Internet Explorer non è più supportato

Per utilizzare al meglio il sito web ti preghiamo di usare un browser web attuale.

Forfora? Ecco cosa può aiutare

«Fiocchi di neve» è il grazioso eufemismo per un problema piuttosto antiestetico. Rispondiamo alle domande sull'argomento forfora.

La forfora è di solito associata a un cuoio capelluto secco. È vero?

Sì e no. Anzitutto, occorre distinguere tra forfora secca e forfora grassa. «La forfora secca è costituita da cellule di pelle morta del cuoio capelluto secco che si staccano. La forfora grassa, d'altra parte, è più probabile che si formi quando qualcuno ha un cuoio capelluto oleoso. Nel processo, le piccole particelle si raggruppano e sono visibili sotto forma di scaglie», spiega il farmacista Lorenz Schmid.

Come faccio a capire che tipo di forfora ho? Cosa causa la forfora?

Le squame secche si frantumano e spesso formano un velo bianco. Quelle oleose, invece, sono leggermente più grandi, giallastre e non si staccano così facilmente, ma restano invece attaccate ai capelli. Entrambi i tipi sono di solito accompagnati da prurito.

La forfora grassa è solitamente causata da una ghiandola sebacea iperattiva. Il sebo fornisce nutrimento a un lievito fungino che fa parte della nostra normale flora cutanea. Se si usano anche shampoo che non hanno un valore di pH neutro e attaccano invece lo strato protettivo acido della nostra pelle, il fungo di per sé innocuo può proliferare. Questa infezione fungina è responsabile della desquamazione della pelle.

La forfora secca è causata da un cuoio capelluto disidratato. Anche in questo caso, la ragione può essere riconducibile a un'alterazione dello strato protettivo, per cui il cuoio capelluto perde l'umidità e si desquama più facilmente.

Esistono fattori scatenanti più profondi per il cuoio capelluto secco o l'iperattività delle ghiandole sebacee? Anche eventuali malattie possono causare la forfora?

Sì, a volte essa è riconducibile a neurodermite o psoriasi. Se la desquamazione persiste per un periodo di tempo prolungato, occorre consultare un medico o un farmacista.

La produzione di sebo è influenzata dagli ormoni ed è determinata geneticamente. Può diventare un problema fastidioso durante la pubertà, per esempio. Anche gli uomini più giovani, in particolare, ne sono affetti.

Il cuoio capelluto secco è solitamente favorito da fattori esterni. L'aria secca del riscaldamento in inverno può peggiorare la situazione. Anche un'igiene personale errata o eccessiva è una concausa.

(Continuazione in basso...)

Contenuti collegati

Gli shampoo antiforfora sono un rimedio miracoloso? Esistono rimedi casalinghi per la forfora?

Per la forfora grassa, uno shampoo antiforfora che inibisce il fungo allo stesso tempo può davvero risultare efficace. Va utilizzato due volte alla settimana per 4-6 settimane. Dopodiché, di solito ci si è sbarazzati dei funghi. Il che non vuol dire che la forfora non possa ripresentarsi più avanti.

Per la forfora secca, invece, si raccomanda uno shampoo molto delicato, preferibilmente a pH neutro. E una lozione idratante per il cuoio capelluto in abbinamento. Essa contiene una componente lipidica, oltre a principi attivi come l'urea, in grado di idratare e rigenerare il cuoio capelluto.

L'acidità del succo di limone aiuta in caso di sebo abbondante e forfora grassa: si può mescolare un po' di succo allo shampoo o massaggiarlo direttamente sul cuoio capelluto, lasciarlo assorbire per dieci minuti e poi risciacquare bene. Al contrario, il cuoio capelluto secco si può trattare con qualche goccia di olio d'oliva o di jojoba, lasciando agire nell'arco della notte e risciacquando al mattino. Attenzione alle maschere naturali allo yogurt, come a volte raccomandato: i batteri dell'acido lattico sulla pelle priva di barriera cutanea intatta possono causare un'infezione.

Come posso prevenire il problema e mantenere il mio cuoio capelluto in equilibrio?

Non si può prevenire il fungo, in quanto fa parte della nostra flora cutanea. Tuttavia, è altrettanto vero che esso può prendere il sopravvento a causa di misure igieniche irragionevoli. Per preservare la barriera acida della pelle, in generale non si dovrebbe fare lo shampoo troppo spesso: solo uno shampoo per capelli grassi ogni due giorni, nel caso di capelli secchi ancora meno di frequente.

Una dieta ricca di acidi grassi insaturi aiuta anche per la pelle secca. Inoltre, una buona flora gastrointestinale contribuisce generalmente a un microbioma cutaneo sano.

Gli uomini hanno davvero la forfora più spesso delle donne?

Non ci sono statistiche chiare al riguardo. In generale, si può affermare che gli uomini tendono ad avere un cuoio capelluto più grasso, mentre le donne tendono ad avere la pelle secca.

di Petra Koci,

pubblicato in data 27.04.2022


Potrebbe interessarti anche:

Abbonati alla newsletter iMpuls e vincere una carta regalo Migros

Iscriviti subito e vinci