Internet Explorer non è più supportato

Per utilizzare al meglio il sito web ti preghiamo di usare un browser web attuale.

Chiudi

Vuoi vivere più sano?

Vuoi vivere più sano?

Cancro alla prostata: la diagnosi precoce è la chiave per curarlo

Cresce molto lentamente, ma tende a formare metastasi: il cancro alla prostata. Se il carcinoma viene scoperto per tempo, le possibilità di guarigione sono buone. Ma a che punto è necessario rivolgersi a un medico?

Ogni anno in Svizzera viene diagnosticato il cancro alla prostata a 7100 uomini. Questo lo rende il tipo di cancro più comune e la seconda causa di morte negli uomini. Un tumore alla prostata di solito cresce molto lentamente, ma tende a metastatizzare. Sono tipici i depositi nei linfonodi o nelle ossa. Tuttavia, se il cancro alla prostata viene individuato nella fase iniziale, la prognosi è molto buona. Il rischio che il cancro ritorni è estremamente basso. In genere, il paziente guarisce al termine della cura.

L'età è un fattore di rischio per il cancro alla prostata

Non si sa molto sulle cause esatte del cancro alla prostata. Il fattore di rischio maggiore per l'insorgenza del cancro alla prostata è l'età: la fascia di età superiore ai 70 anni è particolarmente colpita. Un altro fattore di rischio è la genetica: se i parenti di primo grado, ad esempio il fratello o il padre, hanno già avuto un tumore alla prostata, il rischio di svilupparlo raddoppia. La predisposizione ereditaria aumenta anche il rischio di sviluppare la malattia in giovane età.

Screening del cancro alla prostata: a partire da che età?

La diagnosi precoce è quindi il principio più importante per il successo della terapia. Agli uomini con una predisposizione ereditaria si raccomanda di sottoporsi a esami di screening regolari a partire dai 45 anni di età. Per gli uomini senza casi in famiglia, il limite di età di 50 anni vale come linea guida: da quel momento in poi, lo screening dovrebbe iniziare ed essere effettuato a intervalli regolari. È difficile dire se il cancro si presenti più spesso nelle persone con un determinato stile di vita. È dimostrato che la mancanza di esercizio fisico e una dieta non sana possono favorire il cancro alla prostata.

Come funziona l'esame del cancro alla prostata?

È molto importante conoscersi attraverso un colloquio personalizzato. Il valore del PSA viene determinato con l'aiuto di un campione di sangue. L'enzima prodotto dalla prostata fornisce i primi indizi sull'eventuale presenza di una malattia prostatica. Segue l'esame rettale. Il medico usa il dito per determinare le dimensioni e le condizioni della prostata e se ci sono aree infiammate. Una chiara indicazione di cancro è, ad esempio, la formazione di noduli o aree indurite. Per poter valutare ancora meglio la struttura del tessuto, di solito si esegue una risonanza magnetica. L'eventuale presenza di un tumore può essere determinata solo con una biopsia. Si tratta di prelevare diversi campioni di tessuto con un ago sottile, che vengono poi esaminati in laboratorio. Nello studio Uroversum si utilizza l'anestesia locale per la biopsia.

(Continuazione in basso...)

Contenuti collegati

Quali sono i sintomi del cancro alla prostata?

Nelle fasi iniziali, il carcinoma prostatico raramente provoca sintomi. I sintomi del cancro alla prostata possono essere:

  • Problemi di minzione
  • Sogno frequente di urinare
  • Dolore durante la minzione
  • Sangue nelle urine
  • Eiaculazione sanguinolenta o dolorosa
  • Dolore osseo in una fase successiva

Un ingrossamento benigno della prostata spesso causa disturbi simili. Tuttavia, si ritiene certo che nessun cancro alla prostata possa svilupparsi da un ingrossamento benigno della prostata.

Come si può curare il cancro alla prostata?

Il trattamento per curare il cancro alla prostata è sempre molto individuale. In base al valore del PSA, all'aspetto microscopico, alle dimensioni del tumore e alla presenza di metastasi linfonodali locali ed estese, il tipo di terapia viene stabilito insieme al paziente.  

Per il trattamento dei tumori confinati alla prostata, il paziente ha a disposizione le seguenti opzioni:

  • Rimozione chirurgica della prostata (prostatectomia)
  • Irradiazione della prostata (radioterapia)
  • Sorveglianza attiva
  • Attesa vigile

La scelta della terapia da parte del paziente dipende in larga misura dalla sua storia clinica e dalle condizioni di vita. L'urologo illustra al paziente i vantaggi e gli svantaggi dei diversi tipi di terapia. Durante l'asportazione chirurgica, la prostata viene completamente rimossa insieme alle le vescicole seminali. L'apertura vescicale rimanente viene quindi suturata all'uretra.

Un'alternativa equivalente alla chirurgia è la radioterapia. I raggi X ad alta energia vengono utilizzati per colpire e uccidere il tumore. In alcune situazioni, la radioterapia può essere integrata con una terapia ormonale. Che si tratti di chirurgia o radioterapia: entrambi i metodi di trattamento hanno le stesse possibilità di guarigione. Durante la radioterapia può verificarsi un aumento dello stimolo di urinare o una disfunzione erettile. L'asportazione chirurgica comporta teoricamente anche il rischio di disfunzione erettile, ma grazie alle nuove tecniche chirurgiche è ora possibile operare in modo da preservare i nervi. Con tutti i metodi descritti, l'uomo diventa sterile. 

La sorveglianza attiva mira a monitorare attentamente il tumore e a trattarlo solo se continua a crescere. Con l'attesa vigile, l'attenzione si concentra sul mantenimento della qualità di vita. In assenza di sintomi, il cancro alla prostata che compare in tarda età può anche non essere trattato. Il dottor Sergej Staubli è specializzato in urologia e ha un proprio studio medico a Wallisellen.

di Dr. med. Sergej Staubli,

pubblicato in data 25.03.2023


Potrebbe interessarti anche:

Coaching individuale per la salute: ora già da CHF 99.-

Vai all'offerta
saluta-ros-kw5