Internet Explorer non è più supportato

Per utilizzare al meglio il sito web ti preghiamo di usare un browser web attuale.

Chiudi

Vuoi vivere più sano?

Vuoi vivere più sano?

«L'intelligenza è soprattutto una questione di fortuna»

O ce l'hai o non ce l'hai: l'intelligenza è genetica. Tuttavia, anche l'assiduità, la provenienza e la famiglia giocano un ruolo decisivo, e non sempre in senso positivo, come spiega nell'intervista la ricercatrice sull'intelligenza Elsbeth Stern.

Elsbeth Stern, vorremmo iniziare con una domanda personale...

Se volete sapere qual è il mio quoziente intellettivo, non ve lo dirò.

Perché no?

Perché sono dell'idea che ci sono delle cose private che non si devono dire a tutti. Queste includono, ad esempio, il mio peso, la mia situazione finanziaria, le mie relazioni o persino il mio quoziente intellettivo.

Ma conosci il tuo quoziente intellettivo?

Sì, ho fatto il mio primo test di intelligenza nel 1977, quando ho iniziato a studiare psicologia. Ero abbastanza soddisfatta del risultato.

Vorresti comunque essere più intelligente?

Sicuramente! L'intelligenza non è mai abbastanza.

Cosa intendi per intelligenza?

Che si è in grado di risolvere compiti in modo efficiente e di imparare cose nuove da soli, grazie alle conoscenze esistenti.

Cosa determina se si è in grado o meno?

Molto dipende dalla genetica. I geni creano le condizioni per lo sviluppo del nostro cervello e per l'elaborazione delle informazioni.

Questo significa che avere un QI elevato è una questione di fortuna?

Fondamentalmente, è come l'aspetto: se si è più o meno belli, magri o tendenzialmente in sovrappeso, tutto ciò è predeterminato. Il QI è anche una questione di fortuna. Ma naturalmente abbiamo anche bisogno di un ambiente in cui sviluppare il nostro potenziale genetico.

Di cosa si tratta?

Per esempio, se un bambino ha una buona predisposizione, ma la madre beve alcolici durante la gravidanza, questo nuoce alla sua intelligenza. Inoltre, anche la provenienza influisce sull'intelligenza: in Scandinavia i bambini vengono stimolati molto presto a scuola e quindi le differenze familiari si appianano. È perciò l'intelligenza a determinare chi andrà più lontano e quanto. È diverso negli Stati Uniti, dove lo status sociale e la scuola frequentata hanno un impatto maggiore. L'intelligenza in sé gioca un ruolo minore. Le variazioni genetiche di una persona forniscono quindi il quadro di riferimento, ma è l'ambiente a determinarne l'evoluzione.

Quanto incide la famiglia di origine sullo sviluppo intellettivo dei bambini in Svizzera?

I genitori con molti soldi possono compensare molte cose al giorno d'oggi.  Quando dei genitori benestanti assumono tate anglofone, i loro figli imparano a parlare l'inglese molto bene fin da piccoli. Al liceo, possono usarlo in seguito per compensare gli scarsi risultati in altre materie, come la matematica. Quindi non è più solo l'intelligenza a prevalere e per me è un grosso problema.

Quanto è decisiva l'assiduità?

Bisogna applicarsi per apprendere tutto ciò che è impegnativo. Quindi l'intelligenza è, nel migliore dei casi, un diamante grezzo che deve essere levigato. Quando due persone con un livello di intelligenza diverso hanno lo stesso obiettivo di apprendimento, il più intelligente lo raggiunge in modo più semplice e veloce. Ma anche solo studiando e lavorando assiduamente si può andare lontano in molti settori. Per diventare un fisico teorico, questo non è però sufficiente.

Se una persona è molto intelligente, questo vale per tutti i settori della nostra vita o si può essere maggiormente portati o per la matematica o per le lingue?

