Internet Explorer non è più supportato

Per utilizzare al meglio il sito web ti preghiamo di usare un browser web attuale.

Sindrome da stress post-traumatico: aiuto alle persone traumatizzate

Guerre, torture, stupri, incidenti o disastri naturali a volte perseguitano le vittime per anni. Terapie specializzate aiutano le persone traumatizzate a superare questi terribili eventi.

Si svegliano dal sonno a causa degli incubi, sono colti da ansia improvvisa nella vita quotidiana e hanno difficoltà a concentrarsi sul lavoro. Quando i ricordi di esperienze come guerre, torture o aggressioni sessuali affliggono le persone a lungo termine, si parla di disturbo post-traumatico da stress. Anche la depressione e i pensieri suicidi sono frequenti.

Quando i ricordi traumatici affiorano

A volte i disturbi si manifestano poco dopo l'evento, ma spesso solo diversi anni o addirittura decenni dopo. «Quando si verifica una cesura nella nostra vita, possono emergere all'improvviso ricordi che abbiamo a lungo represso» spiega Jochen Binder, primario dell'Ambulatorio per i Disturbi da Trauma presso la Psichiatria Integrata di Winterthur - Zürcher Unterland. Un caso tipico, ad esempio, è quello in cui una persona professionalmente impegnata e di successo è costretta a rimanere a casa a causa di una gamba rotta e ha molto tempo per pensare.

Anche il ricongiungimento con una persona del passato può essere un fattore scatenante. In queste situazioni, le persone traumatizzate si rendono conto del motivo per cui hanno sempre paura delle porte chiuse, ad esempio, o vanno nel panico quando qualcuno indossa un maglione rosso: in particolare, perché sono state rinchiuse nell'infanzia o perché qualcuno con un maglione rosso ha fatto loro violenza.

Chi è colpito dal trauma

Tuttavia, non tutte le esperienze terribili portano necessariamente a un trauma. «In linea di massima, gli esseri umani sono sorprendentemente robusti», afferma lo psichiatra. «Riusciamo a impattare una grande quantità di stress». Una personalità stabile e ben radicata nella vita non rischia di essere completamente stravolta da un singolo terribile incidente. Tuttavia, per una persona già provata, questa può essere la goccia che fa traboccare il vaso. Diverso è anche se ad essere colpito è un intero gruppo - ad esempio nel caso di un terremoto - e si riscontra molta comprensione e solidarietà, o se si è soli ad affrontare l'esperienza. Il trauma si verifica molto spesso quando una persona infligge deliberatamente dolore psicologico o fisico a un'altra, ad esempio durante la tortura.

In Svizzera, sono soprattutto le persone con un background migratorio ad avere avuto esperienze di questo tipo. Nella popolazione cresciuta qui, invece, le cause del disturbo post-traumatico da stress sono più spesso da ricercare nell'ambiente domestico. I temi comuni sono la violenza, l'abbandono e la violenza sessuale. Quest'ultimo è particolarmente problematico se l'autore del reato è una persona familiare che non è solo malvagia, spiega Binder. Molte vittime di violenza sessuale hanno poi difficoltà a condurre una vita sessuale soddisfacente.

(Continuazione in basso...)

Contenuti collegati

Vai al Dossier

Diagnosi: il problema del trauma viene spesso trascurato

Fino a una decina di anni fa, il trauma non era un argomento di formazione per gli operatori sanitari, afferma Binder. Questo è probabilmente il motivo per cui molti terapeuti non ne sono molto consapevoli. Più volte, ha visto persone in cura per anni senza che venissero esortate a riferire i dettagli del rispettivo trauma. «Inoltre, molti terapeuti hanno probabilmente paura di innescare qualcosa che può aprire un intero vaso di Pandora». Quando ciò accade, a volte è necessario un ricovero in una struttura specializzata, dove viene prestata un'assidua assistenza. Alcune persone soffrono di flashback, hanno incubi, tendenze suicide o sentono il bisogno di allontanarsi dai propri familiari.

Trattare il trauma: riconquistare la fiducia

Di norma, tuttavia, le terapie possono essere eseguite su base ambulatoriale. Si utilizzano vari metodi speciali, tra cui il metodo EMDR (Eye Movement Desensitisation and Reprocessing): mentre il paziente ripensa alla brutta esperienza, guarda con gli occhi il dito del terapeuta che si muove avanti e indietro. Questa stimolazione aiuta il cervello a elaborare le esperienze stressanti. La comunicazione verbale è indispensabile per la terapia del dialogo. Per le persone con un background migratorio è quindi necessario consultare degli interpreti.

In sostanza, si tratta di trovare un accesso all'esperienza traumatizzante e di ridurre la paura, spiega il medico. «Molti di coloro che sono stati colpiti vivono con la sensazione che questa cosa terribile possa ripetersi in qualsiasi momento. Devono imparare che la minaccia è finita e imparare di nuovo a vivere nel qui e ora». Occorre ridurre lo stress interiore e rafforzare la sensazione di controllo. Anche le terapie orientate al corpo, come gli esercizi di rilassamento o le forme di espressione non verbale, come l'arte o la musicoterapia, possono risultare utili. Esse, infatti, consentono un accesso più diretto ai sentimenti rispetto ai colloqui verbali. D'altra parte, non si ricorre quasi a nessun farmaco, se non al limite, a un aiuto per dormire.

Le probabilità di successo sono relativamente buone, afferma Jochen Binder. «Naturalmente non si può cancellare l'esperienza dalla memoria». Nella maggior parte dei casi, tuttavia, le persone colpite sono in grado di affrontare meglio la situazione e sono meno limitate nella loro vita. Per alcuni è questione di pochi mesi, per altri di anni.

di Andrea Söldi,

pubblicato in data 31.05.2022


Potrebbe interessarti anche:

Quiz estivo Migros. Gioca ora e vinci fantastici premi.

Vai al quiz estivo
iMpuls_Sticky_Teaser_Sommer_Quiz_Webseite