Internet Explorer non è più supportato

Per utilizzare al meglio il sito web ti preghiamo di usare un browser web attuale.

Chiudi

Vuoi vivere più sano?

Vuoi vivere più sano?

Attenzione, è velenoso! A cosa prestare attenzione quando si raccolgono i funghi

Raccolta di funghi: l'attività ideale in autunno. Ma a cosa prestare attenzione quando si va a funghi? Cosa serve? L'esperta di funghi Rosemarie Kuhn fornisce maggiori informazioni.

Qual è la cosa più importante quando si raccolgono i funghi?

Assolutamente da fare:

  • Controllare in anticipo le norme cantonali sul sito web VAPKO.ch e trovare l'organismo di controllo più vicino, compresi gli orari di apertura.
  • Fare controllare i funghi prima di mangiarli. Trovi qui gli organismi di controllo.
  • Mostrare rispetto per il mondo dei funghi.
  • Pensare agli agricoltori: richiudere le recinzioni metalliche, evitare i prati con erba alta.
  • Godersi la meraviglia, non abbattere o distruggere i funghi.

Assolutamente no:

  • Utilizzare un sacchetto di plastica per la raccolta. I funghi si rovinano rapidamente.
  • Preparare e mangiare funghi quando non si è sicuri.
  • Raccogliere troppi funghi. I funghi sono una prelibatezza. Non se ne dovrebbero consumare più di 200 g alla settimana, poiché i funghi selvatici possono assorbire metalli pesanti nocivi dal terreno. Sono anche difficili da digerire.
  • Riempire il cestino con un mucchio di funghi e resti di terra e portarli al servizio di controllo dei funghi (oggi conosciuto anche come consulenza sui funghi).
  • Gridare nella foresta, lasciare rifiuti o rovinare il suolo della foresta con un bastone.

Come riconoscere i funghi velenosi?

knollenblatter
knollenblatter
Molto velenoso!

La tignosa verdognola

Purtroppo non esiste uno schema per riconoscere i funghi velenosi. Esistono funghi commestibili e velenosi in molte specie. Bisogna approfondire l'argomento e la sistematica dei funghi. La tignosa verdognola è molto pericolosa.

Ci sono varietà che presentano un particolare rischio di confondersi?

Sì, e questi sono spesso mostrati fianco a fianco nel libri relativi ai funghi, con tanto di immagini.

champignon

Fungo commestibile:

Il prataiolo

 

knollenblatter

Fungo velenoso:

La tignosa verdognola

morchel

Fungo commestibile:

La spugnola

fruhlingslorchel

Fungo velenoso:

La gyromitra esculenta

steinpilz

Fungo commestibile:

Il fungo porcino

gallenrohrling

Fungo non commestibile:

Il porcino di fiele

eierschwamme

Fungo commestibile:

Il gallinaccio 

falscher-pfifferling

Fungo non commestibile:

Il falso finferlo

stockschwammchen

Fungo commestibile:

La famigliola gialla

nadelholzhaubling

Fungo velenoso:

La galerina marginata

perlpilz

Fungo commestibile:

La tignosa vinata

pantherpilz

Fungo velenoso:

Il tignosa bruna

Cosa fare in caso di sospetto avvelenamento da funghi?

  • Le persone con sintomi gravi, ad esempio nausea, vomito, diarrea, vertigini, devono chiamare l'ambulanza al numero di emergenza 144. I medici contatteranno poi Tox Info Suisse per informazioni su come procedere.
  • Persone con sintomi lievi o semplicemente preoccupate: Tox Info Suisse, numero di emergenza 145 attivo 24 ore su 24, fornisce informazioni su come procedere.
  • Nel frattempo, non mangiare né bere nulla (né acqua, né latte, né bevande alcoliche) senza l'indicazione del medico.
  • Se possibile, tenere da parte i rifiuti prodotti in cucina, gli avanzi o il vomito. Ciò consente agli esperti di funghi appositamente formati di identificare i funghi mangiati e ai medici di trattarli in modo appropriato.

Fonte: VAPKO.ch

Quando recarsi al centro di consultazione dei funghi & a cosa prestare attenzione?

I raccoglitori inesperti e anche quelli più esperti dovrebbero recarsi al centro di consulenza sui funghi alla minima incertezza e far controllare i funghi. Gli organismi di controllo sono disponibili sul sito web della VAPKO (Associazione degli organismi ufficiali di controllo dei funghi in Svizzera).

I funghi non riconoscibili devono essere prelevati completi (corpo fruttifero intero, cioè con cappello e base del gambo) e separati dagli altri funghi nel cestino. È meglio riporre le varietà non riconosciute in un sacchetto di carta per il pane, e poi tenerlo separato dagli altri funghi nel cestino. Io uso i sacchetti di carta per i panini della Migros. Portare con sé solo 1 - 3 specie sconosciute.

In quale periodo dell'anno e del giorno raccogliere i funghi?

Dipende dall'obiettivo, cioè dalle varietà di funghi desiderate. Ci sono sempre dei funghi da osservare e identificare. La spugnola, ad esempio, è uno dei funghi primaverili. Per molti la stagione dei funghi ha a che fare con l'autunno. Anche lì si può trovare spesso un'ampia varietà. Esistono numerosi funghi commestibili, ad esempio i porcini e i finferli. Vale la pena andare al mattino prima che lumache, vermi e insetti, così come altri funghi, trovino i tesori nascosti più deliziosi.

Dove si trovano più funghi?

