Internet Explorer non è più supportato

Per utilizzare al meglio il sito web ti preghiamo di usare un browser web attuale.

Sifilide, gonorrea e clamidia: cosa c'è da sapere sulle malattie sessualmente trasmissibili

Le malattie sessualmente trasmissibili, come la sifilide, la gonorrea e la clamidia, sono in aumento. Tutte le informazioni su batteri, virus e parassiti che causano queste malattie.

In piena pandemia di Covid-19, un uomo di 58 anni ha sviluppato febbre, tosse, raffreddore, mal di gola, dolori articolari e un'eruzione cutanea. Il primo sospetto è stato coronavirus, ma quest'uomo aveva la sifilide.

Ogni giorno, più di un milione di persone nel mondo contrae una malattia sessualmente trasmissibile, secondo le stime dell'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS). A causare tali infezioni possono essere più di 30 diversi batteri, virus e parassiti.

«Molte persone con una MST non hanno alcun sintomo, ma possono contagiare altre persone. Due terzi delle infezioni da herpes genitale, per esempio, sono attribuibili a persone che non avevano alcun segno della malattia», dice Stephan Lautenschlager, primario dell'Istituto di Dermatologia e Venereologia dell'Ospedale della città di Zurigo. Tuttavia, la regola generale è: «non appena si ha un pizzicore o un bruciore nella zona genitale o si ha la sensazione di avere la cistite, allora non è da escludere una possibile infezione sessualmente trasmissibile.»

Clamidiosi

Ogni anno, in Svizzera vengono diagnosticate più di 11'000 infezioni di clamidia, ma il numero di casi non segnalati è alto. In Svizzera, da tre a dieci persone su 100 hanno la clamidia.

Sintomi: circa due terzi delle persone che hanno contratto la malattia sono asintomatiche (con maggiore frequenza tra le donne e non tra gli uomini). Da una a tre settimane dopo l'infezione, compaiono bruciore durante la minzione, dolore al basso ventre e o secrezioni purulente. Le conseguenze possono essere una gravidanza ectopica o l'infertilità.

Agente patogeno: alcune specie di clamidia

Diagnosi: striscio e individuazione della clamidia.

Trattamento: antibiotico e astinenza sessuale fino alla fine della cura. Si consiglia alle donne di farsi visitare di nuovo tre mesi dopo la cura per assicurarsi che la terapia abbia funzionato e che non abbiano contratto nuovamente la malattia.

Prevenzione: sesso sicuro.

Aspetti particolari: è opportuno che anche i partner sessuali si facciano visitare e, se necessario, curare. Durante il parto, la clamidia può essere trasmessa da una madre contagiata al neonato e causare una grave infezione al bambino.

Gonorrea (o blenorragia)

L'anno scorso, in Svizzera circa 4'000 persone hanno contratto la gonorrea: un dato in continuo aumento da anni. Tuttavia, molte persone colpite non presentano sintomi, specialmente dopo il sesso orale o anale.

La presenza di un numero sempre crescente di patogeni della gonorrea resistenti agli antibiotici comuni e che rispondono a un solo antibiotico è fonte di preoccupazione per i medici.

Sintomi: da uno a 14 giorni dopo l'infezione compare una secrezione solitamente densa e purulenta e bruciore durante la minzione. Dopo il sesso anale, è possibile che la regione anale si irriti. Possono comparire anche eruzioni cutanee e dolori articolari.

Agente patogeno: Neisseria gonorrhoeae

Diagnosi: striscio e individuazione degli agenti patogeni.

Trattamento: antibiotico.

Prevenzione: sesso sicuro

Aspetti particolari: è opportuno che i partner sessuali si facciano visitare e, se necessario, curare. Durante il parto, gli agenti patogeni possono essere trasmessi dalla madre contagiata al neonato e causare una grave infezione al bambino.

