Internet Explorer non è più supportato

Per utilizzare al meglio il sito web ti preghiamo di usare un browser web attuale.

Borracce: quali sono le norme da seguire sul fronte dell'igiene?

Le borracce riutilizzabili sono molto diffuse. Ma cosa succede al liquido quando rimangono al sole per ore? E come si possono ripulire di nuovo in modo corretto? Risponde un esperto di acqua potabile.

Qual è il materiale migliore per le borracce?

Il vetro è il materiale migliore da pulire, resistente e riciclabile. Con il vetro, inoltre, le sostanze provenienti dal materiale della borraccia non finiscono nella bevanda - si parla di «Leaching» (lisciviazione). Ma il vetro è pesante e può rompersi. Non è detto che si voglia portare una borraccia di vetro nello zaino. In alternativa, sono adatte le borracce thermos in acciaio inox, che sono a loro volta di buona qualità e durevoli.

Sconsiglio le borracce in alluminio non rivestito, perché può essere attaccato da acidi come quelli contenuti nelle limonate o nei succhi di frutta. L'alluminio non è innocuo per la salute.

Le borracce in plastica sono sicure?

Il carbonio può penetrare nell'acqua dalla plastica delle borracce più economiche. Non è pericoloso, ma funge da alimento per i batteri. Ciò significa che può formarsi un cosiddetto biofilm più rapidamente all'interno delle borracce.

Il rischio per la salute derivante da altre sostanze, come l'antimonio derivante dalla produzione di PET o i plastificanti delle borracce in PVC, è stato finora smentito dagli studi. Inoltre, non è vero che il latte e i succhi di frutta sciolgono più sostanze dalla plastica. In queste bevande prevale l'acqua come solvente. Anche il valore di pH più basso dei succhi di frutta non influisce sulla lisciviazione.

Cosa succede se la borraccia viene lasciata troppo a lungo nell'auto calda?

Il latte o il succo d'arancia possono diventare imbevibili. Ma questo non ha nulla a che vedere con il materiale delle borracce stesse. Le bottiglie thermos in acciaio inossidabile, oggi molto diffuse, offrono un vantaggio in questo senso, perché mantengono le bevande fresche. Se le borracce in PET con acqua di dubbia provenienza vengono poste direttamente al sole per un tempo sufficientemente lungo (6 ore o più), la luce UV distrugge persino gli agenti patogeni. Abbiamo studiato questa disinfezione solare dell'acqua (metodo «Sodis») presso Eawag e ne abbiamo dimostrato l'efficacia.

Come si pulisce una borraccia riutilizzabile?

Se le borracce vengono pulite regolarmente, è sufficiente sciacquarle con un normale detersivo e acqua calda. I tensioattivi contenuti negli agenti di risciacquo aiutano a rimuovere eventuali biofilm dalla plastica. Se si strofinano anche le pareti interne con una spazzola morbida, si favorisce la rimozione del biofilm. Tuttavia, non bisogna strofinare troppo forte, altrimenti si rischia di graffiare il rivestimento interno. L'aceto può aiutare a rimuovere il calcare e il bicarbonato di sodio può contribuire a neutralizzare gli odori sgradevoli. Importante: pulire anche il coperchio e i bocchini.

(Continuazione in basso...)

Contenuti collegati

Il tipo di pulizia dipende anche dal precedente liquido contenuto nella borraccia?

Senz'altro. Lo zucchero - compreso il fruttosio dei succhi di frutta, lo zucchero del latte o lo zucchero di malto dell'Ovomaltina - è un nutrimento per tutto ciò che cresce, compresi i batteri. Pertanto, è certamente opportuno pulire più accuratamente le borracce se esse contenevano bevande zuccherate rispetto a quelle che contenevano solo acqua. Tuttavia, il risciacquo reiterato con acqua rimuove bene i nutrienti, le sostanze aromatiche e gli acidi, che sono facilmente solubili in acqua.

Il materiale della borraccia ha un ruolo nella pulizia?

Non sono a conoscenza di studi in merito. Ma se per pulire un thermos risulta necessario ricorrere a una spazzola metallica, vuol dire che si è già fatto qualcosa di sbagliato prima.

Un goccio di aceto nell'acqua di risciacquo può essere utilizzato per pulire quasi tutti i materiali, ad eccezione dell'alluminio non rivestito. Ma le odierne borracce in alluminio sono tutte rivestite.

I thermos sono realizzati in acciaio inossidabile, che è anche resistente ai graffi. Tuttavia, non vanno strofinate con una spazzola d'acciaio. La pulizia meccanica con spazzole è più problematica per le borracce in plastica che per il vetro, che può essere pulito in modo eccellente.

Con quale frequenza si deve pulire una borraccia riutilizzabile e per quanto tempo può essere utilizzata?

In linea di massima, dopo ogni utilizzo e se si notano cambiamenti di gusto o visivi. Se si pulisce poco o per niente la borraccia, con il tempo si formerà un biofilm viscido all'interno della stessa. In alcune circostanze, ciò può comportare un'alterazione del gusto della bevanda travasata. Tuttavia, nella maggior parte dei casi si tratta perlopiù di un problema estetico che di salute.

Con una cura adeguata, l'utilizzo di queste borracce non rappresenta un problema per diversi anni. Le normali borracce in PET o PVC finiscono per decomporsi, soprattutto se vengono lasciate spesso al sole, cioè alla luce UV. Poi diventano fragili. A un certo punto, le fessure diventano così grandi che le borracce non risultano più ermetiche.

Prodotti adatti

di Regina Speiser,

pubblicato in data 02.08.2022


Potrebbe interessarti anche:

Abbonati alla newsletter iMpuls e vincere una carta regalo Migros

Iscriviti subito e vinci
geschenk-icon0