Internet Explorer non è più supportato

Per utilizzare al meglio il sito web ti preghiamo di usare un browser web attuale.

Avvelenamento del sangue: una linea rossa sotto la pelle è un segnale di allarme

Se gli agenti patogeni penetrano nel sistema linfatico, si può verificare un avvelenamento del sangue. Ecco come comportarsi.

Inizia con una lesione, che può essere piccola. Gli agenti patogeni vi penetrano e, se entrano nel sistema linfatico, possono dar luogo a quello che viene chiamato colloquialmente avvelenamento del sangue.

Come si riconosce una tale evenienza?

Questo avvelenamento del sangue si riconosce da una linea rossa sotto la pelle che si allunga e si estende verso il centro del corpo. Questo arrossamento è un segno che i batteri sono entrati nel corpo nel punto della lesione e si stanno diffondendo rapidamente. Lo fanno attraverso i vasi linfatici. Il decorso del rossore corrisponde al decorso dei canali linfatici.

Non tutti gli avvelenamenti del sangue sono uguali

I profani e i medici professionisti intendono il termine avvelenamento del sangue in modo diverso. Quando i medici parlano di sepsi, o avvelenamento del sangue, intendono un'infezione potenzialmente letale che si è già diffusa in tutto il corpo.

Lasepsi può svilupparsi da qualsiasi altra infezione, come ad es. un'infezione della vescica, un'infezione di una ferita, una polmonite o una piccola perdita nell'intestino. Questo porta a sintomi generali di malattia perché l'infezione, precedentemente localizzata, si diffonde a tutto il corpo. Gli agenti patogeni si diffondono ovunque con il sangue. Si verificano poi un calo della pressione arteriosa, spesso febbre, gravi segni di malessere e talvolta anche confusione. Senza un trattamento efficace, la sepsi può danneggiare gravemente un'ampia gamma di organi e portare, ad esempio, all'insufficienza renale e persino alla morte. Le persone colpite devono spesso essere trattate in terapia intensiva.

Il cosiddetto avvelenamento del sangue in gergo è molto meno pericoloso in confronto - se trattato rapidamente. Tuttavia, se trascurato, può a sua volta degenerare in sepsi. 

(Continuazione in basso...)

Contenuti collegati

Ecco come si diffonde l'avvelenamento del sangue

Non solo i vasi sanguigni, cioè arterie e vene, ma anche i vasi linfatici attraversano il corpo. L'acqua, le proteine, le cellule distrutte e i grassi - la cosiddetta linfa - vengono trasportati via in questi canali linfatici. La linfa proviene dai piccoli spazi tra le cellule del corpo.

I canali linfatici «aspirano» la linfa in tutto il corpo. Infine, attraverso il sistema linfatico, essa raggiunge una grossa vena ed entra nuovamente nel flusso sanguigno.

Quali sono i sintomi?

Quando gli agenti patogeni entrano nel sistema linfatico, raggiungono anche i linfonodi prossimali. Questi linfonodi fungono da «sentinelle». Quando si verifica un'infezione, le cellule di difesa accorrono per distruggere gli agenti patogeni. Durante questa reazione di difesa, i linfonodi si gonfiano e possono far male. Anche la lesione originaria, ad esempio alla mano, diventa più dolorosa con l'avvelenamento del sangue.

Come si cura l'avvelenamento del sangue e come si può prevenire?

Ecco come praticare la cura delle ferite:
  • Sciacquare e pulire bene la ferita con acqua pulita o con un disinfettante adeguato non appena possibile.
  • Fasciare con cerotto o materiale di medicazione sterile.
  • È necessario recarsi dal medico se aumenta il dolore (spesso pulsante) nell'area della ferita, se l'area intorno alla ferita si gonfia o inizia ad arrossarsi o se fuoriesce del pus.
  • Per questo, se ci si ferisce, è opportuno verificare (o far verificare a chi di competenza) se è necessaria una dose di richiamo del vaccino antitetanico.

La prima cosa da fare in questo caso è far pulire e disinfettare la ferita a regola d'arte. Quindi il medico immobilizzerà questa parte del corpo, ad esempio con una stecca e un bendaggio. Poiché i batteri sono responsabili dell'avvelenamento del sangue, ai soggetti colpiti viene somministrato anche un antibiotico. Con queste misure, l'avvelenamento del sangue guarisce solitamente in pochi giorni.

L'avvelenamento del sangue può essere prevenuto evitando le lesioni. Se ci si procura una ferita, la migliore protezione contro l'avvelenamento del sangue è una cura immediata e corretta della ferita.

di Dr. med. univ. Ulf-Michael Werner,

pubblicato in data 27.05.2022


Potrebbe interessarti anche:

Abbonati alla newsletter iMpuls e vincere una carta regalo Migros

Iscriviti subito e vinci
geschenk-icon0