Internet Explorer non è più supportato

Per utilizzare al meglio il sito web ti preghiamo di usare un browser web attuale.

Avere dei buoni amici fa bene alla salute

Gli amici assicurano divertimento e relax, ci fanno sentire protetti e ci accompagnano nei momenti difficili: sono importantissimi per il nostro benessere e riducono persino il rischio di malattie.

Mangiare sano, fare esercizio fisico e non fumare: questi sono i consigli più comuni per restare in buona salute. Tuttavia, un altro fattore è menzionato meno spesso, sebbene sia altrettanto importante per il corpo e la mente: poter contare su degli amici ci fa sentire più soddisfatti della nostra vita, fa bene alla salute durante la mezza età e aiuta a prevenire il declino cognitivo in età avanzata. O visto al contrario: la solitudine può far ammalare.

Quali sono le conseguenze della mancanza di amicizie?

Sei felice dei tuoi contatti sociali?

Torna alla valutazione
Torna alla domanda

Sei felice dei tuoi contatti sociali? ( Partecipante)

%
%

Gli studi dimostrano che le persone sole soffrono più spesso di disturbi del sonno, sintomi depressivi e mal di schiena. Anche il cancro, l'infarto, l'ictus e la demenza sono più frequenti. Perché solitudine significa stress. Nella preistoria, gli esseri umani non avrebbero potuto sopravvivere da soli. Ecco perché fondamentalmente non siamo fatti per stare da soli. La maggior parte delle persone apprezza anche i momenti di tranquillità passati da soli con se stessi. Tuttavia, è più facile goderseli se è stata una propria scelta, sempre con la consapevolezza di essere ben integrati in una relazione o in una cerchia di amici.

Cosa distingue gli amici dalla famiglia?

«Gli amici sono la nostra famiglia d'elezione», afferma la consulente psicologica Gabriela Kratzer. Se non tutti avvertono in egual misura un senso di protezione e appartenenza alla famiglia d'origine, gli amici si scelgono liberamente. Nel migliore dei casi, gli amici ci accompagnano per tutta la vita e spesso si tratta di un legame più duraturo di matrimoni e relazioni di coppia. Ma alcuni sono presenti solo durante una fase. «In questo periodo, danno un senso alla nostra vita e ci fanno sentire di non essere soli», afferma Kratzer. In una vera amicizia, ci si può perdere di vista per un po' e poi ritrovarsi in seguito. Poi ci si racconta quello che si è vissuto nel frattempo e spesso sembra che l'ultimo incontro risalga solo al giorno prima.

Quanti amici ci vogliono?

Quando si tratta di coltivare le amicizie, non è tanto la quantità che conta, quanto piuttosto la qualità, sottolinea la consulente: «Sono sufficienti da due a cinque amici intimi. Non è necessario averne venti». Secondo studi condotti in vari Paesi, le persone hanno in media quattro amici stretti, alcune ne hanno di più, ma molte altre ne hanno solo tre o meno. Inoltre, c'è un numero maggiore di persone nella cerchia allargata di amici e conoscenti.

In che modo gli amici influenzano la salute?

Studio «In ottima compagnia»

Ulteriori informazioni sullo studio del GDI e sull'#iniziativa per l'amicizia della Migros.

Gli amici aumentano il benessere e l'autostima, ci permettono di rilassarci, divertirci e alleviare lo stress. Trascorriamo con loro il nostro tempo libero e perseguiamo gli interessi comuni. Per i giovani in particolare, la cerchia di amici ha anche un'influenza significativa sulla scelta di hobby, gusti musicali, artistici e cinematografici, nonché sull'umorismo, influenzando così la formazione dell'identità e la crescita personale. 

Poiché di solito non viviamo con i nostri amici e siamo meno legati rispetto ai membri della famiglia, possiamo parlare con loro dei problemi anche in questo ambito. Uno dei principi su cui si fonda un'amicizia è avere qualcuno che ascolti e con cui si possa parlare apertamente delle cose che ci preoccupano. Secondo il nuovo studio dell'Istituto Gottlieb Duttweiler (GDI) «In ottima compagnia», le donne discutono sui propri sentimenti e problemi un po' più spesso degli uomini, mentre gli uomini tendono a fare sport insieme o a discutere, ad esempio, di politica.

