Internet Explorer non è più supportato

Per utilizzare al meglio il sito web ti preghiamo di usare un browser web attuale.

Attenzione alle alghe azzurre: cosa c'è da sapere

Il bagno in uno stagno o in un lago rinfresca piacevolmente ed è una gioia, soprattutto nella stagione calda. Le alghe azzurre, tuttavia, hanno messo i bastoni tra le ruote. Quanto sono pericolose, dove si trovano e a cosa bisogna prestare attenzione?

Quanto sono pericolose le alghe azzurre e come riconoscerle?

Cosa sono le alghe azzurre?

Le alghe azzurre sono tra le forme di vita più antiche della Terra. Probabilmente sono stati i primi organismi in grado di ricavare l'energia direttamente dalla luce solare attraverso la fotosintesi, rilasciando ossigeno nell'atmosfera. Come i batteri, le alghe azzurre presentano una struttura cellulare semplice, senza un autentico nucleo. In ambito scientifico, si parla quindi di cianobatteri. Anche le alghe rosso bordeaux, facilmente riconoscibili, appartengono alle famiglia dei cianobatteri.  In una bella estate con tempo stabile, si trovano a una profondità di 8-15 metri e quindi a una distanza di sicurezza dai bagnanti. A causa della variabilità del tempo, tuttavia, i primi accumuli di Planktothrix rubescens sono comparsi sulla superficie del lago già nel settembre 2020, ancora durante la stagione balneare.

Le segnalazioni di cani morti suggeriscono che anche l'ingestione di piccole quantità di alghe lungo le sponde può rappresentare un pericolo per gli animali e forse anche per i bambini. 

Un'alta concentrazione di alghe azzurre nei laghi è visibile a occhio nudo. Se l'acqua è torbida, presenta striature oleose o si sfalda, di solito è segnale di presenza di alghe azzurre. Inoltre, l'acqua ha spesso un cattivo odore, paragonabile a quello della muffa e della terra. Un'altra indicazione: se siete immersi fino al ginocchio nell'acqua e non riuscite più a vedere i vostri piedi, non dovreste fare il bagno. Questo è quanto si legge nell'opuscolo sulle alghe azzurre del Cantone di Zurigo. I Cantoni hanno la responsabilità di avvisare la popolazione, e lo fanno attraverso vari canali e direttamente sul posto, con cartelli che avvertono di non fare il bagno sul bordo del lago vicino ai moli e nelle aree di balneazione. Le informazioni sulla qualità dell'acqua sono disponibili presso il rispettivo ufficio cantonale per la protezione delle acque.

Dove si trovano le alghe azzurre?

Le alghe azzurre crescono perlopiù in acque calme e ricche di sostanze nutritive, come laghi e stagni, con molta luce solare. I fiumi tendono a essere risparmiati. Se un periodo di bel tempo è seguito da un tempo variabile, può verificarsi una forte crescita di alghe nel giro di pochi giorni. A seconda del vento e delle condizioni meteorologiche, la situazione può cambiare rapidamente. Nonostante il miglioramento della qualità dell'acqua con una riduzione dei nutrienti negli ultimi decenni, il Greifensee vicino a Zurigo e alcuni piccoli laghi hanno registrato ancora una forte crescita di alghe per un breve periodo in estate e in autunno. Anche il lago di Neuchâtel - il più grande lago situato interamente in Svizzera - è costantemente infestato da alghe azzurre.

In quale stagione bisogna aspettarsi le alghe azzurre?

Dall'estate all'autunno. L'aumento delle temperature dell'acqua, dovuto ai cambiamenti climatici, prolunga la fase autunnale in cui le alghe trovano condizioni di crescita favorevoli. Negli ultimi anni, inoltre, le piscine sono rimaste aperte qualche settimana in più. Condizioni meteorologiche stabili con molto sole fino all'inizio di ottobre porteranno quindi a un aumento delle fioriture delle alghe azzurre verso la fine della stagione balneare nei prossimi anni.

Cosa devo fare se rilevo la presenza di alghe azzurre?

In sostanza, la migliore protezione è stare fuori dall'acqua. Ciò vale in particolare per le persone con pelle sensibile e, soprattutto, per i bambini piccoli. Se volete comunque rinfrescarvi, limitate il nuoto nel lago alle zone con acqua limpida, non bevete o ingerite acqua e fatevi una doccia e asciugatevi bene subito dopo.

(Continuazione in basso...)

Contenuti collegati

Cosa devono fare i proprietari di cani?

Tenere il cane lontano dall'acqua torbida, comprese le pozzanghere. In acque torbide, il cane non dovrebbe giocare o nuotare, né tantomeno bere l'acqua o mangiare alghe.Se il cane si butta comunque in acqua, bisogna assolutamente evitare che si lecchi le zampe o il pelo. Sciacquare immediatamente il manto con acqua pulita e asciugare bene.

Le alghe azzurre possono finire nell'acqua potabile?

L'acqua dei laghi viene prelevata da strati d'acqua più profondi. In questo modo, si evita che i tappeti di alghe estivi entrino nel sistema dalla superficie quando l'acqua del lago viene utilizzata come acqua potabile. Quando il lago si mescola, di solito in inverno, possono essere aspirati anche i cianobatteri. Le aziende di approvvigionamento idrico monitorano quindi attentamente l'acqua grezza ed evitano che le cianotossine entrino nell'acqua potabile fornita mediante un trattamento adeguato.

Quali sintomi si manifestano quando si entra in contatto con le alghe azzurre tossiche?

  • Irritazione della pelle e delle mucose e congiuntivite
  • Vomito e diarrea
  • Difficoltà di respirazione, sensazione di debolezza, disturbi della coscienza
  • Crampi muscolari
  • Reazioni allergiche

Come reagiscono i cani e gli altri animali?

Possono presentare sintomi acuti di avvelenamento. Nel cane questi sono:

  • Vomito e diarrea
  • Respiro affannoso, debolezza, disturbi della coscienza
  • Ipersalivazione e tremori muscolari
  • Paralisi e crampi

I sintomi possono comparire già pochi minuti dopo il contatto e possono portare rapidamente alla morte. Si sospetta che i cani siano morti nei laghi Greifensee e di Neuchâtel nella stagione 2022 dopo essere entrati in contatto con le alghe azzurre.

Dove posso segnalare i sintomi gravi?

In caso di sintomi di avvelenamento, contattare immediatamente Tox Info Suisse al numero 145 o consultare un medico (veterinario nel caso di cani).

 

Fonti:

di Silvia Schütz,

pubblicato in data 28.06.2022


Potrebbe interessarti anche:

È tempo d'autunno: ricette, consigli e idee

Scopri adesso
herbst-sticky