Internet Explorer non è più supportato

Per utilizzare al meglio il sito web ti preghiamo di usare un browser web attuale.

Dopamina, l'ormone della felicità che ci dà la carica

Le persone in sovrappeso tendono spesso a fare poco movimento, ma è possibile che la cosa non dipenda tanto dai chili di troppo, quanto da una carenza di dopamina. Gli effetti della dopamina.

La dopamina è un cosiddetto neurotrasmettitore, ovvero veicola la comunicazione tra i neuroni, le cellule nervose del nostro cervello. La sua funzione è quella di generare sensazioni positive e uno stato di benessere. Per questo, al pari della serotonina, è soprannominata "ormone della felicità".

Sintomi da carenza di dopamina

La carenza di dopamina può manifestarsi con diversi sintomi, sia fisici che psichici. A livello fisico la carenza di dopamina può provocare rigidità muscolare, tremito, incertezza nel camminare o nel mantenersi in piedi.

Altrettanto gravose sono le ripercussioni sulla psiche: un'insufficienza del prezioso ormone può compromettere la memoria e la salute mentale nel suo complesso. La carenza di dopamina può provocare altresì disturbi dell'attenzione, svogliatezza e perfino depressione.

(Continuazione in basso...)

Contenuti collegati

Carenza di dopamina e sovrappeso

È possibile che la dopamina giochi un ruolo anche in rapporto al sovrappeso. Le persone in grave sovrappeso fanno spesso poco movimento. La causa potrebbe essere di natura cerebrale – questa l'ipotesi avanzata da un gruppo di ricercatori statunitensi sulla base di alcuni esperimenti condotti sui topi. E all'origine di tutto potrebbe esserci proprio quel messaggero chimico che è la dopamina. I ricercatori del National Institute of Diabetes, Digestive and Kidney Diseases (Istututo nazionale per il diabete e le patologie digestive e renali) del Maryland hanno osservato che nelle cavie obese determinati neuroni preposti al controllo delle attività motorie reagiscono solo debolmente alla dopamina.

Questa ridotta reazione neuronale sarebbe sufficiente a giustificare la scarsità di movimento, scrivono i ricercatori sulla rivista specializzata «Cell Metabolism». L'ormone dopamina svolge un ruolo centrale in molte funzioni cerebrali. Che la dopamina fosse determinante nell'insorgere della sensazione di benessere e prendesse parte attiva al sistema di ricompensa del cervello era già noto. Quello che non si sapeva è che anche la renitenza al movimento nelle persone sovrappeso potesse dipendere da lei. Secondo i ricercatori, la scarsa attività fisica non determina di per sé un ulteriore aumento di peso, però favorisce l'insorgere di malattie cardiache e disturbi vascolari.

Cause della carenza di dopamina

Una delle più note tra le patologie associate alla carenza di dopamina è il morbo di Parkinson. Nelle persone affette dalla malattia i neuroni dopaminergici muoiono uno dopo l'altro, con la conseguenza che l'organismo produce sempre meno dopamina. Una delle conseguenze è il tremito tipicamente associato al Parkinson.

Anche il consumo di sostanze stupefacenti può alterare l'equilibrio dopaminico. La regolare assunzione di cocaina, per esempio, aumenta i livelli di dopamina in circolo, con conseguente iperstimolazione dei recettori e compromissione della funzionalità dopaminergica. Terminato l'effetto della droga, il cervello «ha fame» di dopamina perché vuole tornare a provare la sensazione di benessere, ma i neuroni non sono più in grado di elaborare l'ormone nella stessa quantità. Si spiegano così i sintomi tipici dell'astinenza da cocaina quali irrequietezza e irritabilità.

Altri fattori che possono determinare una carenza di dopamina sono lo stress, la malnutrizione e il sovraccarico fisico e/o mentale.

di Rüdi Steiner,

pubblicato in data 30.01.2017, modificato in data 10.02.2022


Potrebbe interessarti anche:

Calendario dell'Avvento Migros: Risolvi gli indovinelli e vinci

Gioca ora