Ognuno deve trovare da solo i posti giusti per raccogliere i funghi commestibili. È bene sapere che molti funghi commestibili vivono in simbiosi con un albero o un arbusto. Senza alberi non ci sono funghi, senza funghi non c'è foresta o almeno non c'è una foresta sana. Non serve andar lontano! Chi ha un bosco nelle vicinanze e vi si reca regolarmente, spesso ha delle sorprese. Anche le passeggiate lungo i margini delle foreste possono essere gratificanti.

Quali condizioni svolgono un ruolo importante?

Sono molte le influenze che determinano la comparsa dei funghi. Con il tempo e l'esperienza si impara a conoscerle meglio. Dopo un temporale, è possibile che il giorno successivo si trovino molti funghi solo nella regione interessata dal temporale. In condizioni di siccità o su pendii asciutti, non si trova nulla, anche se è presente l'albero o l'arbusto adatto. Poi ci sono periodi in cui anch'io penso che tutto sia effettivamente giusto eppure la natura si ferma. Mi chiedo allora se abbia qualcosa a che fare con il calendario lunare, ma per quanto ne so nessuno ha ancora fatto ricerche in merito.

(Continuazione in basso...)

Contenuti collegati

Vai al Dossier

Cosa è permesso e cosa non è permesso fare quando si raccolgono funghi?

Esistono regolamenti cantonali e comunali per la raccolta dei funghi. Da consultare sul sito web di VAPKO. Ad esempio, esistono periodi di protezione dei funghi e giorni di protezione. In alcuni cantoni vige anche il divieto di ricerca notturna, dove non si possono raccogliere funghi, oltre a limiti di quantità e altre norme.

Di cosa ho bisogno per raccogliere i funghi?

Per raccogliere i funghi è necessario un cestino o un sacchetto di stoffa e un coltello. Inoltre, sono importanti buone scarpe, abbigliamento adatto al clima (pantaloni lunghi nelle regioni con zecche), spray contro le zecche e altre misure contro le zecche. Dopo la raccolta, controllare di non avere addosso delle zecche.

Come si raccolgono i funghi?

Di solito si estraggono i funghi dal terreno sollevandoli leggermente con un coltello. A seconda del tipo di fungo, è possibile anche tagliarli. Nel caso di funghi sconosciuti, è bene raccoglierli integralmente per poterli ispezionare al meglio. Alla base del gambo sono spesso presenti caratteristiche distintive che distinguono i funghi commestibili da quelli velenosi. Si può anche notare la posizione e la vegetazione intorno al fungo. Anche questi forniscono importanti indizi sulla varietà. Due o tre esemplari di funghi sconosciuti sono sufficienti per l'identificazione.

Cos'altro bisogna considerare quando si va a funghi?

I funghi raccolti devono essere già puliti da terra e aghi nel bosco. Raccogliere i funghi solo quando sono in perfette condizioni. Se sono presenti vermi o aree bucherellate, il fungo non deve essere raccolto. Non raccogliere funghi molto giovani e vecchi.

Posso mangiare i funghi crudi quando li raccolgo?

I funghi selvatici devono essere cotti per 15-20 minuti. Le uova della tenia della volpe si trovano anche sui funghi selvatici. Non mangiate quindi i funghi crudi, ma cuoceteli o friggeteli. Solo il fungo di gelatina bianca e il fungo di gelatina rosso possono essere lavati bene e mangiati crudi in piccole quantità. Il tartufo può essere consumato anche crudo.

Gli champignon coltivati vengono spesso consumati crudi. Possono tuttavia causare disturbi allo stomaco, all'intestino o vomito in soggetti sensibili. Per questo motivo, Vapko raccomanda cautela nel consumo di champignon crudi.

Come devono essere conservati e trasportati i funghi?

Per lo stoccaggio o il trasporto devono essere utilizzati esclusivamente contenitori permeabili all'aria. Ad esempio, un cesto, un sacco di tela o un sacco per la raccolta dei funghi con una rete. I funghi raccolti devono essere ben ventilati e non schiacciati, quindi non bisogna impilarne troppi. La cosa migliore è un cesto largo con una profondità ridotta.

Non utilizzare sacchetti di plastica o altri imballaggi impermeabili all'aria. Il fungo «suda» e le proteine fermentano e si decompongono. I prodotti che ne derivano possono anche causare avvelenamenti. Non conservare i funghi nel sacchetto di plastica in frigorifero. Prima della cottura, pulire i funghi con una spazzola e senza acqua.

Dove posso saperne di più sulla raccolta dei funghi?

Esistono libri per la loro identificazione, si può andare con persone esperte, partecipare a corsi ed escursioni sui funghi o iscriversi a un club di funghi.

Cosa la affascina tanto della raccolta dei funghi? Come è iniziato il suo percorso?

Da bambina ho raccolto funghi con mia madre alcune volte. Allora non ne sapevamo molto, l'insegnante del paese controllava i funghi. Quando avevo circa 7 anni, ricordo un porcino gigante in una mostra di funghi. Ne sono rimasta estremamente affascinata. A 30 anni ho frequentato un corso sui funghi alla Scuola Club Migros di Coira. In seguito sono entrata a far parte dell'associazione micologica di Coira, nel 1997 ho sostenuto l'esame per diventare controllore di funghi a Landquart e ho iniziato a fare escursioni un anno dopo.

di Pia Teichmann,

pubblicato in data 18.09.2023


Potrebbe interessarti anche:

Dal 16.4 al 22.4: carote, mele Golden o zucchine bio a solo 1 franco

Scopri di più
Vitaminfranken IT