Internet Explorer non è più supportato

Per utilizzare al meglio il sito web ti preghiamo di usare un browser web attuale.

Chiudi

Vuoi vivere più sano?

Vuoi vivere più sano?

Questo è ciò che dovreste considerare se volete un tatuaggio

A cosa bisogna prestare attenzione quando si fa un tatuaggio e qual è la stagione migliore per farlo? Ecco la risposta.

Chiunque si faccia un tatuaggio prende una decisione per la vita. Un tatuaggio deve essere ben pensato prima di essere fatto. La scelta dello studio di tatuaggi è importante quanto la cura giusta.

Come trovare un ottimo studio di tatuaggi?

«Se cercate uno studio di tatuaggi su internet o su Instagram, potete guardare le recensioni», raccomanda il tatuatore professionista Roberto Pena. «Anche chiedere agli amici le loro esperienze può essere utile». È inoltre consigliabile visitare lo studio in anticipo e dare un'occhiata in giro. Dà l'impressione di essere ben curato e appare igienicamente pulito? Lo studio dispone di un certificato di igiene o può dimostrare che è stato ispezionato per l'igiene, ad esempio dal laboratorio cantonale competente? Chi fa tatuaggi è tenuto all'obbligo legale di denuncia (ordinanza del DFI e direttiva «Buona prassi lavorativa) e deve rispettare le norme igieniche e lavorative.

Qual è la stagione «migliore» per farsi un tatuaggio?

«Non esiste una stagione migliore o peggiore, dipende dalle esigenze individuali», afferma Roberto Pena. Alcuni preferiscono tatuarsi in estate per poter sfoggiare subito il proprio tatuaggio, altri in inverno. Lui stesso preferisce la stagione calda per poter indossare abiti a maniche corte e lasciare che il tatuaggio si asciughi all'aria. Dopo circa tre o quattro settimane, si può tornare a nuotare. È importante applicare sempre un'elevata protezione solare di qualità.

Ci sono tatuatori, alcuni dei quali viaggiano dall'estero in Svizzera e, una volta qui, da una città all'altra. Spesso vengono prenotati tramite i social media. Ecco a cosa prestare attenzione.

«Se tatuano in studi ufficiali dove vengono rispettate le linee guida sull'igiene, non è un problema dal punto di vista sanitario», dice Roberto Pena. «Diventa problematico quando i tatuatori ospiti lavorano nell'appartamento di conoscenti dove gli standard igienici non sono garantiti». Questo aumenta il rischio di infezione.  Se a ciò si aggiunge il fatto che questi tatuatori di solito non sono registrati, si tratta di un lavoro illegale.

Quando è necessaria la firma di un genitore per un tatuaggio?

In Svizzera, questo aspetto non è chiaramente regolamentato. In linea di principio, i giovani di età inferiore ai 18 anni non sono in grado di agire da soli e hanno bisogno del consenso dei genitori se vogliono concludere un contratto di vendita, ad esempio. Tuttavia, se il giovane paga da sé il tatuaggio con la paghetta che ha risparmiato o con il proprio stipendio, non ha bisogno di questo consenso. Secondo la legge, è sufficiente che sia in grado di intendere e che abbia almeno 14 anni.

Perché la maggior parte degli studi di tatuaggi professionisti richiede ancora ai minori il consenso dei genitori?

«Quando si hanno 14 o 16 anni, spesso non si sa esattamente cosa si vuole dalla vita, quale professione si svolgerà in futuro o come la persona cambierà crescendo», afferma José Pena, presidente dell'Associazione svizzera dei tatuatori professionisti. Pertanto, l'associazione raccomanda di attenersi al limite di età di 18 anni e di richiedere il consenso scritto dei genitori per i minori.

Lo studio di tatuaggi «Old Capital Tattoo & Piercing Parlor», che José Pena gestisce insieme al fratello Roberto a Berna, rispetta il limite di età di 18 anni: «Facciamo solo rare eccezioni se c'è il rischio che il giovane sopra i 16 anni si faccia un tatuaggio da qualche parte a casa, dove c'è il rischio che le linee guida non vengano rispettate». Chiediamo a entrambi i genitori di venire a firmare un modulo di consenso e facciamo una copia della carta d'identità», dice José Pena.

Qual è il posto «migliore» per il primo tatuaggio?

«È una questione di gusti», dice Roberto Pena. «Quando qualcuno si fa un tatuaggio, di solito vuole metterlo in mostra», spiega per esperienza il tatuatore professionista. Ecco perché i tatuaggi sull'avambraccio e sulla parte superiore del braccio sono così popolari. Non raccomanda il collo e le mani per il primo tatuaggio. Soprattutto quando un giovane non sa ancora quale sarà la sua professione.

