Internet Explorer non è più supportato

Per utilizzare al meglio il sito web ti preghiamo di usare un browser web attuale.

Fatti di digestione per un intestino sano

Se l'intestino potesse scegliere, le nostre vite sarebbero meno frenetiche e ci muoveremmo di più.

Steso in piano, l'intestino occuperebbe una superficie da 120 a 200 metri quadrati. Ci assicura l'approvvigionamento di tutto il nutrimento vitale, lavora per giorni per ottenere il massimo dal cibo, ricicla fino a mille litri di succo gastrico all'anno, digerisce diverse decine di tonnellate di cibo nel corso della vita e accoglie circa 1000 specie diverse di microbi, molti dei quali benefici per la nostra salute.

L'intestino aiuta anche attivamente nelle decisioni importanti della vita. Esso comunica con il cervello tramite nervi e sostanze messaggere. Non per nulla, si parla di «decisione di pancia». E per tutto ringraziamento, ciò che esso produce viene apostrofato con una delle parolacce più volgari di sempre. È ora di trattarlo con più amore.

Una delle migliori ricompense per l'intestino è l'esercizio fisico, preferibilmente da 30 a 60 minuti al giorno, ma è grato anche per meno. Ogni piccolo passo conta - anche i lavori domestici, il giardinaggio o lo yoga lo stimolano.

La fibra alimentare è una ricompensa per l'intestino

Un altro punto forte è la fibra nelle verdure, nei cereali integrali, nella frutta - non solo per l'intestino, ma anche per i suoi piccoli abitanti, cioè i circa 1,5 chili di batteri, virus e funghi. Questo biotopo nell'intestino produce, tra le altre cose, vitamine e altre sostanze benefiche per la salute. Se l'intestino potesse scegliere, sceglierebbe la variante integrale per pane, riso e pasta. Questo aspetto dovrebbe essere tenuto in considerazione quando si va a fare spesa.

Le fibre alimentari non digeribili «nutrono» i batteri benefici e salutari dell'intestino. I cibi fermentati - per esempio kefir, mozzarella, crauti o pane a lievitazione naturale - forniscono anche un piccolo apporto di batteri buoni e probiotici.

(Continuazione in basso...)

Contenuti collegati

Intestino sano = buonumore

E poi: relax! L'intestino non ama una vita frenetica e irregolare. Anche le esperienze o le emozioni «non digerite» non gli fanno bene. 

L'intestino, infatti, non è solo responsabile dell'assorbimento dei nutrienti e della digestione. Ha anche una connessione molto stretta con il cervello, quindi, anche con il nostro stato mentale. In un quadro di depressione, per esempio, anche la composizione della flora intestinale cambia. Quando l'intestino sta bene, fa bene all'umore. Tra l'altro, l'intestino apprezza molto quando si mangia lentamente masticando bene il cibo.

È inoltre un importante guardiano e sede di allenamento per il sistema immunitario. Sa distinguere ciò che deve essere assorbito e ciò che deve essere eliminato. Innumerevoli cellule di difesa nella parete intestinale sono sempre pronte quando agenti patogeni o sostanze estranee che causano malattie provano a penetrare nell'organismo e li respinge - di solito con successo. Tali cellule «apprendono» all'interno dell'intestino a distinguere gli amici (per esempio, i batteri promotori di salute) dai nemici.

9 fatti sull'intestino

  1. L'intestino non è liscio all'interno, ma presenta innumerevoli pieghe e anse. Questo aumenta la superficie di circa 200 volte - e quindi anche il numero di nutrienti che possono essere assorbiti.
  2. Le cosiddette «fibre alimentari» sono tutt'altro che una zavorra: legano le sostanze cancerogene, per esempio, che poi vengono anche espulse più rapidamente con le feci. Questo è uno dei motivi per cui le fibre alimentari riducono il rischio di cancro all'intestino.
  3. Il quantitativo ideale è almeno 250 grammi di verdure (ben masticate) al giorno e due porzioni di frutta, più acqua in dose adeguata (circa due litri al giorno). L’intestino fa un lavoro pesante.
  4. Una passeggiata prima della colazione e un bicchiere di acqua tiepida al mattino possono aiutare a dare il via alla digestione.
  5. In una situazione di normalità, la digestione non dovrebbe destare pensieri. Se si verificano problemi, è bene non attendere troppo a lungo prima di consultare un medico.
  6. I disturbi intestinali possono anche essere un segno di un problema psicosomatico.
  7. Gli esperti stimano che otto casi su dieci di cancro all'intestino possono essere prevenuti. I fattori che aumentano il rischio sono troppo poche fibre, poco esercizio fisico, obesità, fumo, alcol e carne rossa.
  8. L'uso a lungo termine di antibiotici o di bloccanti dell'acido gastrico impatta negativamente sui batteri dell'intestino. Pertanto, è ancora più importante curare il «biotopo» nell'intestino, per esempio con fibre alimentari e batteri probiotici. È sufficiente iniziare con una piccola dose e aumentare lentamente!
  9. Con un movimento intestinale sano, l'intestino richiede poco tempo e poca carta igienica. Ma è importante dargli anche il tempo di rispondere, evitando pressioni eccessive per un'evacuazione rapida forzata.

di Maartje van Doormaal,

pubblicato in data 09.12.2021


Potrebbe interessarti anche:

Quiz estivo Migros. Gioca ora e vinci fantastici premi.

Vai al quiz estivo
iMpuls_Sticky_Teaser_Sommer_Quiz_Webseite