Sifilide

Questa malattia viene diagnosticata a circa 800 persone ogni anno. Il numero di infezioni è più alto nella regione di Zurigo e del lago di Ginevra rispetto al resto della Svizzera.

Sintomi: la sifilide si sviluppa in diversi stadi. Di solito ci vogliono da cinque a 21 giorni (raramente fino a tre mesi) prima che compaiano una o più macchie rosso scuro o noduli nei punti della contaminazione batterica. Questi si trasformano in un'ulcera robusta e indolore, che può anche comparire in bocca o sul capezzolo. Successivamente, i linfonodi vicini si gonfiano e, circa dodici settimane dopo, segue il secondo stadio con la comparsa di sintomi simili all'influenza e di un'eruzione cutanea del tutto simile a tante altre malattie della pelle. Dopo un anno o più tardi (anche dopo dieci anni), può seguire il terzo stadio con gravi danni alle arterie, neurologici o cerebrali.

Agente patogeno: Treponema pallidum

Diagnosi: individuazione degli agenti patogeni oppure l'esame degli anticorpi nel sangue o nel liquido cerebrospinale. I test rapidi per la sifilide non sono sempre affidabili.

Trattamento: antibiotico. È importante intervenire tempestivamente perché la malattia progredisce se non viene trattata.

Prevenzione: si può contrarre la malattia durante il sesso orale, anale e vaginale. Il sesso sicuro riduce significativamente il rischio, ma non lo elimina del tutto. Infatti, l'infezione può manifestarsi anche quando si usano i preservativi.

Aspetti particolari: è opportuno che le persone che hanno rapporti sessuali ad alto rischio si sottopongano regolarmente al test per la sifilide. Durante la gravidanza, la maggior parte delle donne con questa infezione trasmette la malattia ai propri figli, con conseguenze quali parti con feto morto o malformazioni congenite. Pertanto, è necessario che le donne incinte si sottopongano a controlli di routine per la sifilide.

(Continuazione in basso...)

Contenuti collegati

HIV

In Svizzera si registrano meno di 500 nuovi casi all'anno, con una leggera tendenza alla diminuzione. Sono circa 15 000 persone nel nostro paese a essere consapevoli di avere questa malattia, ma si stima che altre 1'600 abbiano contratto un'infezione da HIV non ancora diagnosticata.

Sintomi: simili all'influenza con gonfiore dei linfonodi da una a quattro settimane circa dopo l'infezione. Un mal di gola prolungato per più di sette giorni potrebbe essere una causa possibile dell'HIV. Dopo la prima fase, la persona colpita è di solito asintomatica per molti anni, ma contagiosa. Possono manifestarsi gonfiore dei linfonodi, diarrea o sudorazione notturna.

Agente patogeno: virus dell'immunodeficienza umana

Diagnosi: individuazione dei virus nel sangue al massimo dieci giorni dopo l'infezione; da sei a dodici settimane dopo l'infezione individuazione degli anticorpi nel sangue.

Trattamento: se non trattata, quasi tutte le persone possono sviluppare l'AIDS, una malattia mortale. Non si può curare con farmaci anti-HIV, ma nella maggior parte dei casi è possibile tenerla sotto controllo, con un'aspettativa di vita lunga quasi quanto per le persone senza HIV.

Prevenzione: sesso sicuro. Evitare il contatto con il sangue (comprese le siringhe usate). Prima o dopo aver avuto rapporti sessuali ad alto rischio, si consiglia di assumere farmaci preventivi.

Aspetti particolari: nelle farmacie e in alcuni supermercati sono disponibili test HIV rapidi a uso domestico. Forniscono una diagnosi solo 12 settimane dopo un rapporto sessuale ad alto rischio. Visto che possono fornire risultati sbagliati, se si ottiene un esito "positivo" è necessario sottoporsi a un test con un medico. Si sconsiglia di effettuare un autotest della saliva.

