Internet Explorer non è più supportato

Per utilizzare al meglio il sito web ti preghiamo di usare un browser web attuale.

Quando il bambino è malato: come organizzarsi

Quando il proprio figlio si ammala improvvisamente, molte famiglie vanno in difficoltà. Durante la pandemia di coronavirus, numerosi asili sono diventati ancora più severi. Come possono organizzarsi i genitori che lavorano.

Alle 2 di notte, i genitori vengono svegliati all'improvviso: la piccola Malea ha vomitato. Durante la notte sono state fatte tre lavatrici. La mail ricevuta dell'asilo informa: «Siamo attualmente in balia del virus gastrointestinale.» I genitori informano la Responsabile dell'asilo: Malea rimane a casa oggi. Non sono i primi a essere colpiti, metà del gruppo è a casa. Virus gastrointestinale, virus RS, bronchite: le malattie si diffondono rapidamente all'interno di gruppi di bambini piccoli. Le misure di protezione contro il Covid non hanno aiutato il sistema di difesa naturale.

A causa della pandemia di coronavirus, molti asili sono diventati più cauti: l'asilo dell'amico di Malea, Leon, ad esempio non prende bambini se tossiscono più di tre volte al giorno.

Per fortuna, Sonja, la madre di Malea, riesce a lavorare un po' oggi. Si collega alla riunione dalla sua postazione domestica. Per una volta, la videocamera rimane spenta. Malea si siede sulle sue ginocchia. Proprio quando viene interpellata, la bambina le vomita nella scollatura. «Sonja? Le cifre trimestrali?» le chiede il suo capo. La bambina si lamenta. Un collega di lavoro le scrive un messaggio privato in chat: «Mi spiace per te. Sono dovuto andare a prendere mia figlia all'asilo perché ha la congiuntivite. Mia moglie è a un corso di formazione – oggi avrei dovuto fare una presentazione importante. Ora sta andando tutto a rotoli» scrive. E ora?

(Continuazione in basso...)

Opzione 1: Attivare la rete

Lista di controllo per l'assistenza d'emergenza
  • Redigi una lista d'emergenza relativa alla vostra situazione: a chi affideresti tuo figlio anche in caso di sua malattia? Padrino o madrina, nonni, forse addirittura il vicino di casa?
  • La Croce Rossa Svizzera offre «assistenza a domicilio ai bambini» praticamente in tutto il Paese (attraverso 24 associazioni cantonali della Croce Rossa).
  • Anche numerose associazioni locali Spitex offrono un servizio d'emergenza con assistenza ai bambini.
  • Alcune casse malati come atupri o Swica offrono un servizio integrato di tate d'emergenza. Conviene informarsi a tale riguardo.
  • Alcuni servizi comunali offrono un servizio di babysitting d'emergenza. In certi casi può inoltre essere utile informarsi presso i servizi sociali della Chiesa.
  • Nella regione di Zurigo, Basilea e Berna, l'organizzazione «Profawo» mette a disposizione cosiddette tate d'emergenza.

Numerosi genitori vivono la stessa situazione di Sonja e del suo collega di lavoro. Il figlio è malato e non può andare all'asilo. Si può solo sperare che uno dei genitori possa lavorare da casa, che il bambino dorma più del solito o che si possa contare su nonni, padrini o madrine e amici che possano dare una mano.

Opzione 2: Segnalare la malattia

Se non c'è nessuno nelle vicinanze che possa intervenire e aiutare si informa il Superiore della malattia insieme al bambino: secondo il diritto del lavoro svizzero, il datore di lavoro è tenuto a concedere fino a tre giorni per la cura del bambino malato - per ogni caso di malattia. A tal fine può richiedere un certificato medico.

Opzione 3: Richiedere un aiuto esterno

Se tutto il resto fallisce, i genitori hanno la possibilità di ricorrere all'assistenza d'emergenza per i bambini. La Croce Rossa Svizzera, ad esempio, offre questo servizio: assistenti formati si recano a casa della famiglia. Secondo Katrin Schöni della Croce Rossa, ciò rappresenta un vantaggio significativo: «I bambini vengono assistiti nel loro ambiente familiare. Questo dà loro un senso di sicurezza e protezione.»

Il giorno dopo, Sonja ha lavato per la quarta volta il coniglietto di Malea, il suo compagno ha preparato il quattordicesimo tè al finocchio e conosce a memoria la storiella preferita di Malea che, con un colorito del volto ancora un po' verdastro, annuncia con un sorriso trionfante: «Malea meglio!» Sonja riesce finalmente a leggere le proprie e-mail, di cui una spedita dall'asilo. Oggetto: «Attenzione, sta circolando la malattia mano-piede-bocca.»

Contenuti collegati

vai al Dossier

di Silja Kornacher,

pubblicato in data 27.01.2022

Continua a leggere


Potrebbe interessarti anche:

Abbonati alla newsletter iMpuls e vincere una carta regalo Migros

Iscriviti subito e vinci
geschenk-icon0