L'intelligenza è largamente indipendente dal contenuto. Soggettivamente, si ha la sensazione di andare meglio o nelle lingue o in matematica. Dipende molto dai voti. 

Quindi non si può necessariamente dedurre il grado di intelligenza dai voti?

No. I voti scolastici non sono completamente avulsi dall'intelligenza, ma ci sono anche persone molto intelligenti che vanno male a scuola e viceversa. 

I test del QI sarebbero più adeguati?

Quando si parla del potenziale di una persona: sicuramente. Tuttavia, sono contraria all'uso di test del QI al posto dei voti scolastici. Perché, in fin dei conti, i bambini devono essere in grado di fare i conti, leggere e scrivere per avere successo al liceo. Inoltre, è possibile prepararsi ai test del QI e i genitori che oggi desiderano che i propri figli frequentino dei centri di apprendimento li mandano semplicemente da uno psicologo.

Ci sono comunque situazioni in cui un test del QI può essere utile?

Sì, ad esempio, se un bambino non usa la sua intelligenza perché non parla la lingua nazionale. O quando genitori e insegnanti non sono d'accordo sul potenziale di un bambino. Un test del QI è utile per mostrare di quale tipo di sostegno ha bisogno il bambino. Tuttavia, va detto che il QI si stabilizza solo intorno ai 10-12 anni.

(Continuazione in basso...)

Contenuti collegati

Quanto è determinante l'intelligenza nella scelta della professione?

Questo aspetto non deve essere sottovalutato. Se qualcuno svolge una professione per la quale non dispone del livello di intelligenza necessario, sarà infelice. Inoltre, sarebbe negativo per la società se non è in grado di svolgere la propria funzione. Se molte persone con una scarsa flessibilità mentale rivestono posizioni importanti in una società, questa si avvia verso la mediocrità, nel migliore dei casi.

Le persone intelligenti hanno più successo a livello professionale?

Ci sono buoni esempi al riguardo, sì. Ma devono riuscire a frequentare i corsi di formazione giusti. Se si vuole avere successo come medico o avvocato, si deve prima studiare medicina o legge. Ecco perché è importante valutare bene fin dall'inizio chi accede al liceo.

Ma c'è anche la possibilità di effettuare una formazione in un secondo momento.

La flessibilità del nostro sistema di istruzione pubblica presenta molti vantaggi. Ma porta anche i bambini che hanno il potenziale per andare all'università a seguire prima una formazione professionale, perché possono comunque frequentare l'università in seguito. Ma chi vuole lasciare il lavoro a 25 anni per fare gli esami di maturità non solo ha bisogno di molta disciplina, ma anche di una certa sicurezza finanziaria. Non tutti possono permetterselo.

Discussione sul mondo del lavoro a parte, c'è anche la possibilità che le persone molto intelligenti tendano a essere più infelici o socialmente incompetenti. Per quale motivo?

Credo che il pregiudizio derivi dalla credenza che anche le persone intelligenti debbano avere i loro problemi. In realtà, è vero il contrario: in media, le persone intelligenti sono in grado di controllare meglio le proprie emozioni, affrontano meglio le situazioni difficili e sono generalmente più felici.

Quindi essere intelligenti ha solo vantaggi?

Sì, a meno che non si riesca a realizzare il proprio potenziale. Chi pensa costantemente di poter fare tutto tre volte meglio dei propri superiori finirà per avvertire una certa frustrazione. Le persone intelligenti hanno fondamentalmente una scelta: possono dedicarsi a un'attività più semplice con pochi sforzi oppure applicarsi e avanzare in aree impegnative. Tuttavia, hanno uno svantaggio: è più probabile che portino gli occhiali, anche se non è chiaro il motivo.

di Deborah Bischof e Monica Müller Poffa,

pubblicato in data 13.09.2023


Potrebbe interessarti anche:

Concorso: vincete subito i buoni SAC.

Partecipa ora
Paar wandert zu SAC Hütte