Internet Explorer non è più supportato

Per utilizzare al meglio il sito web ti preghiamo di usare un browser web attuale.

Chiudi

Vuoi vivere più sano?

Vuoi vivere più sano?

Quali sono le vaccinazioni da fare prima di mettersi in viaggio?

Circa tre mesi prima di un viaggio a lungo raggio, comunque almeno quattro settimane prima di partire, è necessario informarsi sulle necessità mediche. Una foto della tessera vaccinale, salvata sul cellulare, è utile in caso di emergenza.

Prima di viaggiare all'estero, è consigliabile controllare il libretto delle vaccinazioni con il proprio medico di famiglia o con il medico vaccinatore. In questo modo ci si assicura che le vaccinazioni siano ancora valide. 

1. Le vaccinazioni di base

Le vaccinazioni di base e complementari raccomandate in Svizzera secondo il calendario vaccinale sono importanti anche quando si viaggia. Le malattie contro cui proteggono sono infatti presenti in tutto il mondo.

L'emergenza più comune all'estero è un incidente, come una caduta o una ferita infetta: in questi casi è rassicurante che la vaccinazione antitetanica sia in corso di validità. Di norma, le vaccinazioni di richiamo contro il tetano sono raccomandate a intervalli di dieci anni (per i minori di 25 anni e per gli anziani) o di 20 anni (per le persone di età compresa tra i 25 e i 64 anni). In caso di lesioni ad alto rischio di tetano, è consigliabile effettuare il richiamo già cinque o dieci anni dopo l'ultima vaccinazione antitetanica.

Anche le vaccinazioni contro difterite, morbillo, parotite, rosolia e varicella rientrano tra le vaccinazioni di base. Queste vaccinazioni non proteggono soltanto se stessi, ma anche gli altri. Per esempio, ci sono continuamente casi di turisti non vaccinati che portano il morbillo, determinando così un'epidemia locale di morbillo. (Continuazione in basso...)

2. Le vaccinazioni per i viaggi

Situazione attuale

Informatevi per tempo su eventuali epidemie nel Paese di destinazione e sulle vaccinazioni necessarie per l'ingresso. Un buon aiuto è offerto dai centri di consulenza per la medicina di viaggio.

In caso di viaggi in Paesi extra-europei, consultare un medico tre mesi prima della partenza per accertarsi di poter effettuare tutte le vaccinazioni e i check-up necessari. Attualmente, i vaccini hanno sempre problemi di approvvigionamento. Pertanto, è necessario prevedere un tempo sufficiente, considerato anche che alcune vaccinazioni devono essere ripetute.

Sono necessari almeno dieci giorni per ottenere la protezione completa del vaccino; se sono necessarie più dosi di vaccino, questo lasso di tempo si allunga di settimane o addirittura di diversi mesi. Una scansione della tessera vaccinale, salvata come foto sul cellulare, è utile in caso di emergenza.

Le informazioni aggiornate sulle vaccinazioni ecc. sono disponibili qui:

Epatite A

L'ittero contagioso è una malattia virale che si trasmette attraverso cibo o acqua contaminati e durante i rapporti sessuali. La vaccinazione è consigliata quando si viaggia in Paesi tropicali o subtropicali. Una dose di vaccino protegge per circa un anno. Due dosi di vaccino a un intervallo minimo di sei mesi forniscono una protezione per tutta la vita.

Epatite B

Il virus dell'epatite B può essere contratto durante i rapporti sessuali o attraverso il contatto con sangue infetto, ad esempio anche quando si fa un tatuaggio se non vengono rispettate le norme igieniche. La vaccinazione è consigliata in particolare a chi si reca in regioni tropicali o subtropicali con l'intenzione di soggiornarvi a lungo. Per una protezione completa sono necessarie tre vaccinazioni.

Tifo

La febbre tifoide - una grave malattia causata da alcuni batteri della salmonella - è particolarmente diffusa in India e nei Paesi limitrofi. Il tifo si trasmette attraverso cibo o acqua contaminati e inizia con febbre, forte mal di testa e sonnolenza. La malattia viene trattata con antibiotici, tuttavia sono in aumento le infezioni da batteri diventati resistenti agli antibiotici.

È importante prestare molta attenzione a frutta, verdura, acqua, gelati e cubetti di ghiaccio freschi, perché anche la vaccinazione non offre una protezione al 100%.

In Svizzera è approvata una vaccinazione orale (tre dosi) contro il tifo. Per le persone che non possono assumere questo vaccino vivo, la maggior parte dei medici specializzati in medicina tropicale e di viaggio e tutti i centri di medicina di viaggio offrono un vaccino iniettabile non autorizzato in Svizzera.

