Internet Explorer non è più supportato

Per utilizzare al meglio il sito web ti preghiamo di usare un browser web attuale.

Con le ciaspole ai rifugi del CAS

Quando in pianura i primi fiori sbocciano e gli uccelli cinguettano, in montagna è ancora pieno inverno. Il momento migliore per indossare ancora una volta le ciaspole e raggiungere i rifugi del CAS, che attirano con l'intimità, la vista e il buon cibo.

Camona da Maighels: punto panoramico nelle sorgenti del Reno (UR/GR)

maigels
maigels

In estate, il passo dell'Oberalp e la Camona da Maighels pullulano di escursionisti. È qua che si trova la sorgente del Reno, nel pittoresco lago di Toma, che si presenta nelle più belle sfumature di blu. In inverno, il mondo si trasforma. Il lago di Toma e il Reno sono ricoperti di una coltre di neve alta un metro, la pace e la solitudine dominano. L'ambiente montano predomina, presentandosi con aspre pareti di roccia, ripidi pendii, strette valli e possenti montagne. Al centro di questa fortezza di gneiss, la Camona da Maighels domina in un punto privilegiato sopra la Val Maighels. La vista sull'ampia valle a sud e l'ospitalità del team del rifugio vanno guadagnate, il percorso dall'Oberalp è pieno di discese, salite e traversate dinamiche. Anche il tempo non va sottovalutato: nelle sorgenti del Reno, il sole fa rapidamente largo al vento e alle nuvole dense. L'abbondanza di neve alimenta il fiume più lungo d'Europa. Dopo aver percorso 1231 chilometri, il Reno sfocia nel Mare del Nord a Hoek van Holland. Il faro sul passo dell'Oberalp lo ricorda.

  • Partenza: passo dell'Oberalp 
  • Percorso: Plauncas Cuflegl - Milez (rifugio alpino) - Tgatlems - Plidutscha - Camona da Maighels. Ritorno per lo stesso percorso o da Milez lungo la strada stretta del passo dell'Oberalp fino a Tschamut (attenzione alle lavine da Calmut). 
  • Lunghezza: 11 km; 700 m di dislivello in salita e in discesa; 4h. Adatto per un tour di un giorno o di due giorni. 
  • Camona da Maighels (2310 m): www.maighelshuette.ch, telefono 081 949 15 51, aperto fino a fine aprile. 
  • Difficoltà: media, da Alp Milez pali per orientarsi. 
  • Istruzioni speciali: tra il passo dell'Oberalp e Plidutscha non seguire il sentiero estivo, attraversa un terreno scosceso con pericolo di valanghe.

Spitzmeilenhütte: rifugio caratteristico con le vicine montagne dal carattere inconfondibile

spitzmeilen
spitzmeilen

Foto: Daniel Fleuti

Alcune montagne hanno una forma così particolare da riconoscerle immediatamente. Il Monte Cervino è il più famoso tra questi. Anche il Gruppo del Churfirsten con le pareti rocciose che cadono nel lago di Walen ne fa parte. E poi c'è lo Spitzmeilen. Se le altre montagne hanno una struttura "normale" della cima, questa si concede un possente pinnacolo di roccia scura, il cosiddetto Liaskalk. Salire sulla cima dello Spitzmeilen è una sfida, un corridoio ripido porta al punto più alto a 2501 metri. Per molti questa è un'avventura estiva, in inverno ci si gode lo Spitzmeilen da lontano, durante l'escursione con le ciaspole dalla zona sciistica di Flumserberg al rifugio Spitzmeilenhütte. Da qui si vedono anche i vicini Leist, Gulmen, Magerrain e Wissmilen. Confinano, formando una sorta di un'arena, con l'ampia valle dell'Alp Fursch e permettono di immergersi in un'atmosfera di pace e tranquillità. Il sentiero sale tranquillamente verso il rifugio Spitzmeilenhütte, la cui forma assomiglia a quella del suo omonimo: un moderno cubo di legno con interni molto accoglienti e una vista unica. Il Gruppo del Churfirsten saluta dalla parte opposta.