(Continuazione in basso...)

Contenuti collegati

Vai al Dossier

Dove è particolarmente doloroso farsi un tatuaggio?

«Anche questo varia molto». La sensazione di dolore e la capacità di sopportarlo sono soggettivi da persona a persona. «Tuttavia, i tatuaggi sulle costole, sul palmo della mano, sul collo, sulle mani e sui piedi o sul ginocchio sono avvertiti dalla maggior parte delle persone come dolorosi».

Come devo prendermi cura del tatuaggio?

Nei primi due o tre giorni, quando la pelle è ancora ferita, è necessario applicare una crema speciale per tatuaggi. In seguito, quando lo strato esterno della pelle è guarito e la superficie cutanea ha di nuovo un aspetto normale, è possibile prendersi cura del tatuaggio con una normale crema per il corpo. Di solito questo avviene dopo due o tre settimane. Tuttavia, il processo di guarigione completa di tutti gli strati della pelle richiede diversi mesi, fino a un anno. Se il tatuaggio prude, non grattarsi, ma applicare una crema. Un leggero prurito può far parte del normale processo di guarigione.

Cura del tatuaggio dal 1° giorno alla 4ª settimana

  • Toccare il tatuaggio solo con le mani pulite. 
  • Rimuovere la pellicola protettiva dopo circa 2-4 ore e pulire il tatuaggio con un sapone a PH neutro.
  • Lasciare asciugare il tatuaggio all'aria o tamponarlo con un tovagliolo di carta. Poi lasciare riposare per circa un'ora.
  • Applicare quindi uno strato sottile di crema nutriente. Esistono creme speciali, lo studio di tatuaggi sarà lieto di aiutarvi.
  • Avvolgere nuovamente il tatuaggio nella pellicola per una notte, altrimenti è meglio lasciarlo respirare all'aria.
  • Al mattino, rimuovere la pellicola e lavare con sapone a PH neutro e applicare uno strato sottile di crema per tatuaggi più volte al giorno.
  • Evitare il sole, la sauna, il solarium e i bagni (acqua clorata e bagno completo) per 3 o 4 settimane.
  • Importante: se si forma una crosta, non grattarsi in nessun caso. La crosta se ne andrà da sola.
  • Se non siete sicuri che la guarigione stia procedendo al meglio: chiamate lo studio o recatevici direttamente.

Cura del tatuaggio a partire dalla 6ª settimana 

  • Dopo la guarigione del tatuaggio, è possibile che non tutte le linee o le sfumature siamo rimaste uguali. Per questo motivo, è necessario recarsi nuovamente allo studio di tatuaggi dopo circa 5-6 settimane. Lì si può osservare il tatuaggio e decidere se deve essere ritoccato.

Qual è il modo migliore per proteggere il tatuaggio in modo che duri il più a lungo possibile?

Una crema solare con un fattore di protezione elevato aiuta a impedire che sbiadisca. Quanto meglio si protegge un tatuaggio dal sole, tanto più a lungo durerà. Tuttavia, un tatuaggio cambia nel corso degli anni. Se le linee si assottigliano o se il colore sbiadisce è possibile «ritoccare» il tatuaggio. Con il passare degli anni, i tatuaggi si sbiadiscono un po': è possibile ritoccarli.

Cosa fare in caso di infiammazione?

«Tenere pulito il tatuaggio: pulire delicatamente il tatuaggio infiammato con un sapone antisettico delicato. Evitare di sfregare eccessivamente e lasciare poi asciugare all'aria», consiglia Roberto Pena. È inoltre importante non grattare la zona infiammata, perché questo può peggiorare l'infiammazione e favorire le infezioni. Quindi: «Bisogna tenere le mani lontane e cercare di non toccare la zona interessata». In ogni caso, è necessario far controllare l'infiammazione dal tatuatore e, se non guarisce rapidamente e bene, consultare un dermatologo. 

Quali sono le cause dell'infiammazione?

Scheda informativa USAV

È inoltre possibile scaricare qui una scheda informativa dell'Ufficio federale per la sicurezza alimentare e la veterinaria (FSVO) sulle domande e le risposte più importanti.

Un'infiammazione può avere diverse cause. La causa più comune è, ad esempio, la sporcizia che penetra nella zona interessata durante l'applicazione della crema per la cura della pelle o attraverso gli animali domestici, ecc. In alcuni casi, si può essere allergici a un colore o al cerotto autoadesivo che viene spesso utilizzato per coprire i tatuaggi appena fatti.

di Susanne Schmid Lopardo,

pubblicato in data 02.06.2023


Potrebbe interessarti anche:

Concorso: vincete subito i buoni SAC.

Partecipa ora
Paar wandert zu SAC Hütte