questo (in misura minore rispetto all'inizio) per giorni, o raramente anche settimane, dopo che i sintomi si sono già attenuati. I sintomi durano solitamente da 12 a 48 ore in persone altrimenti sane.

Fino a quando si rimane contagiosi?

Poiché i norovirus sono altamente contagiosi, le persone malate dovrebbero isolarsi se possibile e non preparare in nessun caso i pasti per gli altri. Dopo la guarigione, le persone dovrebbero rimanere a casa per almeno due o tre giorni se lavorano, ad esempio, in un ristorante, un ospedale, una scuola o una casa di cura, consiglia l'Ufficio federale della sanità pubblica. 

(Continuazione in basso...)

Contenuti collegati

Vai al Dossier

Come vengono trasmessi?

I norovirus vengono trasmessi tramite infezione da contatto in circa quattro casi su cinque. In concreto, ciò significa che la persona affetta in quel momento da norovirus non si lava le mani in modo sufficientemente accurato dopo essere andata in bagno e continua quindi a trasmettere il virus. I norovirus sono presenti anche sulle maniglie delle porte, sui corrimano, sui giocattoli dei bambini, sui rubinetti o sui servizi igienici, ad esempio. Rimangono infettivi fino a 12 giorni.

Cosa si può fare per i norovirus?

Igiene e segnalazione obbligatoria del norovirus
  • Se possibile, le persone malate e quelle (ancora) sane dovrebbero utilizzare servizi igienici diversi per ridurre il rischio di infezione.
  • Gli oggetti contaminati da vomito o feci devono essere disinfettati. A tal fine, si prestano i disinfettanti «virucidi» o «virucidi limitati PLUS». È adatta anche l'acqua di Javel diluita allo 0,1%. La soluzione allo 0,1% viene preparata mescolando 2,5 decilitri della comune soluzione di Javel con sei litri d'acqua. Con il passare del tempo perde la sua efficacia, quindi è bene riprepararla sempre al momento.
  • Una vaporella aiuta a poi pulire i tappeti contaminati. L'aspirapolvere non è adatto a questo scopo, perché i norovirus possono essere mescolati.
  • La biancheria sporca deve essere lavata a 60°C. Se il tessuto non tollera temperature così elevate, è possibile in alternativa immergere la biancheria in un disinfettante o conservarla separatamente per 14 giorni e poi lavarla a 30 gradi.
  • I focolai di norovirus nelle case, nelle scuole o in altre strutture comunitarie devono essere segnalati al medico cantonale e all'Ufficio federale della sanità pubblica. I casi singoli non sono soggetti a obbligo di notifica.

La migliore prevenzione è quindi una buona igiene delle mani con il sapone: bisogna lavarsi le mani prima di preparare il cibo, prima di mangiare e dopo ogni tappa in bagno. I comuni disinfettanti per le mani a base di alcol sono meno efficaci contro i norovirus rispetto all'acqua e al sapone.

Ma anche l'igiene delle mani non offre una protezione al cento per cento contro i norovirus, perché ci si può infettare anche attraverso bevande o cibi contaminati. Una breve bollitura inattiva i norovirus.

I norovirus possono essere trasmessi anche tramite aerosol, se si diffondono nell'aria (ad esempio durante il vomito) sotto forma di minuscole goccioline contenenti il virus.

Non esiste un trattamento specifico contro i norovirus. È importante recuperare i liquidi persi con il vomito e la diarrea, bevendo a sorsi o, in caso di malattia grave, con infusioni in ospedale. 

Oltre ai liquidi, l'organismo perde anche sali minerali (i cosiddetti elettroliti) come il potassio. Il succo di frutta diluito, a cui si aggiunge un po' di sale e zucchero, restituisce all'organismo potassio e sodio. È inoltre possibile acquistare in farmacia soluzioni elettrolitiche già pronte (soluzione glucosio-elettroliti).

In caso di diarrea, si è dimostrata valida la cosiddetta «soluzione in terzi» (da bere a sorsi): 1/3 acqua bollita 1/3 tè nero sottile 1/3 succo d'arancia per litro Aggiungere da 1 a 2 cucchiai di zucchero e 1 pizzico di sale.

Dopo aver superato un'infezione da norovirus, è necessario seguire una dieta leggera e passare solo gradualmente a un'alimentazione normale. 

Fonti: Ufficio federale della sanità pubblicaIstituto Robert Koch

 

di Dott. med. Martina Frei,

pubblicato in data 01.01.2023


Potrebbe interessarti anche:

Vincere una delle 15 carte regalo Migros del valore di fr. 150!

Vai all'iscrizione