(Continuazione in basso...)

Chi sono le persone che non possono vantare molti amici?

Nel sondaggio condotto su 3000 persone, la maggior parte di esse si è dichiarata soddisfatta della propria integrazione sociale. Tuttavia, l'8% ha dichiarato di non avere né amici stretti né una cerchia estesa di amici e un altro 10% considera la quantità o la qualità delle proprie relazioni insoddisfacente. Più della metà, soprattutto chi lavora, indica almeno in parte la mancanza di tempo come ragione per cui non si riesce a coltivare le amicizie. Negli Stati Uniti, il numero di persone che si ritrova senza o solo con pochi amici è aumentato in modo significativo a partire dagli anni '90, motivo per cui si parla persino di una «Recessione dell'amicizia». Il problema sarebbe molto radicato nel Regno Unito, in cui nel 2018 è stato creato il «Ministero per la solitudine». 

La solitudine è molto diffusa anche tra gli anziani. Il rischio aumenta quando i figli se ne vanno, si va in pensione, il partner muore e la cerchia dei conoscenti si restringe sempre di più. Ma anche se gli amici di solito diminuiscono con l'età, è chiaro che sono più i giovani a sentirsi soli. Probabilmente perché questa fase della vita è comunemente associata a feste sfrenate e a una vita sociale attiva. Chi non riesce a stare al passo si sente rapidamente escluso. Sono particolarmente colpite anche le persone con mobilità limitata, che sono meno in grado di partecipare alla vita sociale, le persone che lavorano a orari irregolari e quelle che non sono cresciute in Svizzera. 

Come si fa a fare amicizia?

Uscire dalla solitudine e stabilire contatti sociali richiede coraggio, dice Gabriela Kratzer. «È necessario farsi conoscere e partecipare». Una buona possibilità sono le offerte di attività comuni come gruppi escursionistici, corsi di cucina o di lingua, club sportivi e cori. Questo è il modo migliore per trovare persone con i tuoi stessi interessi e con cui ti possa sentire a tuo agio. Tuttavia, chi instaura una relazione d'amicizia dovrebbe fare attenzione alla reciprocità, ad esempio non limitandosi a raccontare di sé, ma mostrando interesse per l'altra persona, sottolinea la consulente. «Si deve essere pronti a dare ciò che ci si aspetta dall'altra persona».

Come si cura un rapporto di amicizia?

Offerte per combattere la solitudine

Molti comuni e organizzazioni offrono opportunità di contatto: tavoli per il pranzo, escursioni comuni, corsi, eventi di ginnastica o di danza. Ecco un elenco non esaustivo:

Rimanere in contatto con le persone è più facile che trovare la via d'uscita dalla solitudine. Per questo è importante rimanere attivi, continuare a fare delle attività nel tempo libero, essere membri di un'associazione, essere coinvolti in attività di beneficenza e non lasciare che le amicizie si assopiscano. Chiunque si renda conto che non ama vivere da solo, con l'avanzare degli anni dovrebbe cercare una forma di abitazione in comunità. Internet e i social media non devono sostituire le relazioni personali. Tuttavia, i canali digitali possono essere molto utili per coltivare le relazioni e conoscere persone nuove. Se noti che una persona nel vicinato si sente sola, è consigliabile parlargliene. Per molti è un bene anche solo parlarne. Inoltre si possono, ad esempio, dare informazioni sulle offerte di vita sociale nei dintorni. Tuttavia, bisogna anche essere consapevoli dei propri limiti: avvicinarsi a qualcuno non significa essere automaticamente responsabili della soluzione del problema.

Cosa occorre per essere felici?

Tutto sul tema

di Andrea Söldi,

pubblicato in data 28.09.2017, modificato in data 17.08.2023


Potrebbe interessarti anche:

Personal Health Coaching: Ti aiutiamo ad acquisire forza mentale

Vai!
mann-beim-trailrunning