Febbre gialla

Le zanzare trasmettono il virus della febbre gialla. È diffuso nell'Africa subsahariana, in Sudamerica e a Panama e provoca una malattia simil-influenzale che in alcuni casi è fatale. I comuni antidolorifici come l'acido acetilsalicilico, noto ad esempio con il nome commerciale di Aspirina, non devono essere utilizzati nella febbre gialla perché possono determinare gravi emorragie.

In alcuni Paesi la vaccinazione contro la febbre gialla è obbligatoria; è in ogni caso raccomandata anche in tutte le altre aree endemiche. Dopo una vaccinazione di richiamo, dieci anni dopo la prima dose, si è immuni dalla febbre gialla per tutta la vita. Trattandosi di un vaccino vivo, a pazienti immunocompromessi, donne in gravidanza e anziani deve essere somministrato con cautela solo da medici specializzati.

Rabbia

Questa malattia virale è diffusa in quasi tutto il mondo. Si trasmette quando la saliva di un mammifero infetto penetra in una ferita, ad esempio attraverso un morso di cane, scimmia o gatto. Per questo motivo, quando si viaggia non si devono accarezzare animali altrui o toccare animali morti. Le ferite da graffio e da morso devono essere lavate immediatamente con acqua e sapone per 10-15 minuti e poi disinfettate accuratamente.

Una volta insorta, la rabbia è mortale. Tuttavia, l'insorgenza può essere prevenuta nella maggior parte dei casi con una corretta vaccinazione prima e/o dopo il contatto con un animale rabbioso.

Gli esperti di medicina di viaggio raccomandano che le persone particolarmente a rischio siano vaccinate due volte contro la rabbia prima di intraprendere il viaggio. Tra questi, chi effettua lunghi soggiorni, i bambini, gli amanti delle due ruote e gli escursionisti che viaggiano in aree remote.

Dopo il morso di un animale rabbioso, le persone precedentemente vaccinate contro la rabbia hanno bisogno di altre due vaccinazioni. Le persone non vaccinate hanno bisogno di quattro dosi di vaccino più gli anticorpi contro la rabbia. Devono essere vaccinate entro 24 ore. Poiché questi vaccini non sono disponibili ovunque nel mondo, ciò può causare grande stress.

Meningococco

La maggior parte dei focolai di questa meningite batterica si verifica nella cosiddetta "cintura della meningite" a sud del Sahara, ma è presente in tutto il mondo, anche in Svizzera. I batteri della meningite si trasmettono da persona a persona attraverso goccioline, ad esempio in ambienti chiusi o in grandi assembramenti di persone. Una dose di vaccino protegge dalla maggior parte di queste infezioni per almeno cinque anni.

Encefalite giapponese

Questa malattia virale è trasmessa principalmente dalle zanzare nelle ore serali e notturne. L'encefalite giapponese è diffusa nell'Asia meridionale e sudorientale e in Australia. La maggior parte delle infezioni è lieve, ma raramente si verificano infezioni cerebrali gravi. Poiché il rischio di infezione per i viaggiatori è generalmente molto basso, la vaccinazione è raccomandata solo per chi effettua lunghi soggiorni e per i turisti che si recano in aree rurali, soprattutto in prossimità di risaie o allevamenti di suini.

3. Altri rischi per la salute quando si viaggia

«Molti viaggiatori non prendono abbastanza sul serio il rischio di malaria e dengue», ribadisce l'infettivologa Esther Künzli, co-responsabile della Medical Services Unit presso lo Swiss TPH, l'Istituto tropicale svizzero di Basilea. «Anche se avete in programma solo una vacanza di due settimane al mare in Tanzania, per esempio, la profilassi della malaria è consigliata». Un repellente per zanzare è altrettanto essenziale. Se la febbre supera i 37,5 °C, è necessario recarsi immediatamente dal medico; questo vale anche mesi dopo un viaggio in una zona malarica.

Molti viaggiatori in vacanza hanno rapporti sessuali più frequenti e spensierati che a casa. Se non volete tornare a casa con clamidia, HIV, sifilide o altre malattie sessualmente trasmissibili, portate con voi i preservativi.

«La prevenzione è molto importante anche perché l'assistenza medica nei Paesi di viaggio è spesso diversa da quella del nostro Paese. Se ci si ammala nel Paese di destinazione, è necessario avere fiducia nel sistema sanitario locale e accettare le condizioni locali», afferma Künzli. Anche molti viaggiatori provenienti dalla Svizzera non ne sono sufficientemente consapevoli. Per evitare di ammalarsi, la cosa più importante è prendere le migliori precauzioni possibili, soprattutto se si è affetti da gravi patologie preesistenti o si è ansiosi.

Contenuti collegati

Vai al dossier

di Dott. med. Martina Frei,

pubblicato in data 21.06.2023

Continua a leggere


Potrebbe interessarti anche:

Dal 16.4 al 22.4: carote, mele Golden o zucchine bio a solo 1 franco

Scopri di più
Vitaminfranken IT