Internet Explorer non è più supportato

Per utilizzare al meglio il sito web ti preghiamo di usare un browser web attuale.

Calcoli biliari: sintomi e trattamento

Quasi una persona su tre in Svizzera è affetta da calcoli biliari, ma la maggior parte lo ignora. Solo in presenza di disturbi come la colica biliare si pone la questione del trattamento. Scopri di più sui sintomi e su quando è necessario un intervento chirurgico alla cistifellea.

Formazione e composizione dei calcoli biliari

La cistifellea si trova nella parte inferiore del fegato. È il serbatoio degli acidi biliari, che vengono continuamente prodotti nel fegato. Dopo un pasto ricco di grassi, la cistifellea secerne gli acidi biliari che vengono immessi attraverso il coledoco nell'intestino tenue. Lì dividono il grasso in pezzi così piccoli da poter essere assorbiti dalle cellule intestinali. Se la composizione della bile non è ideale, possono formarsi dei calcoli nella cistifellea, che sono visibili durante l'esame ecografico.

La maggior parte dei calcoli biliari ha una consistenza morbida e contiene principalmente colesterolo. Circa il 10 percento dei calcoli biliari è costituito da pigmento biliare e bilirubina, il prodotto di degradazione dell'emoglobina. Un altro dieci per cento è costituito da carbonato di calcio.

Trattamento dei calcoli biliari

I calcoli biliari che non causano sintomi non necessitano di trattamento. In caso di disturbi ricorrenti, si dovrebbe prendere in considerazione l'intervento chirurgico, tenendo presente che il rischio di complicazioni di un intervento programmato è sempre inferiore a quello di un intervento d'emergenza. A partire da un calcolo di tre centimetri, la rimozione chirurgica è consigliata in ogni caso, anche in assenza di sintomi.

Sintomi di calcoli biliari e coliche biliari

I fattori di rischio per i calcoli biliari
  • Sovrappeso
  • Pelle chiara
  • Sesso femminile (rapporto 2 donne : 1 uomo)
  • Livelli elevati di estrogeni (durante l'età fertile, durante la gravidanza o in caso di assunzione di ormoni).
  • Età superiore ai 40 anni
  • Predisposizione genetica
  • Digiuno o perdita rapida di peso
  • Alcune patologie di base, per esempio le malattie infiammatorie intestinali

Tre persone su quattro con calcoli biliari non percepiscono nulla. Negli altri casi, si fanno sentire soprattutto i calcoli che bloccano l'uscita della cistifellea o il coledoco. L'effetto che ne deriva è una colica biliare.

È tipico il dolore crampiforme nella parte destra o centrale dell'addome superiore, che si manifesta a ondate e dura almeno 15 minuti. Il dolore può irradiarsi alla spalla destra o alla schiena ed è spesso accompagnato da nausea o vomito.

La cistifellea cerca di rimuovere il blocco causato dal calcolo bloccato con l'aiuto di contrazioni muscolari, che sono poi la causa del dolore. Se il calcolo passa nell'intestino, il problema è risolto, fino a quando il calcolo successivo non si blocca nel coledoco.

(Continuazione in basso...)

Contenuti collegati

Vai al Dossier

Possibili complicazioni

Se gli acidi biliari non riescono a defluire, la cistifellea e il coledoco si infiammano. Nella maggior parte delle persone, il coledoco e il dotto pancreatico si uniscono all'estremità e confluiscono nell'intestino. Una grave complicazione è quindi rappresentata dal ristagno dei succhi digestivi nel pancreas. La conseguenza è una pericolosa pancreatite.

Trattamento della colica biliare: intervento chirurgico della cistifellea

Quando compaiono i primi sintomi, si cerca in un primo momento di ricorrere al digiuno, agli antidolorifici e agli antispastici. In caso di infiammazione della cistifellea, le uniche opzioni sono gli antibiotici e un intervento chirurgico rapido (entro 48 ore).

Qualora i sintomi dovessero ripresentarsi, è consigliabile rimuovere chirurgicamente la cistifellea con un intervento programmato e non urgente. Nella maggior parte dei casi, la cistifellea e i calcoli vengono rimossi tramite la parete addominale con un intervento chirurgico in laparoscopia. In passato, questo comportava il ricovero in ospedale di alcuni giorni. Oggi i pazienti possono spesso tornare a casa il giorno stesso dopo un intervento programmato.

Dato che la cistifellea non è un organo vitale, si può vivere senza problemi rinunciando a essa. Il flusso continuo di bile dal fegato all'intestino è sufficiente per la digestione dei grassi.

Un altro metodo per rimuovere un calcolo biliare incuneato consiste nella ERCP (colangiopancreatografia endoscopica retrograda). È simile a una gastroscopia e viene impiegata quando il calcolo è bloccato appena prima dello sbocco del coledoco.

Prevenzione dei calcoli biliari

Uno stile di vita sano con molto movimento e un peso corporeo corretto riducono il rischio di calcoli biliari. I farmaci preventivi sono utili solo in casi particolari. Per prevenire problemi di calcoli biliari durante la perdita di peso, l'acido ursodesossicolico può essere utile.

Le cosiddette «cure per la pulizia del fegato» con olio da tavola, succo di frutta e sali di Epsom non sono raccomandate. I «calcoli biliari» escreti in questo modo sono in realtà solo coaguli di grasso.

Le persone che si ammalano di calcoli biliari molto presto nella vita hanno talvolta delle malattie di base. In questi casi sono necessari ulteriori accertamenti.

di Dottoressa Jacqueline Krane-Nuber,

pubblicato in data 26.07.2022


Potrebbe interessarti anche:

Abbonati alla newsletter iMpuls e vincere una carta regalo Migros

Iscriviti subito e vinci
geschenk-icon0