Internet Explorer non è più supportato

Per utilizzare al meglio il sito web ti preghiamo di usare un browser web attuale.

Ecco in cosa consiste la dieta basica

Acidini? Molte persone temono un'eccessiva acidificazione dovuta a una dieta sbagliata. Il nostro equilibrio acido-basico non è influenzato solo dal cibo. Ma mangiare sano aiuta comunque.

Il nostro corpo è acido o alcalino?

Il nostro corpo e i suoi organi svolgono molte funzioni importanti. La maggior parte delle persone sa che il flusso sanguigno trasporta ossigeno e sostanze nutritive dagli alimenti alle cellule. Per il corretto funzionamento di queste vie di trasporto sono necessarie condizioni stabili. Ad esempio, il nostro corpo regola la temperatura corporea e anche il valore del pH, che indica quanto è acida o basica una sostanza o un liquido. Il nostro sangue ha un valore di pH molto stabile, pari a 7,4, soggetto solo a rarissime e minime fluttuazioni. Molti sistemi e meccanismi sofisticati del nostro corpo, i cosiddetti sistemi tampone, garantiscono questa stabilità. Quindi il nostro corpo è piuttosto «neutrale».

Valore del pH: ben regolato dall'organismo

Sono poche le cose che possono mandare fuori strada il pH del nostro sangue. Nella maggior parte dei casi si tratta di disturbi dovuti a gravi malattie dei polmoni o dei reni, che possono causare un deragliamento dell'equilibrio acido-basico. In medicina, questi disturbi sono chiamati «acidosi» o «alcalosi».

D'altra parte, non possiamo o possiamo solo in minima parte influenzare il valore del pH del nostro sangue con gli alimenti o gli integratori alimentari.

Quali sono gli alimenti alcalini e quali quelli acidi con azione acidificante?

Il valore del pH permette di misurare se un alimento è acido o basico. La scala del pH va da 0 (molto acido) a 14 (molto basico). Un valore inferiore a 7 è considerato acido, un valore superiore a 7 è considerato basico. Quando si parla di cibo, il termine «aspro» viene spesso frainteso. Gli alimenti dal sapore aspro non hanno necessariamente un effetto acido sulla digestione. Il succo di limone, ad esempio, ha un valore di pH di 2,4, ma il carico acido sui reni è modesto. Il sapore aspro - come nel caso del limone - non è quindi sinonimo di effetto acido sul nostro corpo.

Al contrario, i blocchi proteici contenenti zolfo, come quelli presenti negli alimenti di origine animale come la carne, il pesce e i latticini, hanno un effetto acido nel nostro organismo. Ma anche i legumi, la frutta secca, i cereali e i prodotti da essi derivati (pane, pasta) fanno parte degli alimenti che producono acidi.

Gli alimenti vegetali come la frutta e la verdura, le patate e le erbe sono perlopiù alimenti alcalini grazie ai loro numerosi minerali. Gli alimenti alcalini sono quindi, in prevalenza, ricchi di minerali.

(Continuazione in basso...)

Contenuti collegati

vai al Dossier

Il nostro corpo può davvero «iperacidificarsi»?

Da molti anni, medici e naturopati discutono se e quale influenza abbia l'equilibrio acido-basico sul nostro organismo e quale importanza abbia l'alimentazione in questo contesto. Una cosa è certa: un'alimentazione unilaterale e allo stesso tempo «acidificante» con molta carne, pesce, latticini e pasta ogni giorno non è equilibrata e può favorire anche altre carenze. Una dieta cosiddetta «basica», invece, con un'alta percentuale di verdura e frutta, corrisponde anche alle raccomandazioni della Società Svizzera di Nutrizione SGE e alla piramide alimentare.

La dieta basica, propagandata in molte guide, consiste in circa due terzi di alimenti alcalini come verdura, frutta e patate, mentre solo un terzo degli alimenti è costituito da cibi che producono acido. Quindi, se si segue una dieta equilibrata - acida o alcalina che sia - non si avranno carenze e certamente non si verificherà un eccesso di acidi.

Che cosa significa iperacidificato?

L'equilibrio acido-basico non è influenzato solo dalla dieta. In alcune situazioni, il nostro corpo può reagire davvero in modo acido. Ad esempio, un'attività fisica pesante o uno sport intenso possono portare a un aumento della concentrazione di acido lattico nel sangue. Un simile deragliamento può verificarsi anche in presenza di una malattia dello zucchero (diabete), di un digiuno rigoroso o di un consumo eccessivo di alcol. Ma questo non ha necessariamente a che fare con il cibo che mangiamo. Anche l'età, lo stress, l'alcol, la caffeina, la nicotina e il poco esercizio fisico possono alterare l'equilibrio. L'equilibrio acido-basico non è quindi influenzato solo dall'alimentazione.

Una dieta basica può prevenire l'«iperacidità»?

Una simile condizione indotta dalla dieta è molto improbabile nelle persone sane. Non esistono studi scientifici sull'efficacia del digiuno alcalino e non ci sono prove mediche di una «iperacidificazione» dell'organismo causata da questa dieta. Tuttavia, se si vuole cambiare la propria dieta in modo permanente e mangiare in modo più vario, ci si può attenere agli alimenti «basici»: un'alta percentuale di frutta e verdura garantisce varietà al piatto e al menu, oltre a molte vitamine, minerali e fibre alimentari per un apporto ottimale.

di Dott. Ric. Melanie Loessner,

pubblicato in data 16.05.2022


Potrebbe interessarti anche:

Abbonati alla newsletter iMpuls e vincere una carta regalo Migros

Iscriviti subito e vinci