HPV

Sintomi: verruche nella zona genitale o, durante il sesso orale o anale, sulla mucosa orale o anale. Raramente, dopo anni possono verificarsi alterazioni cellulari nell'utero, nel pene o nell'ano che possono trasformarsi in cancro.

Agente patogeno: Papilloma virus umano

Diagnosi: individuazione dei virus.

Trattamento: rimozione chirurgica della verruca o con farmaci. Tuttavia, in circa il 20-30% dei casi le verruche ritornano. Nel caso in cui si sviluppi un tumore o questo sia in una fase iniziale, si consiglia il trattamento chirurgico ed eventualmente oncologico.

Prevenzione: vaccinazione contro l'HPV nell'adolescenza. Screening ginecologici regolari.

Aspetti particolari: molte persone colpite si rendono conto troppo tardi della possibilità di una vaccinazione.

Herpes genitale

Importante da sapere
  • Il rischio di infezione è maggiore durante il sesso a pagamento, il sesso occasionale con sconosciuti, quando si cambia partner di frequente e il sesso in stato di ebbrezza da alcol o droghe.
  • Il sesso orale non protegge dall'infezione. La maggior parte delle infezioni sessualmente trasmissibili può essere trasmessa anche durante il sesso orale non protetto.
  • Neanche l'età avanzata è sinonimo di protezione dalle malattie sessualmente trasmissibili: è possibile contrarre l'infezione anche quando si hanno rapporti sessuali a più di 70 anni.
  • Occorre comunicare al medico di propria iniziativa se si ha avuto rapporti sessuali a rischio. Nel caso delle MST, la diagnosi precoce è importante per la protezione individuale e per quella dei propri partner sessuali.
  • In alcuni paesi, un'alta percentuale di prostitute ha contratto un'IST.
  • Le MST aumentano il rischio di contrarre l'HIV, soprattutto se sono accompagnate da un'ulcera.
  • Un'infezione fungina da candida, che spesso si manifesta con prurito genitale nelle donne, si trasmette raramente durante il sesso.

Fonti: UFSP, OMS, «Journal of Public Health Research»

Sintomi: piccole vesciche di herpes, dolore o prurito nella zona colpita. La prima infezione è di solito la più grave, con comparsa di sintomi simili all'influenza e gonfiore dei linfonodi. In alcuni soggetti rimane così, ma in altri continuano a comparire a intervalli vesciche di herpes.

Agente patogeno: virus da herpes simplex di tipo 1 e tipo 2

Diagnosi: individuazione dei virus nelle vesciche fresche di herpes o individuazione di anticorpi nel sangue a partire da circa due settimane dopo la prima infezione.

Trattamento: farmaci antivirali e, se necessario, antidolorifici aggiuntivi.

Prevenzione: sesso sicuro.

Aspetti particolari: molte persone contagiate senza sintomi o con sintomi lievi non sanno di avere l'herpes, ma sono comunque contagiose.

Epatite B

In Svizzera, ogni anno, si registrano circa 40 nuove infezioni.

Sintomi: da 45 a 180 giorni dopo l'infezione si ha un'infiammazione del fegato con perdita di appetito, affaticamento, febbre, ingiallimento della pelle e urine scure. Il cancro al fegato ne è una rara complicanza tardiva.

Agente patogeno: virus dell'epatite B

Diagnosi: individuazione dei componenti del virus nel sangue e/o degli anticorpi contro il virus.

Trattamento: la vaccinazione entro sette giorni dall'infezione può prevenire lo sviluppo della malattia. Una volta che la malattia è comparsa, i farmaci sono di supporto, ma non servono a curarla.

Prevenzione: vaccinazione contro l'epatite B. Sesso sicuro. Evitare il contatto con il sangue (comprese le siringhe usate).

di Dott. med. Martina Frei,

pubblicato in data 14.02.2022


Potrebbe interessarti anche:

Quiz estivo Migros. Gioca ora e vinci fantastici premi.

Vai al quiz estivo
iMpuls_Sticky_Teaser_Sommer_Quiz_Webseite