Internet Explorer non è più supportato

Per utilizzare al meglio il sito web ti preghiamo di usare un browser web attuale.

Chiudi

Vuoi vivere più sano?

Vuoi vivere più sano?

Vaccinazione contro l'herpes zoster (fuoco di Sant'Antonio)

Solo poche persone si vaccinano contro il fuoco di Sant'Antonio, una misura preventiva che invece potrebbe evitare molte sofferenze. Il Prof. Dr. med. Stefan Kuster risponde alle domande più importanti sulla vaccinazione contro l'herpes zoster.

L'herpes zoster è una malattia virale molto fastidiosa che si manifesta con una dolorosa eruzione cutanea accompagnata da intenso bruciore. È solitamente causato dalla riattivazione del virus della varicella-zoster, perché si tratta dello stesso virus che provoca la varicella nell'infanzia. Dopo la guarigione dalla varicella, il virus rimane dormiente nell'organismo. Da qualche anno è possibile proteggersi da entrambe le malattie.

Esiste un vaccino contro l'herpes zoster?

Sì, nel 2017 è uscito un vaccino in Svizzera. Quattro anni dopo è stato autorizzato un vaccino migliore, lo Shingrix, che viene somministrato due volte, a distanza di due mesi, attraverso un'iniezione intramuscolare nella parte superiore del braccio. È possibile farsi vaccinare negli studi medici o in farmacia. L'assicurazione di base si assume i costi, ma solo dietro prescrizione medica. In farmacia, i costi sono a carico della persona vaccinata.

skuster
La paura degli effetti collaterali non deve bloccare le persone. La malattia in sé è molto più grave.
Prof. Dott. med. Stefan Kuster, Primario del reparto malattie infettive all'Ospedale cantonale di San Gallo.

A chi è consigliata la vaccinazione?

La vaccinazione è generalmente indicata a partire dai 65 anni e consigliata alle persone immunodepresse dai 50 anni. «L'efficacia è molto buona», afferma Stefan Kuster, primario del reparto malattie infettive dell'Ospedale Cantonale di San Gallo. Come dimostrano gli studi condotti sugli ultrasettantenni, la vaccinazione previene l'herpes zoster nel 90% dei casi. Tuttavia, sono solo in pochi a vaccinarsi, afferma dispiaciuto. «Questo probabilmente a causa della mancanza di informazione o per il diffuso scetticismo nei confronti dei vaccini», spiega lo specialista.

Quali effetti collaterali può avere la vaccinazione?

Si può avvertire dolore nella sede dell'inoculo accompagnato a volte da arrossamento, gonfiore o prurito. Inoltre, dopo la vaccinazione si osservano occasionalmente stanchezza, febbre, mal di testa, dolori muscolari e disturbi gastrointestinali. Gli effetti collaterali compaiono nei primi tre giorni e non dovrebbero durare più di tre giorni. Per alleviare il dolore si può assumere un antidolorifico. «La paura degli effetti collaterali non deve bloccare le persone. Vaccinarsi è importante», sottolinea Kuster. La malattia in sé è molto più grave.

In che altro modo è possibile proteggersi dall'herpes zoster?

La vaccinazione contro la varicella può prevenire l'ingresso nell'organismo dei virus varicella-zoster che causano la malattia. L'immunizzazione fa parte del programma di vaccinazione dei neonati dall'inizio del 2023. Il vaccino viene somministrato tra i 9 e i 12 mesi in due dosi, insieme ai vaccini contro morbillo, parotite e rosolia. La vaccinazione è consigliata anche alle persone di età inferiore ai 40 anni che non hanno mai avuto la varicella. «In virtù della vaccinazione dei neonati è prevedibile che anche l'herpes zoster si presenti sempre meno nel giro di qualche decennio», afferma l'infettivologo Kuster. Se questo fosse vero, anche la vaccinazione contro l'herpes zoster potrebbe divenire superflua.

Maggiori informazioni sulle malattie infettive

Vai al dossier

di Andrea Söldi,

pubblicato in data 23.06.2024


Potrebbe interessarti anche questo

Outdoor Fitness: una sferzata di freschezza per la salute

Prova adesso
2160x2160_Programm_Bilder_Kochen