Internet Explorer non è più supportato

Per utilizzare al meglio il sito web ti preghiamo di usare un browser web attuale.

9 piacevoli passeggiate attraverso le foreste speciali della Svizzera

Querce, aceri, pini, faggi, castagni o foresta primordiale: nelle nostre nove passeggiate nel bosco sono gli alberi a indicare la strada. Ognuno è unico e ricco di storia.

Gandwald

Sicomori nell'ex foresta termale

Elm, in fondo alla valle Sernftal di Glarona, è un luogo meraviglioso per rilassarsi. Lo si sapeva già anche in passato, tanto che nel 1898 era stato aperto uno stabilimento terapeutico. Gli ospiti potevano ricaricare le energie con un'escursione nella riserva forestale di Gandwald, in ottima compagnia di possenti sicomori e del campione di torneo di filigrana. Campione del torneo? Sì, esiste, la rara pianta ha un aspetto simile all'asperula e cresce, in compagnia dell'acero, solo nelle calde vallate del favonio. Una vera specialità glaronese. E poiché la riserva forestale di Gandwald è così bella, la natura viene lasciata libera e la foresta termale si trasforma in una foresta primordiale con una ricca flora e fauna. Non meno impressionante è la vista sul Martinsloch, che emerge dalla catena montuosa dello Tschinglenhorn sul lato opposto della valle. Fa parte del sovrascorrimento tettonico glaronese, che è stato dichiarato dall'UNESCO Patrimonio dell'Umanità di Sardona.

  • Percorso: Elm, paese (partenza)- Schäboden - Güetli - Elm, paese (percorso circolare Gandwald).
  • Lunghezza: 3 km; 200 m di dislivello in salita e in discesa; 1,5h.
  • Difficoltà: media.
  • Da scoprire: comprendere il Patrimonio dell'Umanità UNESCO di Sardona in maniera ludica, presso il centro visitatori nel suggestivo centro del paese di Elm.
  • Download GPX

Galmwald

La foresta con il proprio stemma comunale

Una quercia, tre ghiande dorate e un nastro blu che simboleggia una sorgente. Questo è lo stemma di Galmwald tra Laupen e Murten. È l'unica foresta della Svizzera che è anche un comune indipendente, a livello geografico, poiché non ha diritti politici e nemmeno una popolazione «umana». I suoi abitanti sono gli animali, le piante e gli alberi. Questa riserva unica risale a Napoleone: poiché i villaggi circostanti utilizzavano in maniera eccessiva il Galmwald e non volevano essere dissuasi dalle loro azioni, egli pose senza esitare la foresta sotto la sovranità del Cantone di Friburgo. E c'è un altro elemento che risale all'epoca di Napoleone: le numerose querce, alcune delle quali hanno ormai più di 300 anni. È possibile scoprirle percorrendo un sentiero circolare. Hanno appena superato la loro giovinezza. Una quercia può aver anche 800 anni.

  • Percorso: Liebistorf, Sternen (partenza)- Galmhütte - Galmacher - Ulmiz, paese (raggiungibile con l'autopostale da Murten)
  • Lunghezza: 6 km; 120 m di dislivello in salita e in discesa; 1,5h.
  • Difficoltà: facile.
  • Da scoprire: il sentiero circolare delle querce di Galmelin conduce alle querce più belle in poco meno di un'ora. Basta seguire i cartelli con la simpatica fatina.
  • Download GPX

Bosco di Maia

Bosco di castagni in un piccolo spazio

La castagna è stata per secoli uno degli alimenti base più importanti del Ticino. «Pane dei poveri» era il nome dato al frutto dell'albero con la buccia spinosa, che veniva raccolto insieme in autunno. La castagna nel frattempo ha perso la sua importanza, ma i castagneti sono rimasti. Un castagneto particolarmente bello si trova fra Losone e Arcegno, nell'entroterra di Locarno. Stiamo parlando del Bosco di Maia. Si tratta di una riserva forestale caratterizzata dalla presenza di castagni secolari, querce, frassini, tigli, ciliegi, ontani, aceri e betulle. Queste specie di alberi crescono su una collina ricoperta di pareti rocciose, ruscelli e laghetti incantati. Seguendo i numerosi cartelli verdi che conducono attraverso la riserva protetta, si ha l'impressione di trovarsi in una giungla da favola. E la sete di scoperta diventa inarrestabile.

