Internet Explorer non è più supportato

Per utilizzare al meglio il sito web ti preghiamo di usare un browser web attuale.

Tonsillite: sintomi e trattamento

La tonsillite guarisce quasi sempre senza antibiotici. Tuttavia, questi si rivelano utili nel caso compaiano alcuni segnali di allarme. Scopri di più sui sintomi della tonsillite batterica e virale, sul trattamento, sui rimedi casalinghi e su quando andare dal medico.

I sintomi della tonsillite

La gola fa male, le tonsille si gonfiano e la mucosa della gola è tutta rossa: con questi sintomi, la diagnosi è «tonsillite».

È causata principalmente da virus e solo in una minoranza di casi da batteri. Tuttavia, poiché gli antibiotici agiscono solo contro i batteri, non sono efficaci per la maggior parte dei casi di tonsillite.

Se, oltre alla tonsillite, il naso cola, si ha la tosse e le congiuntive sono arrossate, questo suggerisce fortemente un'infezione virale. L'esordio spesso molto brusco e la forte sensazione di malessere sono tipici di un'infezione batterica.

Centor score: tonsillite virale o batterica?

Un semplice strumento, il cosiddetto «Centor Score», aiuta nella procedura successiva. Viene assegnato un punto per ciascuno dei seguenti quattro criteri:

  • Niente tosse
  • Febbre (attuale o pregressa durante la tonsillite).
  • Linfonodi sensibili alla pressione sul collo
  • Placche sulle tonsille

Con zero o due punti, la tonsillite viene solitamente trattata in modo «sintomatico». Con tre o quattro punti, è più probabile che si tratti di una tonsillite causata da batteri. Maggiori informazioni di seguito.

Ecco come viene trattata la tonsillite

Con il trattamento «sintomatico» s'intende cercare di alleviare i sintomi. In concreto, ciò significa bere molto per mantenere umide le mucose della gola, ad esempio con tisane alla salvia, al timo, all'ibisco o alla camomilla. Anche i gargarismi si sono dimostrati efficaci. Sul sito web della «Deutschen Gesellschaft für Krankenhaushygiene» si possono trovare consigli su come e con cosa fare i gargarismi. I cibi liquidi o morbidi sono più facili da inghiottire in caso di tonsillite rispetto a quelli che devono essere prima masticati bene.

Se il dolore è troppo fastidioso, è possibile utilizzare uno spray per la gola o compresse da succhiare con l'anestetico locale lidocaina. Anche gli antidolorifici antipiretici e antinfiammatori, come il principio attivo ibuprofene, possono alleviare i sintomi.

Validi rimedi casalinghi per la tonsillite

Se si preferisce ricorrere a rimedi casalinghi, si può fare un impacco al quark. A tale scopo, spalmare un po' di quark magro sulla carta per uso domestico o su una pezza di garza, quindi farne un pacchetto e posizionarlo sulla parte anteriore e laterale del collo (non posteriormente sulla nuca). Infine, avvolgere un asciugamano per assorbire il liquido che fuoriesce.

Non tutti i pazienti gradiscono questo impacco rinfrescante. Se si preferisce il calore, un impacco realizzato con le patate lesse può essere una valida alternativa. Le patate vengono schiacciate e fatte intiepidire fino a che non si ottiene un piacevole calore.

(Continuazione in basso...)

Contenuti collegati

vai al Dossier

Il trattamento della tonsillite batterica

Tutti questi rimedi possono essere utilizzati anche se il «Centor-Score» è di tre o quattro punti. In questo caso c'è una maggiore probabilità che si tratti di una tonsillite causata da batteri.

In passato si riteneva che un'infezione di questo tipo doveva essere trattata in via generale con un antibiotico. Oggi, però, sappiamo che questo non è per forza necessario e non è nemmeno sensato. Questo perché l'antibiotico riduce solo leggermente la malattia, non protegge da eventuali complicazioni e può causare effetti collaterali come la diarrea.

Quando è utile un test rapido per lo streptococco

Se si prende in considerazione un trattamento antibiotico, il medico esegue un test rapido per lo streptococco se il «Centor-Score» è pari a tre o quattro. Gli streptococchi sono batteri che possono causare mal di gola e scarlattina e rispondono bene agli antibiotici. Tuttavia, fino al 30 percento delle persone sane ha anche batteri di streptococco nella gola.

Le complicanze dell'infiammazione della gola a causa dello streptococco un tempo temute, ovvero la febbre reumatica e i danni renali - sono da tempo molto rare in Svizzera. Per questo motivo, il trattamento antibiotico (di solito per sei giorni con un principio attivo a base di penicillina) è oggi raccomandato solo in determinate circostanze, ad esempio se la persona colpita appare gravemente malata o è immunocompromessa.

Un compromesso è un approccio in cui si tiene monitorata la situazione e si attende un massimo di tre giorni per vedere l'ulteriore decorso. Spesso i sintomi migliorano da soli durante questo periodo, per cui il trattamento antibiotico non è necessario.

Possibile complicazione della tonsillite

Tonsillite: informazioni importanti
  • Le donne incinte, i bambini piccoli, gli anziani e le persone con un sistema immunitario compromesso dovrebbero essere visitate da un medico.
  • L'ibuprofene e gli analoghi antidolorifici possono aumentare la pressione sanguigna. A dosi elevate, possono aumentare il rischio di infarto o ictus. Le persone che hanno avuto malattie cardiovascolari o che sono anziane dovrebbero consultare uno specialista prima dell'uso.
  • Se le persone che non sono state vaccinate contro la difterite presentano placche sulle tonsille che sanguinano quando si staccano, o se hanno problemi di respirazione, contattare immediatamente un medico. Potrebbe trattarsi di difterite, pericolosa per la vita. Le persone vaccinate contro la difterite sono protette contro un decorso grave.
  • Se il mal di gola persiste per un periodo di tempo più lungo, è consigliabile sottoporsi a ulteriori esami. La mononucleosi infettiva virale o l'infezione da HIV possono essere accompagnate da un mal di gola prolungato. 

Le complicazioni, come l'ascesso in gola, sono rare con la tonsillite. Quando ciò accade, è importante un trattamento tempestivo. Ci si dovrebbe recare dal medico nei casi seguenti:

  • se il mal di gola dura più di 72 ore o peggiora
  • se i linfonodi del collo si ingrossano in modo massiccio
  • se non si riesce più a deglutire o si riesce a deglutire solo con molto dolore
  • se la gola fa male solo da un lato
  • se il collo è esternamente molto sensibile al tatto
  • se l'articolazione temporo-mandibolare è «bloccata»
  • in caso di febbre alta persistente
  • in caso di mal di gola più eruzione cutanea
  • in caso di condizioni generali precarie

di Dottoressa Christina Marti-Camenzind,

pubblicato in data 31.10.2022


Potrebbe interessarti anche:

Abbonati alla newsletter iMpuls e vincere una carta regalo Migros

Iscriviti subito e vinci