  • Partenza: Maschgenkamm 
  • Percorso: Panüöl - Alp Fursch - Spitzmeilenhütte. Ritorno per lo stesso percorso. A Panüöl collegamento con le funivie di Flumserberg o proseguire sul sentiero escursionistico invernale fino a Prodalp. 
  • Lunghezza: 11,5 km; 590 m di dislivello in salita e 800 m in discesa; 4h. Adatto per un tour di un giorno o di due giorni. 
  • Spitzmeilenhütte (2087 m): www.spitzmeilenhuette.ch, telefono 081 733 22 32, aperto da venerdì a domenica fino al 3 aprile. Nei periodi consueti, il locale invernale offre riparo e bevande. 
  • Difficoltà: facile, da Alp Fursch pali per orientarsi. 
  • Istruzioni speciali: non seguire il sentiero estivo dall'Alp Fursch. Il sentiero segnalato dai rifugi invernali non è a rischio valanghe.

(Continuazione in basso...)

Lämmerenhütte

laemmeren
laemmeren

In cima, sopra il passo della Gemmi, al confine tra i cantoni di Berna e del Vallese e nel cuore del massiccio Wildstrubel con i suoi ghiacciai e le sue cime di tremila metri, si trova la Lämmerenhütte. Prima si attraversa la distesa bianca del Lämmerenboden, poi si supera un pendio ripido e si arriva al rifugio. Con un po' di fortuna, si possono avvistare cervi e gipeti.

  • Percorso: passo della Gemmi - Lämmerenboden - Lämmerenhütte. Ritorno per lo stesso percorso. 
  • Lunghezza: 8,3 km; 470 m di dislivello in salita e discesa; 3h. Adatto per un tour di un giorno o di due giorni. 
  • Lämmerenhütte (2507 m): www.laemmerenhuette.ch, telefono 027 470 25 15, aperto fino alla fine di aprile. 
  • Difficoltà: media, segnalato come percorso per ciaspolate. 
  • Istruzioni speciali: passaggio preparato che attraversa il pendio ripido sopra il Lämmerenboden. Controllare la situazione valanghe al rifugio.

Chamonna Tuoi

chamonna
chamonna

Situato in fondo alla Val Tuoi, tra il paesino di Schellenursli di Guarda con le sue case engadinesi riccamente decorate e i tremila metri del Piz Buin, la Chamonna Tuoi invita a visitare il tranquillo ambiente montano della Bassa Engadina. Durante il percorso, il torrente di montagna La Clozza tiene compagnia, a volte nascondendosi sotto la neve e poi gorgogliando di nuovo.

  • Percorso: Guarda - Clüs - Perlas - Alp Suot - Chamonna Tuoi. Ritorno per lo stesso percorso.
  • Lunghezza: 14 km; 640 m di dislivello in salita e discesa; 5h. Adatto per un tour di un giorno o di due giorni.
  • Chamonna Tuoi (2250 m): www.tuoi.ch, telefono 081 862 23 22, aperto fino a fine aprile.
  • Difficoltà: facile, pali per orientarsi. 
  • Istruzioni speciali: il sentiero è abbastanza sicuro dal rischio valanghe. Attenzione alle piccole lavine in primavera.

Rifugio Saoseo

saoseo
saoseo

La Val Poschiavo è nascosta, senza dubbio. Questa osservazione è ancora più valida per la sua valle laterale, la Val da Camp. Ma il paesaggio unico e la natura selvaggia ricompensano il lungo viaggio verso questa valle meridionale di lingua italiana del canton dei Grigioni. In questo mondo fiabesco si trova il Rifugio Saoseo, pittorescamente incastonato tra pini, larici e il lago Saoseo, che, come il suo vicino lago Viola, invita a fare altre escursioni.