  • Percorso: Losone, Canaa (partenza) - Barbescio - Bolletina Lunga - Monte Maia - Losone, Canaa
  • Lunghezza: 6 km; 320 m di dislivello in salita e in discesa; 2,25h.
  • Difficoltà: media.
  • Da scoprire: alla fine del tour, il Grotto Raffael invita ad assaporare le specialità tradizionali. Con i suoi 150 anni, è uno dei grotti più antichi e tipici del Ticino.
  • Download GPX

God Tamangur

Pini cembri come simbolo dei Retoromani

«Di’m est tü amo qua? Tü bös-ch da Tamangur? » «Dimmi, sei ancora lì, albero di Tamangur?", canta il cantautore grigionese Linard Bardill. Il God Tamangur, il più alto bosco di cembri d'Europa, è un simbolo per i Retoromani per la sopravvivenza della loro lingua e cultura. È sinonimo di forza, tenacia e volontà di sopravvivenza. Sfida il vento e le intemperie e fa i conti con le estreme escursioni termiche che caratterizzano la parte posteriore della Val S-charl, nella Bassa Engadina, a 2200 metri di altitudine: ben oltre i venti gradi d'estate e non di rado meno trenta gradi o in misura inferiore d'inverno. Gli alberi, che hanno oltre 800 anni, non sembrano preoccuparsi: sprizzano vitalità e dinamismo e conducono in un mondo di sogni e fantasia. Non solo i cantautori si lasciano ispirare da God Tamangur, ma anche scrittori, artisti e fotografi.

  • Percorso: Lü, cumün (partenza)- Alp Champatsch - Pass da Costainas - Alp Astras - God Tamangur - Tamangur Dadora - Plan d'Immez - S-charl.
  • Lunghezza: 14 km; 420 m di dislivello in salita, 540 m di dislivello in discesa; 4,25h.
  • Difficoltà: media.
  • Da scoprire: il Museo Schmelzra di S-charl offre una panoramica sull'estrazione del minerale in Engadina e mostra l'ultimo orso ucciso nei pressi di S-charl intorno al 1904.
  • Download GPX

Derborence

Foresta primordiale grazie a un'enorme frana

50 milioni di metri cubi sono una quantità notevole. Nella notte tra il 22 e il 23 settembre 1749, 50 milioni di metri cubi di pietra sono scesi per 1900 metri dalla montagna fino all'alpe di Derborence, nel Vallese. È stato sufficiente per creare un nuovo lago e seppellire sotto di esso le malghe e le persone. Da allora, le montagne da cui si sono staccate le masse rocciose sono state chiamate Diablerets. Le Montagne del Diavolo. Doveva essere opera sua, pensarono, ed evitarono la zona intorno a Derborence. La natura ne ha potuto beneficiare. Il risultato è un'impressionante foresta primordiale con alberi che hanno fino a 600 anni e una ricca flora e fauna, oltre a un lago di montagna con isole fluviali di importanza nazionale. I massi che hanno ispirato lo scrittore vodese Charles Ferdinand Ramuz a scrivere il suo romanzo «Derborence» svettano ancora ovunque.

  • Percorso: Godey La Lui (partenza) - La Combe - Derborence - Lac de Derborence - Le Liapey - Godey.
  • Lunghezza: 7 km; 350 m di dislivello in salita e in discesa; 2,5h.
  • Difficoltà: da media a impegnativa.
  • Da scoprire: arrivare a Derborence è un'emozione pura. La strada è costruita nella parete rocciosa verticale. Se ci si siede sul lato sinistro dell'autopostale in salita, si vive un'esperienza completa.
  • Download GPX

Hagstelli

Quando gli alberi risolvono le dispute di confine

Le pietre di confine possono essere spostate, ma non gli alberi. All'epoca della Riforma, Lucerna e Berna non erano in buoni rapporti. Lucerna rimase fedele al cattolicesimo e a Roma, mentre Berna si convertì alla nuova fede, associandola a nuove rivendicazioni territoriali. Ad esempio, nell'area intorno al Napf. Quando un'intera valle cambiò cantone in un colpo solo, i lucernesi ne ebbero abbastanza e fecero piantare un Hagstelli lungo due chilometri sulla cresta del Napf, un filare di faggi, abeti rossi, frassini e aceri. Da allora hanno segnato il confine, inamovibili. L'Hagstelli si è mantenuto, con alcuni spazi vuoti. Gli alberi più vecchi hanno circa 400 anni. Ma anche il contatto attraverso la cresta non si è mai interrotto. Anche il pastore e scrittore riformato bernese Jeremias Gotthelf avrebbe ascoltato un sermone «laggiù».

