Internet Explorer non è più supportato

Per utilizzare al meglio il sito web ti preghiamo di usare un browser web attuale.

Come Melanie Hasler è diventata una bobista

Pedalare alla massima velocità nel canale di ghiaccio non era nei piani di Melanie Hasler. Ma nel giro di cinque anni, la pilota di bob si è fatta strada fino a diventare la migliore atleta svizzera di questa disciplina. Ma per questo allenamento intenso, non bastano solo i muscoli.

L'allenatore dà il segnale di partenza, la donna, dal fisico esile e quasi minuscolo, scatta e spinge il carrello a ruote di 180 chilogrammi, che rotola su rotaie incastonate in una pista in tartan. Con forza, la ventiquattrenne spinge il veicolo in avanti, prima dritto, poi la pista si inclina leggermente verso il basso e il bob da allenamento prende velocità. Potenza pura, i muscoli lavorano alla massima velocità. Ora si tratta di saltare al momento giusto. L'atleta argoviese vola nell'aria come un'ostacolista: ce l'ha fatta.

La giovane donna si chiama Melanie Hasler ed è la promessa del bob svizzero dai Giochi Olimpici del 2022 a Pechino. Milioni di persone la seguono mentre corre lungo il canale di ghiaccio a 140 chilometri all'ora. Ai Giochi Olimpici Invernali di Pechino, ottiene subito il sesto posto nel bob a due e il settimo nella nuova disciplina olimpica del monobob. Ora - in estate - si sta preparando per la prossima stagione di Coppa del Mondo.

La tecnica alla partenza è fondamentale nel bob

Sulla pista del centro sportivo di Kerenzerberg, sopra il lago di Walen, quattro bobiste si allenano nella tecnica che determina la velocità con cui il bob arriva al traguardo già alla partenza. Con il fiatone, le atlete muscolose e ben allenate tornano indietro dopo un tentativo, mentre il veicolo torna automaticamente al punto di partenza. Nel frattempo, quando non è il loro turno e si rilassano sulle sedie, le risate non mancano. Alla fine della mattinata, tutti sono esausti.

(Continuazione in basso...)

Come Melanie Hasler si è avvicinata al bob

La corsa veloce nel bob non era in origine uno degli obiettivi di vita della giovane donna. Fino a cinque anni fa, era attiva in una disciplina completamente diversa: giocava a pallavolo indoor e beach volley nel campionato nazionale juniores B. «Vengo da una famiglia di sportivi e ho costruito le basi fisiche fin da bambina», racconta. A partire dalla scuola superiore ha frequentato una scuola sportiva, conseguendo il relativo titolo finale (Sport-KV). Grazie alla sua straordinaria potenza di salto, all'età di 19 anni viene scoperta e caldeggiata da un giovane allenatore della squadra svizzera di bob. Dopo una prova nel canale di ghiaccio di St. Moritz, ha rinunciato alla pallavolo a favore del bob. «Ho avuto una vera e propria scarica di adrenalina». 

Si può vivere di bob?

Dall'agosto 2022 è impiegata a tempo pieno nell'esercito come atleta professionista. «Come dipendente dell'esercito, sono finanziariamente sicura per i prossimi quattro anni e posso concentrarmi completamente sullo sport», afferma con gioia la giovane donna. A tal fine, ha lasciato il suo lavoro part-time presso una compagnia di assicurazioni.

Oltre alla spinta, anche lo sprint e l'allenamento di potenza rientrano regolarmente nel suo programma. Attualmente, la Hasler si allena tra le due e le quattro ore al giorno, a volte come parte di una squadra e con un allenatore, a volte da sola. Molto tempo è assorbito anche da compiti come l'acquisizione e il mantenimento di sponsor e relazioni con i media, spiega la caposquadra Hasler. È quasi come gestire un'azienda.

(Continuazione in basso...)

Temi affini

La cosa più importante: conoscere con precisione le curve

L'allenamento è particolarmente faticoso da ottobre a marzo. Poi la squadra è in viaggio quasi senza sosta. Le prime sessioni di allenamento su ghiaccio si svolgono su piste raffreddate artificialmente in Germania, seguite poi dalle gare. Prima della gara, le viene permesso di scendere su ogni pista sei volte, durante le quali viene filmata. «Ripercorro il percorso nella mia testa più e più volte», dice. «Durante la discesa ho bisogno di un'enorme concentrazione. Il 50% delle prestazioni è una questione di testa». Per motivarsi di nuovo ogni volta, ha bisogno di un obiettivo concreto. Attualmente, mira a portare il suo peso corporeo da 70 a 75 chilogrammi. Il che si tradurrà in potenza e velocità extra. È importante anche avere pazienza e fiducia. «Non bisogna disperarsi quando le cose non vanno come si vorrebbe».

Senza pressioni verso la nuova stagione

Nonostante i grandi sforzi, la pilota di bob non vede l'ora di iniziare la stagione di Coppa del Mondo, che inizierà a metà novembre in Canada e negli Stati Uniti. Non avendo ancora esperienza su questi tracciati, non è certo se continuerà il suo successo olimpico. «Non mi metto sotto pressione», dice. Sicuramente punterà a rilassarsi durante il breve congedo natalizio, che trascorrerà con i genitori e i tre fratelli a Berikon, in Argovia.

 

Fotografia: © Michael Sieber

di Andrea Söldi,

pubblicato in data 22.09.2022, modificato in data 20.10.2022


Potrebbe interessarti anche:

Abbonati alla newsletter iMpuls e vincere una carta regalo Migros

Iscriviti subito e vinci