Internet Explorer non è più supportato

Per utilizzare al meglio il sito web ti preghiamo di usare un browser web attuale.

Una vita al rifugio: da bambina a gestore

Nora Honegger ha trascorso la sua infanzia alla Camona da Maighels (Maighelshütte). I suoi genitori erano i gestori del rifugio di montagna del CAS. Quattro anni fa, la donna grigionese ha seguito le loro orme e ha preso in gestione il rifugio insieme al fidanzato Mauro Loretz. La decisione non è stata facile per lei.

Il tutto è iniziato con una lista di pro e contro. Meno tempo con gli amici. Un chiaro lato negativo. Vivere ancora più vicino alle montagne. Un chiaro lato positivo. Ma dove andare con il lavoro autonomo? Si tratta di una scelta valida o meno?  Tra Nora Honegger e il suo fidanzato Mauro Loretz cinque anni fa ci sono state lunghe conversazioni. Vogliono davvero legarsi a questa casa di pietra? Alla Camona da Maighels, che si erge vigile sul terreno del comune di Tujetsch GR su una propaggine del Piz Cavradi? O in altre parole: Nora Honegger può vivere senza questa «seconda casa»? I suoi genitori hanno rilevato la capanna del CAS nel 1991, quando Nora aveva due anni. Ha trascorso qui tutte le estati, innumerevoli fine settimana, molti inverni.

Fine estate 2022. Il caldo degli ultimi mesi ha conferito al paesaggio una tonalità marrone chiaro. Se non lo si sa, si potrebbe pensare che sia già autunno. Mauro Loretz (33) spinge i tronchi con una carriola verso il rifugio. Nora Honegger (34 anni) è seduta a un tavolo in terrazza, china su un foglio di carta, la Val Maighels alle sue spalle, il sole sul viso. Sono passati cinque anni da quando la coppia ha compilato la lista dei pro e dei contro. Nonostante il pragmatismo, si è trattato di una decisione presa con il cuore, quando alla fine ha inviato la candidatura per il rifugio. Si era chiesta come sarebbe stato se altri gestori di rifugi avessero gestito la Camona da Maighels. «Il rifugio è la mia seconda casa. In qualche modo non volevo perderlo», racconta Nora Honegger.

Al rifugio fin da bambina

Era il padre di Nora Honegger, Bruno, che più di trent'anni fa voleva diventare lui stesso gestore di un rifugio. Originario di Zurigo, lavorava come tutte le varietà di guida alpina. La madre di Nora è cresciuta a Sedrun GR e all'epoca lavorava in un'agenzia di viaggi a Zurigo. Ha esitato. «Ha sempre viaggiato spesso e volentieri, e sapeva che gestire un rifugio l'avrebbe legata a questo luogo», prosegue Nora Honegger. Ciononostante, la famiglia prende in gestione il rifugio, a 2313 metri vicino alla sorgente del Reno.

Da quando ha memoria, amava vivere in montagna. «Essendo figlia unica, naturalmente vedevo solo vantaggi. Ho sempre avuto qualcuno che si occupava di me. Che si tratti di qualcuno del personale o dei figli degli ospiti». Quando Nora inizia la scuola materna, i suoi genitori fanno in modo che qualcuno di loro possa essere presente a Sedrun il più spesso possibile. La famiglia ha un appartamento in quel luogo. Non sempre però questo ha funzionato. «Andavo continuamente anche a pranzo da mia nonna o dai vicini».

(Continuazione in basso...)

Contenuti collegati

Per saperne di più
Consigli e suggerimenti

Consigli e suggerimenti sull'escursione in rifugio

Un'escursione in rifugio è un'esperienza indimenticabile. Bastano un paio di accorgimenti per potersi rilassare durante il percorso e godersi l'avventura.

Vai al Dossier

Sulle orme dei genitori

Più tardi, quando sarà più grande, potrà anche andare in vacanza con parenti e conoscenti. A 16 anni, la grigionese si trasferisce a Coira per frequentare la scuola cantonale. In seguito studia all'Università di Pedagogia e si trasferisce a Zurigo per lavorare come insegnante. Ma «Die Maighels», come Nora Honegger chiama il rifugio, è sempre rimasto un'attrazione importante. Durante gli studi, ha lavorato saltuariamente anche dai suoi genitori per guadagnare denaro. «Ma ho sempre detto che di certo non avrei mai rilevato il rifugio».

Quando però i suoi genitori iniziano a pensare alla pensione, l'insegnante ne parla con il suo fidanzato di lunga data. «Sapevo che l'avrei realizzato solo con lui». Mauro Loretz ha una formazione da costruttore di forni e, come la sua fidanzata, è cresciuto a Sedrun: «Probabilmente l'ho adocchiato ancora prima di Nora». Viene stilata la lista dei pro e dei contro e preparata la candidatura. «Alla fine eravamo molto nervosi.» Anche altre 16 persone, per lo più coppie, volevano gestire il rifugio. La loro felicità era immensa quando hanno scoperto che la sezione aveva deciso in loro favore. «Non solo per noi, ma anche per i miei genitori". Dopo oltre un quarto di secolo, non è stato facile fermarsi. Si tratta quindi di un addio a rate. Gli ex gestori dei rifugi avviano le nuove leve e continuano ad aiutare regolarmente. «Hanno ancora un posto per dormire qui al rifugio e sono sempre i benvenuti», afferma Nora Honegger.

La ricompensa più grande sono gli ospiti soddisfatti

I due non hanno apportato grandi modifiche al rifugio, che offre spazio a 83 ospiti in sei camere. È stato solo un po' risistemato. Inoltre, per quanto possibile, si assicurano di servire prodotti regionali. La vostra più grande ricompensa? «Ospiti soddisfatti!», afferma Nora Honegger. «Quando riceviamo un complimento e percepiamo che la gente si trova bene da noi al rifugio, allora sappiamo che stiamo facendo bene il nostro lavoro quassù».

Dato che il rifugio è aperto sia in estate che in inverno, i due possono guadagnarsi da vivere con il loro lavoro di gestori. Hanno poco tempo libero durante le due stagioni principali. Lo apprezzano ancora di più quando al mattino c'è tempo per fare una breve escursione sugli sci. Possono andare in vacanza quando il rifugio è chiuso. Dove viaggiano, lo decidono in base ai loro capricci e senza alcuna lista di pro e contro. L'aspetto principale: le montagne nelle vicinanze.

di Manuela Enggist,

pubblicato in data 06.09.2022


Potrebbe interessarti anche:

Abbonati alla newsletter iMpuls e vincere una carta regalo Migros

Iscriviti subito e vinci