  • Percorso: Sfazù - Salva Dafora - Salina - Rifugio Saoseo. Ritorno per lo stesso percorso. 
  • Lunghezza: 8,5 km; 360 m di dislivello in salita e discesa; 3h. Adatto per un tour di un giorno o di due giorni. 
  • Rifugio Saoseo (1985 m): www.saoseo.ch, telefono 081 844 07 66, aperto fino a metà aprile. 
  • Difficoltà: facile, pali per orientarsi. 
  • Istruzioni speciali: se si arriva con i mezzi pubblici, chiamare l'autobus da Poschiavo a Sfazù (telefono 0800 125 125).

(Continuazione in basso...)

Contenuti collegati

vai al Dossier

Capanna Corno Gries

corno
corno

Foto: Sven Stoppani

La Capanna Corno Gries in Val Bedretto è chiamata astronave alpina. Ci si sente lontani dal mondo quando si sale verso la spettacolare capanna con la sua struttura futuristica. Qui c'è poco che richiama il Ticino, tra il Passo della Novena e la Val Formazza si possono ammirare passi, bacini, ghiacciai e il parco eolico più alto d'Europa. E si può trascorrere una notte sul tetto dell'astronave.

  • Percorso: All'Acqua - Alpe di Cruina - Capanna Corno Gries. Ritorno per lo stesso percorso. 
  • Lunghezza: 12 km; 700 m di dislivello in salita e discesa; 4,5 - 5h. Adatto per un tour di due giorni. 
  • Capanna Corno Gries (2338 m): www.corno-gries.ch, telefono 091 869 11 29, aperto secondo il sito web. 
  • Difficoltà: impegnativo, nessun segnale. 
  • Istruzioni speciali: per escursionisti esperti con buone conoscenze in materia di valanghe.

Rotondohütte

hugo
hugo

Foto: Hugo Vincent

Quando lo sci divenne di moda, la sezione SAC Lägern costruì la Rotondohütte nella zona del ghiacciaio Furka. Era il 1909. I ghiacciai si stanno ritirando, ma la capanna nella Witenwasserental innevata gode ancora di una grande popolarità in inverno. Ciò può anche essere dovuto alla salita: a indicare il percorso vi sono 33 pali. Sono stati fissati per la prima volta nel 1935, e ognuno è numerato.

  • Percorso: Realp - Schweig - Oberchäseren - Witenwasserenstafel - Rotondohütte. Ritorno per lo stesso percorso. 
  • Lunghezza: 17 km; 1100 m di dislivello in salita e discesa; 7- 8 h. Adatto per un tour di due giorni. 
  • Rotondohütte (2570 m): www.rotondohuette.ch, telefono 041 887 16 16, aperta fino a fine aprile. 
  • Difficoltà: impegnativa, segnali a partire da Schweig. 
  • Istruzioni speciali: salita invernale relativamente sicura per le valanghe, ma cambiamenti improvvisi del tempo.

Importante da sapere

Tutte le escursioni con le ciaspole ai rifugi del CAS presentate qui portano a terreni alpini. I percorsi non sono sicuri e non sono mantenuti. La passeggiata è a proprio rischio e pericolo, anche se i pali aiutano a orientarsi. I percorsi verso i rifugi seguono gli itinerari sciistici segnati sulle mappe sciistiche di Swisstopo e si possono visualizzare su www.map.geo.admin.ch. Tutti i rifugi sono punti di partenza per altre belle escursioni con le ciaspole.

Alla base di una ciaspolata vi è la gestione in sicurezza dei pericoli alpini, in particolare il pericolo di valanghe e l'orientamento. In un'escursione non possono mancare l'attrezzatura completa per le valanghe e gli aiuti per orientarsi. I custodi dei rifugi saranno lieti di fornire informazioni sulle condizioni attuali. In primavera, un'escursione con le ciaspole va iniziata presto e terminata presto, poiché c'è il pericolo di lavine quando il giorno si scalda.

Altri suggerimenti per le escursioni

Vai al Dossier

di Daniel Fleuti,

pubblicato in data 25.03.2022


Potrebbe interessarti anche:

I bambini gareggiano gratuitamente – con Migros iMpuls.

Alla registrazione
Kinder an Volkslauf