  • Percorso: Eriswil, Ahorn (partenza, operativo nei fine settimana) - Gume - Ober Scheidegg - Hirsenegg - Luthern o da Ober Scheidegg ritorno ad Ahorn.
  • Lunghezza: 9 km; 240 m di dislivello in salita, 580 m di dislivello in discesa; 2,75h.
  • Difficoltà: media.
  • Da scoprire: un tiglio con intorno case signorili e antiche. Luthern è considerato uno dei villaggi più belli della Svizzera e ha ricevuto un premio nel 2017.
  • Download GPX

Güttinger Wald

Picchio rosso mezzano e quercia a quattro tronchi

Il picchio rosso mezzano è un uccello singolare: non tamburella durante la cova, ma emette suoni striduli, quasi lamentosi. Con il suo becco corto, è in grado di frugare negli alberi alla ricerca di cibo, ma non di beccare, come fa il ben noto picchio rosso maggiore. E ha delle esigenze. I picchi rossi mezzani vivono principalmente in foreste con molte querce secolari, come quella di Güttingen sul Lago di Costanza. La foresta di querce di Güttingen. Qui si trovano numerose e bellissime querce secolari. La più speciale tra queste è la quercia a quattro tronchi. Risale a un'antica forma di coltivazione in cui gli alberi venivano rimessi sul ceppo dopo un certo tempo per ottenere legna da ardere e poi germogliavano di nuovo. Ci sono ancora più storie da scoprire sul sentiero circolare Güttinger Eichenwald.

  • Percorso: Hefenhofen, Sonne - Chüelwäghau - Göösslihau - Bleihof - Mattenhof - Güttingen.
  • Lunghezza: 8,5 km; 100 m di salita e discesa ciascuno; 2h.
  • Difficoltà: facile.
  • Da scoprire: Il sentiero circolare Güttinger Eichenwald parte dalla strada vicino a Gösslihau. Il percorso dura circa 1 ora e conduce ad alberi e luoghi meravigliosi.
  • Download GPX

Sihlwald

La foresta selvaggia alle porte della grande città

Il Sihlwald incarna la tipica foresta mista di latifoglie che un tempo era originaria dell'Altopiano centrale, con alberi molto vecchi, una popolazione giovane e vitale e molto legno morto. Per molto tempo, la foresta è stata il principale fornitore di legno della città di Zurigo. Oggi il suo volto è completamente cambiato. Come primo parco naturale della Svizzera, il Sihlwald è lasciato completamente a se stesso. Nella zona centrale, i sentieri possono anche non essere lasciati per non disturbare i processi naturali. Questo non pregiudica l'esperienza escursionistica. La foresta è attraversata da così tanti sentieri emozionanti che ci si può tranquillamente perdere nel mare di alberi. E questo è estremamente vario. Si dimentica che in cima c'è anche una cima, l'Albishorn.

  • Percorso: Sihlwald, stazione ferroviaria (partenza) -Langenrain - Summerhalden - Waldmatt - Rohrboden - Steineregg - Sihlwald, stazione ferroviaria.
  • Lunghezza: 8,5 km; 320 m di salita e discesa ciascuno; 2,5h.
  • Difficoltà: media.
  • Da scoprire: Avete ancora voglia di una vista sulle montagne? L'Albishorn è raggiungibile da Rohrboden in poco meno di mezz'ora.
  • Download GPX

Wildenstein

Vecchie querce e maiali grassi

"I migliori prosciutti crescono sulle querce". L'espressione non viene dal nulla. I contadini portavano i loro maiali nei boschi di querce per farli ingozzare di ghiande. Il valore di un bosco di querce era espresso in "unità di maiali", corrispondenti al numero di animali che potevano essere pascolati. Nel XVIII secolo, con la comparsa di nuove fonti di foraggio, le querce persero la loro importanza e finirono per lo più come traversine ferroviarie. Il querceto di Wildenstein, nella regione di Basellandschaft, è stato preservato e l'albero più vecchio ha più di 500 anni. Il bosco, simile a un parco, è un piacere per l'anima e per l'occhio, anche se non è consentito uscire dai sentieri per preservare i prati magri di valore ecologico. Piccole orchidee, foglie di cuore di palude e erba di brughiera alta.

  • Percorso: Bubendorf, centro (partenza) - Käppelen - Sormattfall - Schloss Wildenstein - Weid (sentiero delle querce) - Lampenberg, villaggio.
  • Lunghezza: 7 km; 280 m di dislivello in salita e 135 m in discesa.
  • Difficoltà: facile.
  • Da scoprire: il sentiero informativo del Castello di Wildenstein invita a dare uno sguardo tridimensionale al passato del castello e dell'agricoltura.
  • Download GPX

Contenuti collegati

di Daniel Fleuti,

pubblicato in data 07.08.2022


Potrebbe interessarti anche:

Abbonati alla newsletter iMpuls e vincere una carta regalo Migros

Iscriviti subito e vinci