Internet Explorer non è più supportato

Per utilizzare al meglio il sito web ti preghiamo di usare un browser web attuale.

Chiudi

Vuoi vivere più sano?

Vuoi vivere più sano?

Cosa si intende esattamente con la parola «reumatismi»? Ecco quali sono i sintomi e la dieta appropriata

Quando si parla di reumatismi, ci si riferisce di solito alle malattie infiammatorie di articolazioni, muscoli o tessuto connettivo. La causa è spesso il prodursi di un'usura dovuta ad esempio all'artrosi articolare.

Il termine reumatismo comprende varie malattie dell'apparato muscolo-scheletrico - ad esempio artrosi, artrite, osteoporosi o gotta. 

Quali sono le cause delle malattie reumatiche?

Quattro malattie reumatologiche su cinque sono da ricondurre a fenomeni di usura: l'artrosi delle articolazioni delle anche e delle ginocchia e i danni ai tendini, ad esempio della spalla, sono le parti del corpo più comunemente colpite.

Una malattia reumatologica su cinque, invece, ha alla base un'infiammazione. La causa di questa infiammazione è spesso una malattia autoimmune, cioè una malattia in cui il sistema immunitario dell'organismo attacca e distrugge gradualmente alcuni tessuti del corpo, siano essi articolazioni, muscoli o tessuto connettivo. Quando si parla colloquialmente di «reumatismi», di solito si intende una malattia di questo tipo.

Quali sono i sintomi dei reumatismi?

Secondo una semplice regola empirica, quando si hanno così tanti disturbi in diverse parti del corpo tra loro incompatibili, allora si dovrebbe pensare anche a una possibile malattia reumatica. Può comparire ad esempio sulla pelle, sulle mucose, sugli occhi, sull'intestino o su altri organi, oltre a dolori a diverse articolazioni o muscoli.

Chi soffre di reumatismi?

Queste malattie autoimmuni hanno molto spesso una preferenza di genere: le donne hanno di solito maggiori probabilità di essere colpite rispetto agli uomini. In genere, ci sono due picchi di età: nella maggior parte dei casi, queste malattie si manifestano tra il 20° e il 40° anno di vita o a partire dal 60° anno di vita. I geni ereditari spesso favoriscono l'insorgenza.

Come si diagnosticano i reumatismi?

In genere, queste malattie reumatiche comportano un aumento dei livelli di infiammazione nel sangue ed eventuali alterazioni dell'emocromo o di altri valori di laboratorio. Oltre all'esame fisico, per la diagnosi sono quindi importanti diversi esami di laboratorio e, a seconda della malattia sospettata, anche la ricerca di determinati anticorpi.

(Continuazione in basso...)

Quali sono le conseguenze della malattia reumatica?

A seconda della localizzazione dell'infiammazione nell'organismo, la malattia reumatica può avere conseguenze e complicazioni diverse. L'infiammazione del tessuto connettivo delle arterie, ad esempio, può portare alla formazione di coaguli di sangue. Se ad essere colpiti sono i reni, si verifica un danno renale. Le infiammazioni articolari causano la distruzione della cartilagine e limitano la mobilità articolare.

Come si curano i reumatismi?

Il trattamento di queste malattie reumatiche infiammatorie consiste soprattutto nel rallentamento mirato e dosato del sistema immunitario. Questo si verifica con l'aiuto di agenti cortisonici e farmaci che interferiscono con alcuni processi del sistema immunitario. In questo modo si arrestano anche i processi di distruzione dei tessuti. In assenza di un trattamento efficace, la malattia progredisce a episodi o in modo continuo.

Quale dieta seguire in presenza di reumatismi?

Le persone che ne soffrono possono contribuire alla cura con uno stile di vita sano. Questo include una dieta equilibrata con molta verdura e poca carne rossa e grassi animali. Un'alimentazione a base vegetale influisce infatti positivamente sulle infiammazioni croniche, mentre una dieta ricca di alimenti di origine animale tende a fomentarle.

Gli oli da tavola di alta qualità, le noci e i pesci di mare grassi come il salmone e lo sgombro forniscono preziosi acidi grassi omega-3. Si consiglia quindi di consumare un pasto a base di pesce una o due volte alla settimana e anche qualche noce al giorno. Il pane, il riso e la pasta integrali sono più salutari delle varianti «raffinate» grazie al loro contenuto di fibre alimentari.

Contenuti collegati

Vai al dossier

di Dott. med. Franz Lauener,

pubblicato in data 02.02.2023


Potrebbe interessarti anche:

Outdoor Fitness: una sferzata di freschezza per la salute

Prova adesso
2160x2160_Programm_Bilder_Kochen